La pillola del giorno 001 – Mano destra o mano sinistra?.

Pillola del giorno 1 kali filippino Escrima sia con la mano Sx che con la mano Dx allenarsi con entrambe le mani è fondamentale

Mano destra o mano sinistra?.

La capacità di utilizzare entrame le mani con un arma è un elemento essenziale se vuoi sviluppare un corretto approccio al combattimento dove entrambe le mani lavorano in simbiosi e coordinate per uno scopo comune.

É molto importante studiare il coltello e il bastone (se pratichi il Kali filippino/Escrima ancora di più) sia con la mano Sx che con la mano Dx, e studiare su queste condizioni tutte le varianti del caso.

Non ti limitare a usare sempre la stessa mano armata e soprattutto allenati anche con dei mancini.

Si hai capito bene!!! 

Quindi devi fare le stesse cose con:

  • La tua mano Dx su mano armata Dx
  • La tua mano Dx su mano armata Sx
  • La tua mano Sx su mano armata Dx
  • La tua mano Sx su mano armata Sx

Ti racconto una mia esperienza per alcuni mesi due volte alla settimana ho fatto delle lezioni private di coltello ad un ragazzo mancino, questa cosa è stata illuminante perché per 6 mesi con lui mi sono allenato con la mano opposta senza rendermene conto, ma una cosa è successa, utilizzavo in egual modo entrambe le mani, anzi, in alcune cose lavoravo meglio con la mia mano sinistra armata.

Non avrei mai pensato di raggiungere un livello di abilità tale con la mia mano “opposta”, anzi ora ci sono alcune cose che riesco a fare addirittura meglio con la mano “opposta” rispetto alla mano dominante.

Non allenarti solo con la tua mano naturale ma studia ed esplora cosa succede se usi il bastone o il coltello con l’altra mano.

Ps. La stessa cosa dovresti provarla a mano nuda invertendo la guardia, considera che nel kali il concetto di lavoro in simmetria è alla base del sistema, devi portare il tuo livello al punto che non c’è nessuna differenza nell’utilizzare la mano destra e la mano sinistra.

Prova le tecniche Sx vs Sx e anche le varianti con Dx vs Sx e viceversa.

  • Attacchi,
  • Parate,
  • Disarmi,
  • Dumog,
  • ecc.

Questo ti permette di esplorare e scoprire una miriade di varianti e ti dà una maggiore comprensione delle tecniche che hai studiato.

PS. allenarsi in questo modo (non con la tua mano “naturale”) é una vera GINNASTICA per la tua mente che ti fa aprire un mondo nuovo scoprendo varianti e situazioni che prima non avevi immaginato.

Scoprirai come devi variare il tuo approccio e il tuo sistema difensivo e di disarmi quando la mano armata che ti attacca non è dal “solito” lato o che si trova dallo stesso lato della tua mano armata.

Questo approccio è fondamentale per fare evolvere le tue capacità di adattarti alle varie situazioni, non limitarti ai soliti approcci didattici standard.

Allenati con l’altra mano.

Andrea

10 modi per utilizzare il bastone da passeggio nella difesa personale

Walking StickOggi ti voglio parlare dell’utilizzo del classico bastone da passeggiata con manico ricurvo nella difesa personale.

Non pensare che la nobiltà nel passato girava per le strade delle città con il bastone solo perché erano zoppi, anzi, quella era il loro sistema di difesa personale.

Il walking  stick è stato lo strumento da difesa personale utilizzato dai nobili nel passato perché oltre a essere un oggetto ornamentale era all’occorrenza un efficace strumento di difesa, e spesso il pomo era con forme pesanti e contundenti se non addirittura nascondeva uno stiletto.

image

Ora senza dilungarmi troppo ti voglio fornire alcune idee sul suo utilizzo per la difesa personale, delle istruzioni con varie tecniche di difesa a base di bastone da passeggio.

Molti stili di arti marziali si allenano studiando l’utilizzo della difesa con bastone da passeggio con manico ricurvo tra cui Hapkido, Bartitsu, ecc. ma la maggior parte delle arti marziali non prende in considerazione il bastone da passeggio pur essendo qualcosa di molto comune non solo in Italia.

Inoltre devi considerare che il bastone da passeggio può essere utilizzati da anziani o da persone con problemi a piedi in situazioni di autodifesa.

Una bastone con manico ricurvo ha molteplici vantaggi utilizzato come arma nelle arti marziali, ma il bastone in generale ha molteplici vantaggi come arma di offesa, grazie all’utilizzo di punta (per stoccate e spinte) e la sua lunga asta di legno (per colpi, blocchi e leve articolari).

Inoltre, ha anche il vantaggio che il manico a gancio aiuta nelle tecniche di attacco, di intrappolamento o soffocamento di un  aggressore.

Alcuni bastoni hanno l’uncino modificato con la punta smussata per diventare più contundenti quando va ad agganciare.


Considera che esistono per la punta diverse possibilità:
✔ Punta tradizionale in legno.

✔ La parte del bastone può essere coperta da un tappo in gomma e sotto nasconde una punta perforativa per aumentare la sua efficacia.

✔ Esistono in commercio dei tappi con un sistema in fondo per estrarre una punta ricurva solo quando serve.

  

Il bastone dalla parte del manico se ricurvo come ti ho già detto ha anche il vantaggio e la funzione di poterlo utilizzare per agganciare, sbilanciare, per utilizzarlo per intrappolare o soffocare un attaccante.

Le 9 tecniche con bastone da passeggio che devi assolutamente conoscere e imparare:

* Attacchi base con il bastone e parate

* Difesa con bastone da un avversario che ti afferra o afferra il bastone

* Difesa con bastone da attacco con coltello

* Armbar con bastone da attacco di pugno

* Difesa con bastone da un attacco di pugno

* Utilizzo del bastone a uncino in una situazione di difesa personale.

* Utilizzo del bastone di punta e taglio e taglio e punta come nella scherma

* Utilizzo del bastone per sbilanciare o proiettare un aggressore.

* Rotazione del bastone per colpire i genitali

 

Allenati con il walking stick

Andrea

Alcune cose ovvie sul combattimento da strada

Alcune cose ovvie: Oltre il 95% dei combattimenti di strada finisce a terra, quindi le abilità di combattimento a terra sono estremamente importanti per l’auto-difesa.

Perché ti dico questo?.

Il motivo è che tutti i sistemi di difesa personale ti dicono che non devi mai finire a terra ma la realtà è ben diversa come dimostrano migliaia di video di scontri per strada o allenamenti in palestra con contatto pieno.

Anche se ti dicono di no si finisce a terra.

L’unica situazione reale in cui non devi mai finire a terra è quando gli avversari sono multipli.

In questo caso la tua strategia deve essere molto diversa e particolare attenzione deve essere posta oltre che a non essere accerchiato anche a non finire mai a terra per ovvi motivi e se ci finisci devi alzarti il più velocemente possibile.

Ora tornando al tema di oggi, la tua strategia può essere quella di non andare a terra e puoi lavorare su questo aspetto ma se ci finisci e non ho un bagaglio tecnico base di lotta puoi solo sperare che l’altro non sappia lottare, ma della speranza non te ne fai un ca..o, e se sei su questo blog e stai leggendo questi articoli non sei qui per trovare una scusa o piangere.

Le capisci da solo che se sai lottare è facile che tu possa neutralizzare il tuo aggressore senza tirargli un solo colpo.

Ora se vuoi imparare devi iniziare a conoscere almeno le tecniche da cintura blu del Jiu Jitsu.

Devi sapere che portare un attaccante a terra elimina circa l’80% del suo arsenale, soprattutto se si tratta di uno stricker lasciandoti in una posizione perfetta per terminare la lotta.

Certo puoi anche terminarla in piedi ma io ti sto dicendo che se finisci a terra devi essere uno squalo che caccia la sua preda non una cozza impaurita.

Naturalmente se vi è più di un malintenzionato, la lotta al suolo è uno dei peggiori mosse immaginabili per ovvie ragioni, ma questo non significa che non devi imparare le tecniche di lotta.

Royce Gracie ha mostrato al mondo l’efficacia relativa di terreno di lotta nei primi 5 Ultimate Championships Fighting detenuti negli Stati Uniti. Questo torneo accetta eventuali praticanti di arti marziali da qualsiasi stile di sfidarsi sul ring per dimostrare la loro abilità contro altri stili di combattimento. Era l’inizio dell’UFC dove oggi tutti i fighter sono anche esperti di lotta.

Ora se studi difesa personale e non studi i sistemi di lotta a terra perché non devi mai finirci è come non imparare a nuotare perché tanto non vai mai in acqua quando ci finisci se non tocchi anneghi a meno che arrivi qualcuno a salvarti. Spesso chi ti insegna la difesa personale non ti insegna le tecniche a terra perché non è capace e non le conosce non perché non servono, cerca di metterti in testa questa cosa.

Combattimento da strada

Ora da stasera incomincia a inserire delle sessioni di allenamento specifiche con la lotta a terra dividendole per argomenti:

  • Proiezioni
  • Contro proiezioni
  • Tecniche per alzarsi da terra
  • Anti Grappling
  • Tecniche da difesa personale a terra
  • Attacchi
  • Reverse
  • Escape

Incomincia a farlo iniziando dalle più comune e principali, alcune sono meglio di niente.

Ps. Lo so che i tappetini sono belli, ma una cosa che ti consiglio di fare se fai difesa personale è provare a lottare a terra su un terreno duro.

Questo tipo di allenamento ti permette di capire come posizionare il tuo corpo a terra sfruttando le parti morbide del tuo corpo e iniziando a condizionare le parti dure. Conoscere la sensazione di durezza del terreno ti permette di trovare l’equilibrio senza provare il tipico dolore di quando si prova per la prima volta a appoggiarsi come sui tappetini.

Pss. Provare a partire da una posizione di svantaggio

Leggi! Studia! Applica! e Condividi questi articoli!.

Andrea

La tua più preziosa risorsa nelle arti marziali

Nessuno deve essere lasciato indietro, questa è una  regola base che deve esiste nel tuo comportamento in allenamento o all’interno della tua palestra. Questo principio serve per permettere a tutti di arrivare al loro massimo risultato, i forti aiutano gli altri a diventare più forti.

Non serve umiliare o schiacciare una persona più debole se non al tuo stupido ego.
Devi essere forte con i forti. Ti sembra una cosa banale?.
Non lo è affatto.
Come puoi tu stesso diventare più forte se ti alleni con gente debole?.
Te lo spiego, Non lo puoi fare.
Per diventare forte hai bisogno di compagni di allenamento che per loro caratteristiche ti portano a uscire dalla tua zona di confort e a cercare nuove soluzioni e strategie.
Permetti e aiuta gli altri a migliorarsi, loro aiuteranno te anche senza volerlo obbligandoti a trovare un nuovo posizionamento a spostarti dalla tua zona di confort facendo evolvere la tua arte marziale.
Qualcuno può diventare più forte di te?.
La risposta è SI, può succedere ma tu diventerai comunque più forte e preparato di quello che sei oggi.
Quando ho iniziato a studiare il Jiu Jitsu e il grappling la cosa che facevo era quella di voler lottare sempre con i più forti. Perdevo sempre ma vedevo e sentivo tutti i movimenti, le finte, come portavano il peso, e i trucchetti che usavano per farmi fare il tapout. Ma con il tempo diventava sempre più difficile farmi battere perché sentivo le intenzioni, conoscevo in anticipo quello che volevano fare perché ricordati che è quello che non conosci e che non ti aspetti che ti mette in difficoltà o ti fa perdere in un combattimento.
Con il tempo poi impari ad attaccare e diventi temibile, ma puoi fare questo solo se ti alleni con i più forti perché solo con loro il tuo livello può espandersi. Per questo quando il livello diventa simile devi per evolvere crearti dei vincoli.
Lo stesso approccio lo devi applicare a qualunque arte marziale studi e vuoi impari. Devi cercare di allenarti con persone forti. Considera che non è così semplice perchè non sei ancora pronto e quindi la persona di livello avanzato farebbe un “cattivo” allenamento, quindi chiedeto con rispetto e umiltà con forte desiderio di imparare. E’ una fortuna lavorare con livelli avanzati perchè quello che possono darti ha un valore immenso per il tuo apprendimento spesso al pari di quello che ti insegna il tuo maestro.
Ricordati che il tuo nemico non è il tuo compagno di allenamenti ma lo sconosciuto che vuole aggredirti o il tuo avversario, e di lui che devi essere più forte.
Tu e il tuo compagno di allenamenti vi state spingendo a vicenda per andare nella stessa direzione, RISPETTA il tuo compagno di allenamenti e aiutalo a crescere.
È la tua più preziosa risorsa nell’apprendimento di un’arte marziale.
A volte, nella lotta per sapere chi sei, si diventa la persona che non hai mai pensato che ti saresti …
Non lasciare nessuno indietro
Andrea

Le 36 tecniche necessarie per avere la cintura blu nel Jiu Jitsu

Blue Belt Jiu Jitsu
Oggi ti voglio elencare alcune tecniche che devi conoscere assolutamente perché se leggi il mio blog e ti consiglio di farlo, come ti ho già spiegato anche se studi difesa personale e ti dicono sempre durante le lezioni che non devi mai finire a terra e tu ci credi anche, devi sapere che nella realtà probabilmente a terra ci finirai e quindi è necessario che tu conosci almeno queste tecniche.

Questo non significa che devi diventare una black belt in Jiu Jitsu o di submission wrestling ma è necessario che tu abbia le conoscenze di una cintura blu.

Come ti ho raccontato in un altro articolo il 95% dei combattimenti da strada finisce a terra.

Prova cercare i video dove si vedono filmati di scontri reali la strada vedrai che finiscono sempre per terra non appena entrano in contatto a distanza ravvicinata.

Quando questo non avviene e perché è finito tutto prima con un grande ko che molto spesso è un colpo tirato alla “vigliacca” dove uno ha tirato un colpo secco  e a segno mentre l’altro pensava ancora di parlare.

Ps. Ricordati di tenere la distanza di sicurezza sempre.

Ora tornando sull’argomento di questo articolo, le tecniche che devi imparare sono solo 36, ti sembrano tante?

Può darsi che lo sono ma non ti ho chiesto di impararle in un giorno ma di iniziare a studiarle e se consideri che in un anno ci sono 12 mesi significa che devi impararne tre al mese e dopo un anno hai la padronanza di queste tecniche.

Ti sembra tanto imparare tra tecnica al mese spero di no per te perché non ti ho chiesto di imparare anche le varianti su ogni tecnica ma le tecniche base per prendere la cintura blu.

Jiu Jitsu Technique

Elenco delle tecniche necessarie per avere la cintura blu nel Jiu Jitsu:

1. Trap and Role Escape

2. Americana Armlock

3. Positional Control Mount

4. Take the Back (Mount)

5. Rear Naked Choke

6. Leg Hook Takedown

7. Clinch (Aggressive Opponent)

8. Punch Block Series (Stages 1-4)

9. Straight Armlock (Mount)

10. Triangle Choke

11. Elevator Sweep

12. Elbow Escape (Mount)

13. Positional Control (Side Mount)

14. Body Fold Takedown

15. Clinch (Conservative Opponent)

16. Headlock Counters

17. Double Leg Takedown

18. Headlock Escape 1

19. Straight Armlock (Guard)

20. Double Ankle Sweep

21. Pull Guard

22. Headlock Escape 2

23. Guillotine Choke

24. Shrimp Escape

25. Kimura Armlock

26. Standing Headlock Defense

27. Punch Block Series (Stage 5)

28. Hook Sweep

29. Rear Takedwon

30. Haymaker Punch Defense

31. Take the Back (Guard)

32. Guillotine Defense

33. Elbow Escape (Side Mount)

34. Standing Armlock

35. Twisting Arm Control

36. Double Underhook Guard Pass

 

Buon allenamento and Rollin’

Andrea