3 principi di attacco che devi rispettare nella difesa personale

Condividere ti rende migliore

L’altro giorno ti ho scritto alcuni modi per identificare un avversario ma questo non è sufficiente, il perché ti dico questo a breve lo capirai.

Oltre a identificare gli avversari, ci sono alcuni principi che ti aiutano soprattutto se sei un praticante di difesa personale a eseguire un attacco efficace a bersaglio.

Nel Jeet Kune Do questi elementi sono stati teorizzato e applicati da Lee che era un vero fanatico della difesa personale e delle cose che funzionano.

La critica verso l’efficacia e l’educazione del corpo e dei principi tecnici per Lee era ferocissima, non inseriva mai cose che non funzionavano realmente. MAI!!! 

Quindi devi SEMPRE ricordare almeno questi 3 principi:




Usa l’arma più lungo verso il bersaglio più vicino. 

Lee ha dimostrato questo principio più volte prendendo di mira le ginocchia con un calcio laterale utilizzando la sua arma più lunga Side Kicking (il calcio laterale posteriore lo stinco anteriore o ginocchio) oppure anche l’attacco di mano più lunga il Finger Jab (un colpo di dita agli occhi), un attacco diventa più sicuro per l’esecuzione.

Le armi da distanza ti aiutano a mantenere la misura di combattimento, e la vicinanza del bersaglio rende gli attacchi difficile da evitare per un avversario, perché si muove nella linea di target dei colpi.

Attacca il tuo avversario con colpo più vicino. 

Semplicità. A volte le persone diventano così attaccati a certi modelli di attacco che si dimenticano l’ Open Target Point più vicino dell’avversario.

Piuttosto che cercare di eseguire una tecnica complessa, esegui un attacco al bersaglio più vicino con una forza sufficiente a porre fine alla lotta o a crearti delle aperture.

Se questo non funziona, l’attacco successivo deve evolvere a una tecnica di follow-up più tecnica che disattiva le difese dell’avversario, ma sai cosa significa questo??? che il livello di combattimento si deve elevare perché l’avversario è forte. SONO CAZZI!!!

In sostanza, invece di seguire un attacco standard o con un modello di serie classica, devi fluire in relazione al tuo avversario, non puoi pensare come se fossi da solo devi entrare in sintonia con il tuo avversario, non puoi eseguire delle sequenze standard perché ogni persona ha dei suoi movimenti tempi e sistemi difensivi.

Devi entrare nell’anima del combattimento 

Non attaccare dove il tuo avversario è, ma attacco dove sarà. 

Se un avversario cerca di spostarsi fuori della gamma del tuo attacco, devi aggiusta la mira a garantire che puoi ancora colpire l’avversario con più scatto e potenza.

Questo è un vero trucco, questo è una informazione che vale tantissimo, qualcosa che ti porta avanti al tuo avversario al punto che ti fa sembrare un mago.
Applica questi principi particolari al tuo allenamento, sarai in grado di mantenere una forma con meno modulo (stile senza stile) in cui ogni possibile linea di attacco e difesa è disponibile.

La forma nella non forma .. 

Buon allenamento!!

Andrea


Condividere ti rende migliore