La pillola del giorno 044 – Perché non batti??

Non è la prima volta che durante le competizioni succedono incidenti più o meno gravi ma raramente per l’ego degli atleti.

Ma quest’anno nuovamente è accaduto che un atleta si è rifiutato di battere il tap out e la cosa che dispiace è che si tratti di atleti di esperienza.

L’episodio è accaduto al West Coast ADCC Trials di Abu Dhabi il 15 aprile 2017 ma non è il primo episodio, nell ‘UFC 140 due grandi atleti storici delle MMA si sono nuovamente affrontati, Fran Mir con Antonio Rodrigo Nogueira e in una situazione simile Mir ha fatto uscire la spalla con una Kimura a Nogeira che inspiegabilmente non aveva nessuna intenzione di battere anche quando ormai non c’era più nulla da fare sembrava che aspettava la “fine”.

Nel torneo Abu Dabi come nell’UFC un’altro SNAP per non battere?. Ma perché?. Così un nuovo “incidente” dove il braccio del combattente di jiu-jitsu NO GI che si rifiuta di battere e nuovamente SNAPS!!

Il combattente Ethan Crelinsten aveva il suo avversario in un “kimura” armlock quando il suo arto ormai oltre la massima sua corsa improvvisamente si è incrinato e piegato proprio dietro la testa.

Video thumbnail, Shocking moment fighter brutally breaks opponent's arm

Il fighter è rimasto momentaneo sconvolto per aver brutalmente rotto il braccio a un’altro atleta.

Questo terribile momento, in cui un “braccio” si è spezzato, perché nonostante la situazione si è rifiutato di battere il tap out.

Come ti stavo dicendo il fighter Ethan Crelinsten aveva il suo avversario in un “kimura” armlock quando il suo arto improvvisamente è crollato e piegato proprio dietro la testa.

Gli ufficiali di gara hanno subito visto e sono prontamente corsi per aiutare il fighter ferito, mentre Crelinsten si muova innervosito e sembra spaventato dopo il combattimento.

L’incidente è stato filmato ed è raccapricciante.

Bisogna dire che molte persone non hanno avuto alcuna simpatia per la vittima, sostenendo che era colpa sua che non ha battuto. Molti commenti sul post di Crelinsten della brutale sottomissione, alcuni fan hanno scritto:
  • Non si vuole mai vedere che qualcuno si ferisce, ma non ti sentire in colpa, il tizio doveva aver sfruttato il tempo che aveva e battere: è un ragazzo di alto livello, lo sa bene, hai fatto un buon lavoro, Ethan”.
  • “E un altro ha scritto:” Gli incubi sono fatti di quei ragazzini che non sono stati mai intrappolati, doveva essere umile e battere“.

Crelinsten, un atleta canadese della squadra di Kohai (juniores) ha continuato a vincere l’oro nelle prove di ADCC di West Coast e un biglietto ai Campionati del Mondo successivamente quest’anno.

Ha vinto tutti i match con “submission save” per il suo incontro con il compagno di squadra Nicky Ryan. I Campionati Mondiali di Submission di ADCC sono stati creati dagli Usa Sheik Tahnoon Bin Zayed Al Nahyan, figlio del capo Usa Sheik Zayed. Che al momento stava completando gli studi avanzati negli USA.

Fa piacere che nonostante la triste vicenda abbia vinto il torneo ma sicuramente è un episodio che si ricorderà per sempre.

Ora capisco l’agonismo, capisco anche quello che c’è in palio ma questi due episodi che avete letto non sono un bell’esempio se non per il coraggio di tentare di resistere sino alla fine, ma da professionisti così ci si aspetta sempre un valore aggiunto.

Ora in palestra ti può capitare di vedere situazioni del genere specialmente in alcuni casi come:

  • cinture superiori con cinture inferiori
  • Vecchie rivalità
  • uomini contro donne
  • istruttori con allievi

Ok, capisco l’orgoglio ma comunque se sei più bravo viene fuori, ok hai battuto una volta ma se lo fai battere altre 10, è uno sport ci sta, può anche capitare il colpo fortunato o anche una lezione per te dove magari hai peccato di estrema fiducia o hai sottovalutato una situazione.

Resta sempre umile e non sottovalutare nessuno!!

Andrea

 

Ps. Dopo questo articolo un’altro caso durante il mondiale IBJJF 2017

Sul 2 pari e con un vantaggio a suo favore Romulo Barral non batte e preferisce farsi rompere la caviglia. La vittoria viene comunque assegnata al suo avversario.
Purtroppo il regolamento IBJJF non si pronuncia in casi estremi come questi e l’arbitro lascia all’atleta la decisione di battere o di farsi ferire. Un limite?. Può essere.

Barral dopo l’episodio scrive: “mai arredersi!”.

  • Cosa  significa per Barral questa frase?
  • Dove sta la sportività?
  • Il riconoscimento della superiorità dell’avversario?
  • L’accettazione della propria sconfitta, ogni volta che ci si rifiuta di battere?

Costringere il tuo avversario a ferirti un’articolazione fino a spezzarla è una scelta estrema e nel prenderla ci si assume la responsabilità di costringere il proprio avversario ad avere sulla coscienza una grave lesione articolare.

Devo dire che come esperienza ho trovato un compagno di allenamenti che non voleva mai battere l’unica cosa che lo salvava è che visto il contesto di sparring in palestra ho sempre evitato di arrivare a ferirlo per la sua stupidità perchè non ne valeva la pena, ma più volte ho evitato di forzare su una situazione che era palesemente pericolosa!. Dietro questi gesti non c’è solo il coraggio ma un risvolto psicologico legato alla persona che andrebbe copreso e aiutato.

 

La pillola del giorno 043 – Se hai un dubbio ascoltalo!

L’altra sera ero a cena di amici, si chiacchierava e uno dei ragazzi stava guardando una puntata di un seriale che gli piace e casualmente ho visto una scena che ha attirato la mia attenzione.

La scena del seriale (non mi ricordo il titolo non guardo la tv) faceva vedere una donna che stava andando a prendere un ascensore, la ragazza già mentre aspetta che si apre la porta dell’ascensore  ha la sensazione di essere osservata, 1° segnale, dopodiché entra in ascensore e un uomo entra e si mette dietro di lei abbastanza vicino, 2° segnale, al punto che lei sente la presenza e si girà, le porte sono ancora aperte può udire ma non esce, le porte si chiudono.. lei viene tirata e riceve un pugno al viso e dopo quello che succede non conta, può essere omicidio, stupro, rapina, ecc.

Quello che voglio dirti, se hai delle sensazioni, ASCOLTALE!!, attua tutto quello che è necessario per preservarti, gli animali agiscono così e quelli che non lo fanno in natura solitamente soccombono.

L’attrice nel seriale fa notare in entrambi i casi che si è accorta che c’è qualcosa che non va ma non ha fatto nulla è rimasta ferma ignorando i segnali.

Cambiare idea non implica non fare quello che ti sei programmato o programmata ma semplicemente percorrere un’altra strada, cambiare il tempo, premunirti, preservarti, non farti sorprendere e essere pronto/a.

  • Vedi uno strano nel parcheggio non andare alla tua macchina.
  • Sei sola in una piscina e c’è un tizio strano non andare sola in bagno.
  • Sei sola sul bus di notte siediti vicino all’autista non in fondo vicino a uno che sembra matto e magari scendi vicino alla fermata che sai che c’è un locale anche se dopo devi camminare oppure non scendere se vedi che sta scendendo anche lui dopo che ti ha vista prenotare la fermata.
  • Ti senti seguita entra in un posto affollato, chiama qualcuno che conosci e poi torna a casa insieme.
  • ecc.

Sono solo alcuni esempi, possono essere centinaia le situazioni, ma se hai una sensazione ascoltala, non avere paura di fare brutta figura o arrivare in ritardo, ecc.

Cambia il tuo piano, adattalo. Le tue sensazioni ti salvano la vita!.

Andrea

 

La pillola del giorno 039 – Varia il tuo allenamento con gli stecchini dei ghiaccioli

Ora lo so, inventarsi sempre all’inizio e alla fine della lezione degli esercizi per completare l’allenamento a volte può essere poco motivante.

L’inizio con la corda o con il vuoto, ecc. e il finale con i soliti addominali e lo stretching a volte necessitano di qualche bella rinfrescata per non ripetere sempre la stessa tipologia di esercizi.

Attenzione!! Questo è un consiglio ma la mia abitudine reale è quelle di costruire il riscaldamento con il focus al tipo di allenamento che si deve affrontare ( es. clinch molto riscaldamento per il collo, interval speed di gambe molto allungo e riscaldamento delle gambe, ecc. ) Però questo metodo che ti sto per dirti può fare comodo quando si vuole rompere con i soliti meccanismi di vecchie routine che non aiutano più e annoiano la tua classe.

Quello che devi fare e chiedere alla tua classe di mangiare molti ghiaccioli e di conservare gli stecchini e di portarteli.

Poi colori gli stecchini blu chiaro (o come preferisci) e scrivi sopra una ventina di questi esercizi per il riscaldamento che estrarrai a caso durante la fase di riscaldamento.

Poi lasci gli stecchi con il colore naturale (o come preferisci) e scrivi sopra una ventina di stecchini esercizi per terminare la lezione, addominali, stretching, ecc.

Questo rende meno prevedibile come sarà il riscaldamento evitando di eseguire le solite serie di esercizi.

Ps. Con questo sistema semplice che io uso puoi sbizzarrirti per esempio nel Jiu Jitsu o nella lotta, obbligando a utilizzare determinate tecniche oppure posizioni di guardia, finalizzazioni ecc. dando delle limitazioni che ti obbligano a sforzarti in determinate aree di lavoro.

La stessa cosa la puoi fare nell’MMA dove si hanno un bicchiere blu e uno rosso e ci sono gli stessi stecchini per entrambi i compagni di allenamento dove si estrae che cosa dovrai fare nei primi 5 minuti. Uno estrae uno stecchino e dovrà fare solo stricking solo braccia, striking solo gambe, striking completo, oppure solo lotta, solo proiezioni, ecc. e l’altro la sua strategia obbligandoti ad adattarti a una determinata situazione. Esempio uno vuole fare striking e l’altro lottare, oppure uno ti vuole proiettare e tu non vuoi ecc. ma non potendo fare altro focalizzi molto l’esercizio.

Nel pugilato lo puoi utilizzare per obbligarti a usare solo o a non usare per esempio il jab, oppure puoi solo schivare, ecc.

Nella difesa personale puoi usarlo per dare a uno solo della tua classe il compito di fare l’aggressore, oppure una coppia di aggressori, o estrarre il tipo di aggressione, ecc.

Studia determinati esercizi in base alla tua arte marziale o sport da combattimento.

Usa gli stecchini dei ghiaccioli, non buttarli e una cortesia se utilizzi questi metodo  e trovi le mie informazioni utili, aiutami anche tu a fare conoscere il blog!! Grazie

Andrea

 

La pillola del giorno 037 – L’arte marziale non è come chiedere un caffè 

L’arte marziale non è come chiedere un caffè, è intensa, è calda, è scura, misteriosa, piace e affascina tutte le persone anche se in modi e ragioni diverse ma perché ti dico questo?. Perché è una cosa che non puoi chiedere a un altro di farla per te.

Puoi avere una tua guardia del corpo, puoi avere una pistola ma non sarà mai come essere te stesso capace di difenderti perché dipenderai sempre da un altro.

E’ come ESSERE a AVERE. Tu vuoi essere o non essere?? La so già la risposta.

Tutti vogliono essere ma pochi sono disposti a fare qualcosa per farlo, rimane sempre una parola nel vento, una promessa, un buon proposito alla fine dell’estate ma in certi paesi ricordati chè sempre estate quindi ogni giorno è buono per cominciare a essere e fare qualcosa che non hai mai fatto.

Devi essere tu ad acquisire qualità e capacità per sentire dentro di te scorrere una abilità che solo tu hai e non un altro o altra.

Questo significa che ti verrà richiesto molto impegno e dedizione da parte tua se vuoi veramente imparare a difenderti qualunque arte tu scelga, che si tratti di Arti Marziali Tradizionali o di Arti Marziali più moderne, di Difesa Personale o Sport da combattimento ma questo tuo impegno sarà ripagato con un valore che non puoi nenache immaginare.

La differenza non la fa l’arte marziale ma la fai TU!!! e il METODO con cui ti alleni.

Se decidi di intraprendere questo percorso quindi sappi che non sarà come prendere un caffè, che puoi chiederlo a una bella cameriera, perchè qui non ci sono sconti ma ci sei solo tu con te stesso e la tua determinazione nell’imparare qualcosa che cambierà profondamente la tua percezione di vita qualunque sia il tuo stato sociale.

Qui i soldi non contano nulla.

Ricchezza Arti marziali

Pensi di avere soldi quindi di poter prendere un taxi o un aereo per andare più velocemente, non farà la differenza.

L’unica cosa che può fare la differenza è la scelta di un buon maestro, di una buona scuola ma comunque non cabierà nulla per quello che riguarda la tua costanza, il tuo impegno e la tua determinazione nell’imparare.

Questa è una cosa solo per te ma che ti darà un valore immenso per tutto il resto della tua vita, nelle amicizie, nel lavoro, nella tua sfera privata, nella percezione della vita e del mondo in generale, sarai una persona nuova, migliore, più bella.

Divertiti e inzia a “giocare” con le arti marziali, sperimenta provane più di una fino a trovare quella chè si addice di più alla tua personalità, approfondiscila ma non fermarti, vai oltre, non esiste nessuna ragione per il quale devi farne solo una. Scoprirai strada facendo di come puoi andare “oltre”, di come cambiando la tua personalità cambierà la tua arte marziale e il tipo di arte che cercherai per esprimere sempre di più il tuo lato interiore più nascosto per portarlo alla luce e farlo brillare.

Tutti noteranno il cambiamento, il tuo sguardo, la tua energia e ti chiederanno che cosa hai fatto, ma anche se lo spiegherai non possono immaginare le fatiche, le delusioni, le paure affrontate e la forza che è servita per rialzarti più volte, il sudore giorno dopo giorno hai versato, ora sei tu la tua guida, sei tu la tua consapevolezza di quello che pensavi di non poter essere e ora sei.

Studia, impegnati, ogni giorno, ci sei solo tu!!!

Andrea

 

La pillola del giorno 036 – Le categorie di peso nelle arti marziali miste.

image

Visto che spesso vedo molta confusione sulle categorie di peso oggi voglio elencarti in generale le regole comuni sul peso così anche tu puoi andare sulla bilancia e sapere chi potrebbero essere i campioni dell’UFC o Bellator che dovresti affrontare.

Ora dipende molto dalle regole della Promotion, ma in generale le categorie di Peso nelle MMA sono divise in queste 9 categorie:

  • Mosca
  • Gallo
  • Piuma
  • Leggeri
  • Welter
  • Medi
  • MassimoLeggeri
  • Massimi
  • Supermassimi

e se consideriamo lo standard delle Unified Rules (usate dall’UFC e anche in Italia, con qualche piccola eccezione) queste sono le categorie:

Categorie di Peso nelle MMA

* La divisione dei pesi mosca (FlyWeight) nelle arti marziali miste raggruppa i lottatori sotto le 125 libbre (57 kg).

* Pesi Gallo =  bantamweight division comprendono lottatori fino ai 61,2 kg (135 libbre).

* Pesi Piuma = featherweight division comprendono lottatori i 62 e 66 kg (136-145 libbre).

* La divisione dei pesi leggeri – LightWeight comprende lottatori fino ai 70,3 kg (155 libbre).

* La divisione welterweight nelle MMA raggruppa i lottatori di peso compreso tra 71 e i 77 kg (156 e 170 libbre).

* middleweight division comprendono lottatori tra i 77,5 e gli 84 kg (da 171 a 185 libbre).

* La divisione dei pesi Massimoleggeri (light Heavyweight) – (chiamata mediomassimi su wikipedia ) aggruppa i lottatori di peso compreso tra gli 83 e i 93 kg (186 e 205 libbre).

* HeavyWeight (Pesi Massimi) sono i lottatori di peso compreso tra i 93 e i 120 kg (205 e 265 libbre).

* SuperMassimi: non utilizzati nell’UFC ma contemplati dal regolamento

image

Tabella riassuntiva: Categorie di Peso UFC ( Unified rules)

Flyweights (Mosca)
fino a 125 lbs (57 kg)

Bantamweights (Gallo)
fino a 135 lbs (61 kg)

Featherweights (Piuma)
fino a 145 lbs (66 kg)

Lightweights (Leggeri)
fino a 155 lbs (70 kg)

image

Welterweights (Welter)
fino a 170 lbs (77 kg)

image

Middleweights (Medi)
fino a 185 lbs (84 kg)

Light Heavyweights (Massimi-leggeri)
fino a 205 lbs (93 kg)

image

 

Heavyweights (Massimi)
fino a 265 lbs (120 kg)Jon Bone Jones

Super Heavyweights (Super-massimi)
Senza limite di peso

image

Ps. Pride, One FC, e alcune promotion Italiane usano pesi diversi anche se la tendenza per le MMA nel mondo sono queste.

LAS VEGAS, NV - JANUARY 02: UFC light heavyweight champion Jon "Bones" Jones poses on the scale after weighing in during the UFC 182 weigh-in event at the MGM Grand Conference Center on January 2, 2015 in Las Vegas, Nevada. (Photo by Josh Hedges/Zuffa LLC/Zuffa LLC via Getty Images)
LAS VEGAS, NV – JANUARY 02: UFC light heavyweight champion Jon “Bones” Jones poses on the scale after weighing in during the UFC 182 weigh-in event at the MGM Grand Conference Center on January 2, 2015 in Las Vegas, Nevada. (Photo by Josh Hedges/Zuffa LLC/Zuffa LLC via Getty Images)

Considera che fuori gara mediamente il peso è un 10% in più, peso che viene “tagliato” nella preparazione prima del match.

Ora chi è il campione dell’UFC che corrisponde al tuo peso, ok ti senti pronto?.

image

Pesati e preparati!!!

Andrea USOMA

 

Ps. Bruce Lee avrebbe combattuto nei pesi Mosca o Gallo.
Height: 5′ 7″ (1.71m)
Weight: 135lbs (62kg)
Lowest Weight: 125lbs (57kg) (in 1973)image