Workout al sacco pesante per il Jab Cross

Workout Sacco Boxe

Qualche giorno fa ho scritto un post sulla combinazione vincente per eccellenza , il Jab Cross.

Ora voglio che fai un allenamento da fare al sacco per allenarti su questa combinazione che ti permetterà di tirare 670 colpi al sacco!!

Preparati!!

Questo allenamento ti permette di sperimentare il movimento di Jab Cross e lavorare sul footwork del colpo singolo e della combinazione, sulla fluidità dei movimenti e sulla potenza dei tuoi colpi.

Colpire il sacco pesante ti aiuta a colpire in maniera più veloce e più forte, soprattutto se ti concentri sul footwork e sulla motricità di tutta la catena cinematica per utilizzare il peso e la spinta  di tutto il corpo trasferita al colpo.

Suggerimenti per l’allenamento per il sacco pesante:
  • Allenati concentrato e dando il massimo
  • Scaldati bene
  • Utilizzare i muscoli del core (addome e dorsali) per mantenerti stabile.
  • Tieni i talloni sollevati e le ginocchia piegate mentre muovi i tuoi piedi intorno al sacco.
  • Utilizza tutti gli angoli del sacco e mischia le combinazioni (Non sei su un binario).
  • Inizia lentamente a praticare le tecniche e le combinazioni.
  • Resta sempre composto e allineato quando tiri le combinazioni.
  • Attenzione alla guardia
  • Non stare attaccato al sacco
  • Entra ed esci sempre dalla distanza
  • Lascia andare il colpo distendi il braccio ma non completamente.
  • Obiettivo per colpire la borsa per un giro di 2-3 minuti e la tua resistenza e forza passerà attraverso il tetto.
  • Indossare sempre le fasce sotto i guantoni!
  • E se i polsi o le nocche si feriscono in un qualsiasi momento fermati e guarda che succede.
  • ecc.

Ps. Attenzione a non fare questi 8 errori al sacco pesante!!

Vantaggi di questo allenamento al sacco:
  • Ti permette di colpire il sacco 670 volte.
  • Bruci molte calorie più di qualunque altro sport
  • Sviluppa forza
  • Sviluppa resistenza
  • Non devi mai fare pausa ma se non c’è la fai fermati per trenta secondi
  • Riduzione della pressione sanguigna,
  • Perdita di peso,
  • Aumento del VO2 max.
  • Riduzione delle tensioni quotidiane mentre “colpisci” le tue preoccupazioni al sacco.
  • Tonifica il tuo corpo
  • Migliora la capacità cardio vascolare

La ripetizione è la chiave del successo perché la ripetizione rende un gesto complesso semplice e naturale. Continua ad allenarti e si noterà la differenza.

I tuoi colpi saranno più potenti e fulminei e ti stancherai meno.

Mettiti davanti al sacco e inizia a fare questo esercizio piramidale!

Tabella Sacco Pesante

Ricordati di fare solo il Jab o il Cross questo è un workout per lavorare su questa semplice ma fondamentale combinazione

I numeri nella casella indicano quante volte devi colpire il sacco.

Esempio:

  • 1 fila – Fai un passo e tiri una volta (jab) e tornare indietro in guardia
  • 2 fila – Fai un passo e tiri una volta (jab) due volte (jab, cross) una volta (Jab) tornare indietro
  • 3 fila – Fai un passo e tiri una volta (jab) due volte (jab, cross) tre volte (jab, cross, jab) due volte (jab, cross) una volta (jab).
  • ecc.

Completa tutte le file fino 10 colpi e poi di nuovo ma questa volta a scendere.

Buon allenamento!! Leggi bene le istruzioni di questo workout e soprattutto il post sulla combinazione di 1-2.

Andrea

 

5 abitudini che devi avere se fai sport da combattimento

Se c’è una cosa che distingue un ragazzo che si allena come un pro da un amatore sono le sue abitudini “superiori” e le sue ossessioni.
Le buone abitudini per chi fa sport da combattimento sono ciò che distingue gli atleti pro dagli amatori, è così semplice da capire ma spesso le persone pensano che un bravo atleta sia così perché è dotato, o che è fortunato o cazzate del genere.

Non è mai un caso se un fighter è forte ma è il risultato di un processo che non riesci a vedere.

Questi comportamenti quotidiani aiutano i combattenti a allenarsi più a lungo, a recuperare più velocemente, a sentirsi bene, ad eseguire meglio gli allenamenti e ad essere più efficaci in combattimento.

Se hai cattive abitudini, non raggiungerai mai il tuo più grande potenziale. Neanche vicino. Le cattive abitudini come la mancanza di sonno e la cibi spazzatura li tengono indietro nel lungo periodo.

Come fai a dire questo? Semplice.

Lavoro spesso con combattenti pro di Muay Thai, Pugilato, MMA , Jiu Jitsu, ecc e credimi se ti dico che i successi dei fighter e le cattive abitudini non possono coesistere.

Per “installare” una abitudine nella tua mente sono necessari 21 giorni di fila di questo comportamento dopodiché diventerà qualcosa di normale. Si!! Hai capito bene basta meno di un mese per costruire e riprogrammare il tuo comportamento con delle nuove caratteristiche.

In questo articolo del blog ti voglio parlare delle 5 abitudini che sicuramente distinguono i campioni dagli altri. Quindi se la tua intenzione è di essere un pro o un buon fighter, un amatore professionista queste 5 abitudini le devi sempre rispettare.

Se vuoi fare un salto di qualità devi abituarti a questi 5 must.

 

La dedizione

Gli atleti professionisti non fanno sconti, non cercano scuse perché non possono fare un match o una sessione di sparring, si presentano ogni giorno per allenarsi anche quando non ne hanno voglia o sono stanchi.

I fighter pro o con la mentalità pro sono generalmente a proprio agio anche quando si sentono nelle giornate no, si adattano, sono funzionali e questo è un chiaro segno di impegno per un obiettivo più grande.

I dilettanti parlano di fortuna, si aspettano che ogni tanto possano saltare qualche lezione o sessione di allenamento o andare a svaccarsi qualche giorno dopo una grande vittoria, ma non i pro, non credono al caso, ma lo creano, sono quelli che di solito ritornano in palestra il lunedì dopo il match del sabato lavorando sui loro errori mentre sono ancora freschi nella loro mente.

Tutto ruota intorno al combattimento.

 

Il Sacrificio

Essere un atleta professionista o un amatore che si allena come un professionista richiede molto sacrificio.

Quando ho fatto il mio primo aperitivo ormai era già passato di moda perché alla sera ero sempre ad allenarmi in palestra.

Molte persone non si rendono conto che i pro hanno solitamente un team di persone che si allenano con loro, compagni di allenamento, allenatori, ecc. e dipendono anche da te.

Quando non puoi combattere perché sei fuori peso, quando i tuoi compagni non possono allenarsi con te perché sei grasso perché stai andando tutte le sere che puoi a mangiare la pizza con la birra, non solo non stai facendo bene, ma stai lasciando solo il tuo team;

Loro non possono contare su di te per allenarsi, per la squadra agonistica, per la palestra, sei una vergogna per l’intero team.

Quando sei un combattente pro, non sarai come tutti gli altri. Tu devi essere un esempio, la tua vita sociale è in palestra.

Cene, feste, aperitivi, locali, ecc non esistono per te quando sei in allenamento per dei match e mentre i tuoi amici sono fuori a farsi i selfie e divertirsi tu sei a casa a organizzare il tuo lavoro del giorno dopo, a riposarti, a prepararti da mangiare pulito per il giorno dopo.

Poi, quando i tuoi amici si svegliano nei loro letti caldi da un bel sonno tu hai già fatto l’allenamento del mattino ( anche se dopo devi andare al lavoro perchè sei un amatore, hai già fatto una parte dell’allenamento della giornata).

Questo è il sacrificio che che serve per essere il migliore.

 

L’organizzazione

Se non sai che allenamento fare, mangi quello che ti ispira, arrivi in ritardo o lasci le cose all’ultimo minuto, non sarai mai come un fighter pro.

La corretta pianificazione ti permette di migliorare le tue performance rispetto ai giorni precedenti o di modificare qualcosa nel tuo allenamento o alimentazione per permetterti di progredire .

Se ti aspetti che la gente del tuo team e i tuoi compagni di allenamento ti aiutino, il minimo che puoi fare è organizzarti:

  • Programmare i tuoi allenamenti,
  • il tipo di allenamento che devi fare,
  • cosa devi migliorare,
  • alimentarti correttamente,
  • seguire il tuo peso,
  • tenere un diario degli allenamenti, della dieta e del peso,
  • mantenerti in buona salute,
  • la tua strategia di combattimento,
  • ecc.

Questo è essere un fighter pronto quando è necessario.

La Dieta

Devi avere delle buona abitudini alimentari, i fighter che sono seri nel loro sport hanno rigorose abitudini nutrizionali. Non sgarrano mai.

Devi seguire un piano di alimentazione, non solo ipotizzarlo, ma costruire un piano ben definito giorno per giorno per riuscire a trovare la strada migliore per ottenere il peso corretto e allo stesso tempo la forza ed energia necessaria per affrontare i duri allenamenti.

Considera che per i professionisti non si tratta solo di una dieta ma è come se fa parte del loro allenamento perché quando è necessario tagliare il peso, si tratta di costruire un vero e proprio stile di vita, ogni giorno deve essere il modo di vivere di un combattente, non può essere qualche ora due o tre volte alla settimana e poi fregartene.

Si tratta di imparare conoscere gli alimenti giusti per nutrire il corpo con il maggior numero di sostanze nutritive possibile in ogni pasto.

Il Riposo

Se vuoi essere qualsiasi tipo di fighter di livello, devi concentrarti sul piano riposo e di recupero dopo che ti sei allenato.

I combattenti professionisti normalmente si allenano al mattino e al pomeriggio 6 giorni su 7.

Con questa quantità di allenamento, il sonno mancante può influenzare:

  • la tua salute,
  • il tuo peso,
  • la tua prestazioni,
  • la tua concentrazione,
  • la tua determinazione,
  • la tua volontà,
  • ecc.

Devi dormire 7-8 ore di sonno ogni notte e concentrarti sul tuo recupero per poter fare un allenamento di nuovo intenso il giorno dopo.

Ora se c’è uno di questi 5 consigli non sono nelle tue abitudini quotidiane è necessario che cambi subito se vuoi fare veramente un salto di qualità.

Ps. Non guardare i talenti loro hanno un binario a sè ma per esperienza un talento che non rispetta la sua fortuna con il tempo cede a chi si allena con costanza e dedizione seguendo questi 5 semplici consigli.

A te la scelta!!

Andrea

Se fai Muay Thai devi conoscere queste due erbe tradizionali

In tutto il sud est asiatico esistono due potentissime erbe dai benefici incredibili che sono comunemente utilizzate in Thailandia.

Queste due erbe vengono usate come integratori naturali a base di erbe e ti offrono un supporto ai tuoi allenamenti in preparazione del match.

Sono completamente naturali e sono utilizzate da secoli in tutta l’Asia sudorientale.

Ps. Attenzione!!, niente è migliore di un regime di dieta solido, ma questi supplementi a base di erbe ti può aiutare a portare la tua disciplina a un  livello successivo.

Le due erbe di cui ti parlo sono:

  • Butea Superba
  • Krachaidam

entrambi crescono in Thailandia e sono comunemente utilizzate da molti fighter di Muay Thai.

Vediamo che contributo possono darti queste due erbe medicinali al tuo arsenale.

Butea Superba

L’erba medicinale più conosciuta della Thailandia, è stata utilizzata da secoli come afrodisiaco, ma questa erba apparentemente “semplice”, contiene sia fitoestrogeni che fito-androgeni, insieme con anche antiestrogeni.

Questo è interessante per alcune ragioni:

  • I fito-androgeni potrebbero spiegare il suo uso per migliorare la libido e la resistenza erettile
  • I composti antiestrogenici trovati nella pianta potrebbero contribuire a compensare potenziali effetti estrogenici indesiderati dai fitoestrogeni.

Tuttavia, c’è molto di più e sembra che ci sia confusione sullo studio di questa erba che necessita di studi più approfonditi e quelle che esiste oggi è soprattutto quello che viene tramandato tra gli “erberi” quindi nulla di scientifico ma esperienza diretta di secoli di utilizzo .

In uno studio condotto su roditori, la butea superba sembra avere un effetto dose-dipendente sulla riduzione del testosterone. Aiuto!!, sono sicuro che ti stai preoccupando ma non farlo, resta tranquillo, c’è molto di più.

Perché?

Poiché i livelli di testosterone diminuiscono ma gli effetti androgeni (effetti basati su DHT) sono diventati molto più pronunciati. Questo effetto è estremamente vantaggioso per i fighter di muay thai, poiché tutti conosciamo (ma se non lo sai ora lo scoprirai) che gli effetti androgeni sono quello che determinano l’aggressività e la forza, per non parlare di mantenere l’estrogeno (gli estrogeni sono i principali ormoni sessuali femminili) a bada e favorisce la massa magra.

Sebbene il modo esatto di questo effetto non sia ancora chiaro, ma potrebbe essere dovuto alla conversione del testosterone nel diidrotestosterone (DHT), o molto più testosterone che interagisce con il recettore androgeno (regolamentazione del recettore), che ridurrebbe entrambi i livelli di testosterone circolante e portano ad una significativa risposta androgena.

Molti fighter dicono di ottenere risultati positivi con la Butea Superba ma se decidi di provarlo, assicurati di monitorare le sensazioni e gli effetti che hai.

Appena smetti di utilizzare l’erba, dopo una settimana i valori di DHT tornano alla normalità, quindi stai tranquillo per quanto riguarda il tuo testosterone.

 

Krachai dam

Un’altra erba nativa tailandese, Krachai dam viene chiamata anche con altri nomi come lo zenzero nero, ginseng tailandese, Kaempferia parviflora e appunto krachai dum per citarne alcuni.

Anche se ancora relativamente inesperto nel mondo occidentale, è stato usato tradizionalmente dagli uomini tailandesi per migliorare le prestazioni sessuali così come quelli coinvolti nell’arte del Muay Thai.

La maggior parte dei Krachai dam in Thailandia è coltivata ad Isaan dove è un rimedio comunemente usato dalla popolazione.

Che vantaggi ha per un fighter:

  • Migliora la prestazione fisica: uno studio condotto su una squadra di calciatori bene dove si è scoperto che krachai dam ha ridotto la fatica e una maggiore resistenza nel corso dello studio di 12 settimane. Questo può essere anche utile se fai Muay Thai.
  • Riduzione del dolore e dell’infiammazione: qualsiasi atleta coinvolto in una formazione rigorosa sa molto bene che nei tempi di inattività i muscoli sono doloranti e le articolazioni infiammate. La gestione di questi sintomi legati al duro allenamento spesso viene gestita con prescrizione di medicinali che non aiutano però a lungo termine, in quanto inibiscono importanti enzimi coinvolti nel recupero attivo. Fortunatamente, uno studio condotto nei topi ha dimostrato che il Krachai dam contiene potenti composti antinfiammatori, che consentono una ripresa più rapida da sessioni di allenamento e lesioni.
  • Aumenta le spese energetiche: se sei un agonista sai che le classi di peso sono qualcosa di importante. Ottenere una perdita precisa di peso può essere molto difficile e può anche provocare una disidratazione estrema. Una possibilità è di fare la preparazione della settimana prima del match usando il krachai dam, che come uno studio ha dimostrato aumenta la spesa energetica intera del corpo 30 minuti dopo l’ingestione. Consumare questa erba prima di allenarti dovrebbe contribuire ad aumentare la perdita di peso, ed è anche un ottimo aiuto per il trattamento dell’obesità.
  • La tintura di Krachai dam migliora il flusso sanguigno e la libido: una tintura è specificamente un prodotto costituito da un principio attivo disciolto in alcool e è ciò che è necessario per ottenere questo miglioramento nel flusso sanguigno, secondo i risultati condotti in uno studio sui topi. In particolare, c’è un miglioramento del flusso sanguigno nei testicoli, indicando forse una funzione pro-erectile.
  • Può diminuire i danni ossidativi: l’ossidazione avviene ogni singolo secondo nel nostro corpo, in ultima analisi, responsabile dell’invecchiamento e della rottura dei processi corporei. Krachai dam era stato da tempo propagandato come potente proprietà antiossidanti, anti-affaticamento e longevità, e uno studio condotto negli anziani ha confermato questo come vero. Questo beneficio può essere utile per i praticanti di Muay Thai over 40, ma è anche possibile che possa aiutare anche i più giovani.
  • Sopprime la crescita delle cellule grasse: il tessuto adiposo è noto per la sua capacità di aumentare massicciamente le dimensioni, rendendo più facile memorizzare le calorie in eccesso. Tuttavia, uno studio ha scoperto che i flavonoidi nel krachaidam hanno dimostrato la capacità di arrestare la crescita eccessiva di queste cellule. Questo può essere estremamente utile per le persone obese che fanno fatica con la pratica della muay thai a causa del loro peso.

A causa della natura altamente dispendiosa a livello energetico, sia dal punto di vista fisico che mentale e l’elevata competitivà della boxe thailandese, queste due erbe naturali possono darti quella spinta in più  necessaria per allenarti sempre con energia ed efficacia.

Assicurati però prima di tutto di  avere un’adeguata nutrizione, in quanto anche i migliori integratori sono inutili se non alimenti il corpo correttamente che usata con efficaci erbe come queste ti possono dare l’energia necessaria per affrontare tutti gli allenamenti al 100%!

Andrea

La combinazione vincente, tira un bell’uno due.

Floyd_Mayweather_vs_Manny_Pacquiao

La più semplice combinazione che puoi fare è il Jab Cross o se vuoi chiamarla 1-2, ma come tirare la combinazione in questione è un must assoluto per tutti gli sport da combattimento e non solo, la combinazione per eccellenza insegnata dal primo giorno.

Molti veterani delle palestre vi diranno che il jab sinistro apre e la mano destra con il cross finisce.

Ps. Posso dirti dopo tanti anni in questo ambiente di fighter che sicuramente quello che dicono è giusto. Il pugilato è una scienza ma racchiude in una apparente semplicità dei dettagli necessari per farlo funzionare.

A livello di principiante, è possibile vincere con questa semplice combinazione qualsiasi sparring o match solo padroneggiando bene questa tecnica di 1-2 e usandola più e più volte ma se lo impari bene, in realtà potresti essere in grado di vincere anche un titolo mondiale solo tirando questa semplice combinazione di Jab Cross.

Ora il mio consiglio è, leggi ogni fase e pratica lentamente e individualmente in modo che ogni passo venga eseguito separatamente dal passo successivo. Solo dopo aver interiorizzato ogni passo individualmente, cominciate a praticarli insieme come un movimento fluido e concatenato.

Ps. Pratica davanti a uno specchio e se puoi filmati e riguardati!.

La combinazione uno due (1-2) ha tre semplici passaggi:

1. Jab con semispostamento  – Tira un colpo insidioso e “tagliente” con un leggero passo in avanti con il piede avanzato.

2. Fai scivolare il piede posteriore – Fai scivolare leggermente il piede posteriore per portare l’intero corpo in avanti verso l’avversario. Nello stesso tempo ll braccio del jab è tirato indietro per riprendere rapidamente la posizione di guardia. Importante deve essere simultaneo!!

3. La mano destra – Tira il cross con la mano destra in avanti mentre ruoti il piede posteriore, i fianchi e le spalle. Recuperare la mano destra rapidamente dopo il colpo.

Suggerimenti:

  • Mantieni gli occhi sul bersaglio, non guardare per terra.
  • Piega le ginocchia quando tiri il cross con la mano destra; Questo perché metti il peso del tuo corpo nel colpo.  “Porta il peso del colpo su di lui!”.
  • Il sollevamento del tallone destro, il piede destro che fa perno mentre si oscilla il tallone verso l’esterno e con il tuo polpaccio per spingere nella direzione del pugno aumenta la potenza del colpo. Il piede fa da perno come se tu stai schiacciando una sigaretta. La punta del piede destro deve essere nella linea di direzione del colpo. Ruotando il tallone, aggiungi potenza al pugno e ruotando i fianchi e lasciando andare la spalla in avanti a “spingere” aumenti la potenza del colpa. La sola rotazione dell’anca è ciò che aggiunge il massimo al potere.
  • Tieniti sempre in posizione per l’uno-due ogni volta che tiri il jab. Quando vedi la minima apertura, tira il cross con la mano destra. Con il tempo devi imparare a fare un rapido processo decisionale tra le fasi 2 e 3 per decidere se tirare o meno il cross con la mano destra. Impara a prendere decisioni al volo perché è molto meglio che provare a tirare la combinazione di 1-2 ogni volta.
  • Finta il jab prima di tirare gli uno-due.
  • Tira il jab, tira un altro jab e poi tira il cross con la mano destra. (Jab-jab-destra)
  • Tira il jab, fingi con la mano destra e poi tira il cross con la mano destra.

Ps. Se sei mancino è la stessa cosa ma specchiata anche se c’è una differenza sulla distanza perché siete a specchio anche come guardia.

Ora che hai imparato la combinazione 1-2, assicurati di usarla spesso in allenamento e in sparring perché è facile da imparare ma difficile da rendere efficace, queste è una combinazione che devi praticare finché non avrai più paura di tirarla ogni volta che vuoi.

Andrea

8 errori che fai quando sei al sacco pesante

Il sacco pesante è uno strumento utile e fondamentale se fai sport da combattimento su cui puoi eseguire una moltitudine di esercizi di ritmo/potenza e su cui ti puoi allenare da solo senza un compagno di allenamento, ma va usato con molta attenzione e non deve essere utilizzato in eccesso perchè può anche peggiorare le tue abilità di fighter.

Il motivo principale è perchè un over-training (questo è il termine esatto) su una sacco porta a sviluppare delle cattive abitudini.

Onestamente, come allenamento preferisco i pao e i focus pad rispetto al sacco e come consiglio l’allenamento al sacco deve essere una percentale di allenamento bassa perchè ci sono solo alcuni aspetti negativi e svantaggi nel fare il sacco per tutto il tempo.

Attenzione non voglio dire che non sia utile, anzi lo uso molto, ma con le dovute attenzioni.

Lo scopo principale di fare il sacco pesante è quello di aumentare la potenza dei tuoi colpi. Ok, le arti marziali e gli sport da combattimento è colpire duro, ma non è sempre colpire e non sempre duro. Le arti marziali e gi sport da combattimento richiedono anche colpi veloci, colpi combinati, colpi precisi e colpi in timing, colpi con il footwork e il sacco pesante non ti aiuta in tutti questi aspetti perchè ha delle limitazioni derivate dalla sua stessa staticità che non si sposano bene con alcuni aspetti del combattimento!

Ora non fraintendermi non dico che non serve, anche perchè non avrei speso tutti quei soldi per prenderne di diversa forma, dimensione e tipologia. Li uso e continuerò a usarli i sacchi pesanti ma ci sono almeno 8 motivi per cui colpire al sacco può danneggiare la tua abilità di fighter!

 

La guardia

Il sacco non risponde e così presi dall’enfasi dell’allenamento si iniziano a tirare i colpi fregandosene della guardia o perdendo il senso della poszione delle mani, oppure si sta fermi davanti al sacco a tirare scariche di pugni, oppure si colpisce senza far ritornare il braccio in guardia, non muovi la testa , non usi il footwork, ecc. Ci sono molti difetti possibili.

In sparring o combattimento le tue mani non sono i guardia correttamente, sei scoperto e ti riempono di botte, non schivi, stai fermo sulle gambe diventando un bersaglio, ecc. perchè il sacco non ti dice dove sei scoperto e non ti corregge.

Fatti aiutare da un compagno di allenamenti che sta dietro il sacco con un bastone di gomma o con un guantone e quando sei scoperto o dentro la misura dopo che hai colpito, ti tira una bastonata. Vedrai come impari in fretta!!. Anche qualcuno che ti tira pugni lentamente dopo che hai colpito il sacco ti aiuterà a mantenere la tua guardia in posizione.

L’equilibrio

Un altro problema comune nel colpire troppo il sacco pesante è lo sviluppo di un cattivo equilibrio. I principianti preferiscono concentrarsi troppo sulla potenza e colpiscono il sacco al punto che lasciano i loro piedi sollevarsi mentre camminano attorno alla borsa. Un altro errore comune è sconvolgente alla borsa e spingendo tutto il loro peso corporeo in ogni colpo, sorretti dal sacco.

Il rischio maggiore di andare oltre ogni colpo e di mettere troppa potenza è quando manchi il tuo avversario ti sbilanci. Se stai mettendo tutto il tuo peso in un pugno e ti manca il bersaglio è molto facile che perdi l’equilibrio e ricevi un colpo dal tuo avversario.

Devi imparare a colpire a vuoto con potenza senza perdere l’equilibrio, non devi stare in equilibrio solo se trovi il tuo avversario e lo usi come appoggio, non è così che funziona, devi scaricare tutta la potenza in un punto ma senza appoggiarti o spingere.

La migliore “cura” per questo è l’apprendimento della Shadow Boxing. Ogni buon fighter deve sapere tirare i colpi “pesanti” nel vuoto (colpire l’aria) senza perdere l’equilibrio.

Cattivo senso della distanza

Alcune persone non impareranno mai a controllare la loro distanza con il sacco pesante perché probabilmente sono troppo concentrate sul colpire forte. I due problemi comuni sono lasciare che il sacco si avvicini troppo e lasciare che il sacco sia troppo lontano.

  • Alcuni stanno vivino al sacco e iniziano a scaricare una mitragliata di calci e pugni come per spingerlo via.
  • Altri colpiscono il sacco talmente da vicino che potrebbero tirare delle spallate o andare in clinch.

Questo è un errore enorme! Non utilizzare mai questo approcci, se fai questo in una vero match, ogni volta è facile che vieni colpito.

Quanto al lasciare che il sacco è troppo lontano, questa è solo perché ti stai allenando “molle”. Non lasciare mai che il sacco oscilla troppo lontano da te, passi rapidi con un veloce lavoro a gambe, pianta i piedi e lo colpisci 2-3 volte prima di usciare dalla distanza e andare via.

Non entrare nell’abitudine “pigra” di aspettare sempre che il sacco viene da a te. Inizia a inseguire più spesso il sacco e giragli intorno per tenere la distanza corretta per colpire il sacco.

  • Se il sacco oscilla troppo, è necessario alleggerire i pugni o usare un sacco più pesante.
  • Se il sacco oscilla poco, allora significa che tocca aterra oppure è troppo pesante.

 Se non impari come mantenere la distanza e imparare la portata esatta del braccio e delle gambe, delle ginocchiate e del gomito, perderai tutte le lotte con i fighter che invece lo fanno.

  • Potresti incontrare un fighter che per qualche motivo ti sembra sempre fuori dalla tua portata, e tu sei sempre a sua disposizione ogni volta che colpisce.
  • Potresti notare che ogni volta che ti avvicini troppo al tuo avversario, continua a colpirti.

La ragione di tutto questo è perché ha un migliore senso della distanza, sa da che distanza ti colpisce e ti tira solo quando sei alla giusta distanza.

Sii consapevole della tua distanza. Cerca di non avvicinarti più al sacco di quello che devi per arrivare a colpirlo con il colpo che scegli. Questo ti fa anche comprendere meglio come usare le combinazioni di colpi.

Quando sei vicino al sacco devi abituarti a entrare mantenedo la guardia ed eseguendo la combinazione e rapidamente uscire fuori dalla distanza.

Quando il sacco viene verso di te assicurati di tornare indietro. Mantieni sempre la distanza. Quando il sacco oscilla via da te, fai i passi in avanti per raggiungere il sacco invece di aspettare che torni.

Ps. Ci sono degli esercizi di Muay Thai al sacco che sfruttano l’oscillazione con il colpo di incontro durante l’oscillazione ma ti sto parlando dell’utilizzo generale del sacco.

Pss. Ci sono esercizi in cui spingi il sacco, lo prendi in clinch, le dai delle spallate, lo spingi per farlo oscillare e ci giri intorno, ma sono esercizi specifici non è l’utilizzo tipico del sacco pesante, ti sto parlando di un utilizzo su colpi e combinazioni.

Lo sguardo e i Riflessi

Il problema numero uno che ho visto con i sacchi pesanti è che non sviluppano i riflessi nei fighter. Quello che succede è che sei un po ‘troppo comodo al sacco e inizi a prendere delle cattive abitudini. Perdere la messa a fuoco e togliere gli occhi dal sacco. Gli occhi iniziano a vagare oltre la il sacco per guardare altri combattenti in palestra o vagano allo specchio per controllare i propri pugni e calci. Alcune persone guardano il sacco ma non sono veramente concentrate su ciò che stanno colpendo.

Ti è mai capitato di fare sparring con qualcuno e continui a essere preso facilemnte da dei colpi dritti? Di essere colpito dagli stessi semplici colpi dritti più e più volte. Se questo sta accadendo a te adesso, probabilmente ti stai allenando troppo al sacco che non sviluppa nei tuoi occhi gli input dei colpi e delle finte che servono anche per cercare e sviluppare il movimento della tua testa e del tuo corpo. Rimani troppo fermo lasciano un bersaglio fisso. I riflessi sono bloccati.

Utilizza il sacco ma dalle due estremità metti un compagn di allenamento o il tuo allenatore con un bastone in gomma o dei guantoni. Hai bisogno di qualcosa che attira l’attenzione dei tuoi occhi, devi sempre restare vigile. Fai molto di più i focus mitt. Comunque sia, anche se usi il sacco da solo assicurati sempre di tenere d’occhio il sacco senza guadare in giro a caso e resta sempre in movimento. Quando il sacco è troppo vicino a te, spostati in modo da poterlo vedere bene. Non avvicinarti troppo alla sacco da appoggiare la testa. Tieni sempre il sacco nel tuo campo visivo.

Ps. Non guardare i pro nei video al sacco perchè quando lì filmano non stanno facendo vedere come si allenano veramente, è solo a scopo promozionale e giornalistico, non fanno vedere i trucchi su come si alleano te lo assicuro, e comunque non sai che cosa stanno allenando quindi non può essere un esempio di riferimento, fai molta attenzione a quello che vedi in YouTube e su internet.

Spingere il colpo

Molti pugili vengono trasportati dall’enfasi del sacco e cominciano a provare colpi il più forte possibile. Quello che succede è che cercano di far sì che il sacco oscilli il più possibile come se questo indicasse che il colpo è più forte spingendolo invece di colpirlo. Questo modo fa rallentare i tuoi colpi che sono impegnati a spingere il sacco ma questo modo rallenta anche il tempo di recupero del braccio e delle gambe che sono troppo occupate a cercare di spingere il pugno e i calci attraverso il sacco invece di tirare indietro il braccio immediatamente per riprendere la guardia.

In un vero match o sparring , il fighter inizia a fare proprio come fa sulla sacco e inizia a tirare pugni più lenti perché sta cercando di massimizzare la potenza. Le braccia non si ritirano così velocemente e comincia a restare scoperto per tutto il tempo perché sa solo come tirare pugni in spinta.

Il fatto di cercare sempre su tutti i colpi e per tutto il tempo il “colpo duro” è un errore e i pro non tirano tutti i colpi forti, ma solo quando serve e soprattutto non tirano i colpi in spinta se non volutamente. L’opposto di un colpo di spinta è un pugno.

Ps. Lo snapping è il colpo tirato di scatto che è molto più insidioso e più veloce. Quando la prendi in pratica, potrebbe non sentirsi come se colpisci duro poiché l’enfasi è più sulla velocità che sulla forza ma nel corso del tempo, se ti eserciti, imparerai a tirare velocemente e anche duro i colpi “pungenti”. Sono il tipo migliore di colpi e se non riesci a smettere di tirare i colpi in spinta, non sarai mai in grado di evolvere il tuo modo di combattere.

Il colpo forte va tirato quando serve!!

Bassa velocità

Il problema con il sacco pesante è che non esiste una vera enfasi sulla velocità. Ho visto molti fighter al sacco muoversi intorno e tirare tutti i tipi di colpi forti ma lenti con pigrizia perché il sacco non ti costringe a tirare ogni colpo con velocità.

Il richio è di abituarti a tirare i colpi forti ma senza precisione, velocità e enfasi, così nello sparring e nei combattimenti sei prevedibile perché i tuoi colpi non sono abbastanza veloci da superare la guardia del tuo avversario. Che senso avere pugni forti se non hanno la velocità per colpire il tuo avversario?

Utilizza il sacco ma con velocità per assicurarsi che il tuo corpo sia abituato e costretto a rispondere con pugni veloci e precisi. Metti delle tacche sul sacco, questo aumenterà anche la tua precisione el colpire!

Nessun Uppercuts

Molti fighter che trascorrono molto tempo praticando al sacco spesso trascurano l’uppercut!! La ragione più grande è perché non hanno un saco appositamente progettato che permette di praticare l’uppercut.

Ovviamente, avrai due pugni in meno nel tuo arsenale che il tuo avversario ha. L’uppercut è molto efficace nel rompere le guardie strette così è utile su avversari che amano spostare la testa con i movimenti dibob and wave quindi è imortante all’interno della tua gamma di colpi avere un buon uppercut allenato.

Quindi devi usare delle attrezzature che ti permetteranno di tirare l’uppercut o di esercitare il colpo con qualche compagno di allenamento o allenatore che ti tiene i focus pad per farti praticare. Se sei da solo, puoi comunque praticarli al sacco tradizionale tirando dei pugni più bassi con i gomiti piegati e le palme rivolte verso l’alto rispetto al sacco, quasi come se fosse un uppercut al corpo. Oggi vendono dei salamotti da legare intorno al sacco per tirare gli uppercut.

Proteggi le tue mani

Uno dei problemi più comuni che ho visto da sovra-allenamento al sacco pesante è avere le mani danneggiate o molto infiammate. Se tiri i pugni contro un oggetto molto resistente tutti i giorni, le mani si consumano! I muscoli della mano diventeranno contusi e infiammati e le tue ossa saranno indolenzite. Certo le ossa e il muscoli si adattano e induriscono nel tempo, ma devi dare il tuo corpo un po’ di riposo.

Una volta che tu danneggi la tua mano, ci vorrà molto tempo per guarire e non sarai mai in grado di tirare forte. Chiedi a persone più vecchie, vedrai come ti dicono di non trascurare le tue mani che con il tempo te ne pentirai. Naturalmente, ci saranno sempre persone che hanno ossa di densità più elevate, ma non utilizzare questa statistica rara come motivo per non proteggere le armi più importanti che hai. Se le mani non sono danneggiate possono incorrere altri problemi come i muscoli della spalla che riducono la tua agilità e la velocità dei colpi.

Ricordati che il sacco soprattutto se non è del peso corretto in proporzione al tuo peso ti restituisce sempre della forza che viene scaricata sulle tue articolazioni e muscolatura.

Fascia sempre le tue mani e inizia con dei colpi leggeri e aumenta la potenza man mano, scalda bene anche le tue mani.

Dai al tuo corpo il giusto riposo e recupero e fai altri esercizi per allenarti.

Quindi dopo tutte queste raccomandazioni non devo fare il sacco?.

Assolutamente no, lo devi fare ma con l’attenzione verso i dettagli di cui ti ho parlato. Tieni sempre sotto controllo questi aspetti e usa il tempo dell’allenamento per lavorare su altre attrezzature da fighter ,non c’è solo il sacco pesante!

Ora non voglio che ti preoccupi quando ti avvicini al sacco ma voglio che tu continui a lavorare al sacco pesante con più consapevolezza.

Se sei al sacco pesante da solo e non stai attento rischi di prendere delle cattive abitudini se non c’è nessuno a correggerti e questo non va bene.

Il sacco può darti un ottimo allenamento ma anche abitudini pericolosissime per il combattimento. Quindi cosa devi fare? Resta sempre sotto controllo e soprattutto usa il tempo per lavorare su altre attrezzature, non fare come quelli che passano ore abbracciati al sacco!

Andrea