Come e quante volte devi lavare il tuo BJJ Gi (Kimono)

Condividere ti rende migliore

Ora oltre a lavarti tu, perchè non basta che lavi il tuo kimono, è necessario che mantieni pulito il tuo Gi per evitare di farti cacciare dai tuoi compagni di allenamento e per evitare di riempirti di batteri che possono causare infezioni.

Chi gestisce la palestra deve sempre cercare di mantenere il mat igienizzato e pulito ma anche tu per quanto riguarda la tua igiene personale (pulizia, unghie, ecc.) e la tua attrezzatura (BJJ Gi e Cintura, ecc.) devi essere attento per te stesso e per rispetto dei tuoi compagni di allenamento.

Ora pulire un Gi non è qualcosa di complicato e se chiedi consiglio a qualche casalinga, zia, amica sono sicuro che ti può dare ottimi consigli ma ti voglio dare anche io alcune raccomandazioni utili visto che alcuni amici mi hanno chiesto.

La prima cosa come pulizia è la tua, poi il gi e quella necessaria del mat perché dimostra il rispetto che hai nei confronti di tutti compreso te stesso ed è molto meglio a lottave con qualcuno che indossa un kimono pulito che con qualcuno che indossa un gi puzzolente.

Ora considera che in base a quanto ti alleni la situazione cambia, tu sai se ti alleni 3 volte alla settimana, 5 volte alla settimana o chi lo fa due volte al giorno, quindi ogni situazione è diversa.

Se hai una lavatrice a casa come immagino che sia è molto più semplice lavare il tuo Gi, però considera che in alcuni paesi del sud america non tutti hanno una lavatrice in casa e a volte questa operazione è più complicata.

La condizione ideale ma dispendiosa anche se negli anni è qualcosa di molto fattibile (fatti un salvadanaio metti due euro a settimana e a fine anno senza che te ne accorgi hai i soldi per comprarti un bellissimo Gi) è avere diversi kimono da indossare pulito ogni volta che ti alleni, ma questo lo capisco che per qualcuno è dispendioso e non è sempre possibile.

Idealmente, devi lavare il kimono dopo ogni sessione dura di allenamento, quindi quando lasci il kimono bagnato di sudore  e se fai sempre un allenamento con serietà capita tutte le lezioni.

Considera che ogli volta che ti alleni entri in contatto con i germi che sono sul tappeto,  portati  dai tuoi compagni di allenamento, da te stesso, ecc. , ad esempio una cosa schifosissima ci sono quelli che vanno in bagno a piedi nudi e tornano sui tappetini.

Se fai così in palestra fai veramente schifo!! Non sei a casa tua.

Come linea guida possiamo dire che devi lavarlo ogni volta che lo usi perché è meglio essere pulito ormai lo hai capito ma se non è possibile lavarlo dopo ogni lezione puoi usarlo di nuovo ancora una volta però in questo caso devi appenderlo subito all’aperto, preferibilmente al sole o, se puoi utilizza un asciugacapelli perché con il calore uccidi molti germi.

Questi proprio se non puoi lavarlo o se hai una emergenza 🚨 non deve essere una abitudine.

Se utilizzi più di due volte il tuo Gi senza lavarlo sinceramente rientri nella categoria dei puzzino ed è antigienico, prova farlo annusare alla tua fidanzata vediamo cosa ti dice, magari il tuo compagno di allenamento non si osa, ma pensa veramente che fai schifo.

Il mio consiglio è di averne almeno due da fare ruotare, personalmente ne ho 4 che faccio ruotare e di solito mi alleno più volte a settimana (negli anni ne accumuli di Gi e un mio consiglio visto l’alto abbandono nelle palestre è di guardare nell’usato o chiedere a compagni di allenamento che hanno iniziato e che per motivi vari hanno abbandonato).

Durante il fine settimana cerca di lavare insieme o in due volte i tuoi Gi per avere durante la settimana il tuo Gi pulito per allenarti senza puzzare e rispettare i tuoi compagni di allenamento.

RACCOMANDAZIONI SU COME FARE IL LAVAGGIO

Il gi è fatto di cotone e quindi devi trattarlo come tutti i capi di cotone. Lava i kimono colorati separati dai capi bianchi o altri gi bianchi (se li lavi insieme rischi di avere il kimono bianco macchiato e quelli colorati sbiaditi del colore).

Alcuni usano per i gi colorati l’aceto di mele, personalmente l’ho usato a Cuba perché non avevo i prodotti che ci sono qui nei supermercati per capi colorati ma non lo uso qui in Italia. Usalo invece se è la prima volta che lavi il kimono, questo quando si tratta di uno gi colorato.

Se dimentichi o lasci il kimono per 3 giorni nello borsa sudato dopo averlo usato lo rovinerai, come colore, come batteri, come odore, lo fai marcire.

Il modo più corretto è lavarlo sempre con acqua fredda, usa un  detersivo (liquido) e un pò di ammorbidente dopodiche mettilo ad asciugare fuori  all’aperto.

Attenzione se si utilizzi un essiccatore è probabile che il kimono si restringe le prime due o 3 volte che lo lavi e dopo queste 3 volte, non più. Se non si vuoi che si restringa  devi asciugarlo a temperatura ambiente.

Questo trucchetto lo puoi usare se è leggermente grande il tuo gi.

Non usare il cloro perché crea de danni al tessuto, il 99% dei kimono sono realizzati in 100% cotone e il cloro danneggia il tessuto.

È necessario fare lo sforzo e non solo per gli altri ma anche per te, di prenderti cura della tuapelle, perché è da lì che partono le infezioni sul tatami che possono essere gravi se trascurate, per questo ti ho consigliato sei saponi studiati appositamente.

Ps. Mettere il deodorante o un profumo sul tuo gi o su di te non significa che non puzzi o che è come come il lavaggio!

Quando vai in palestra fai come quando devi uscire con una ragazza o con un ragazzo quindi lavati e mettiti un “vestito” pulito.

Andrea

 


Condividere ti rende migliore