La linea centrale non è solo quella che pensi

Condividere ti rende migliore

La linea centrale è un aspetto molto importante che devi conoscere e comprendere perchè mette in rapporto  durante combattimento te e il tuo aggressore. 

 Molti degli obiettivi primari come l’inguine, il plesso solare, la gola, il mento, gli occhi si trovano lungo questa linea.

 Differenti stile di combattimento si approcciano alla difesa della  linea centrale in forme differenti. 

 Esasperandola in alcuni stili dove come per difendere la linea centrale si tengono le braccia proprio a chiudere la linea, quindi per arrivare a superare questi “cancelli” devi superare più barriere.

Tuttavia ti dico che nell’enfasi di un compattimento reale con finte, cambi di altezze, velocità, aggressività, varietà di colpi, ecc. la maggior parte dei combattenti lasciano o meglio perdono il controllo dellala linea centrale aperta ed è l’area in cui i riflessi legati alla vista degli occhi sono i migliori strumenti di difesa da utilizzare.

Mentre le tue braccia è meglio distribuirle in guardia contro Hook o colpi larghi diretti a  colpire la tua testa, dove i tuoi occhi non funzionano al meglio, dove conta molto quella che è la visione periferica che è la vista che devi usare in combattimento.

Inoltre, in questo modo, si “disegna” o meglio invita il tuo avversario ad attaccare lungo la linea centrale – lo attiri a tirare dentro o “in”.

Bruce Lee ha chiamato questo metodo “Attack by drawing “, A.B.D. attacco con disegno prestabilito” Sembri aperto, ma in realtà sei pronto a rispondere.

 Dal punto di vista difensivo sicuramente hai avuto modo di renderti conto che non si  può difendere tutto il tuo corpo ovunque … 

 Semplificando, se ti copri il centro sei aperto ai lati, se ti copri i lati stai aprendo il tuo centro contro gli attacchi di colpi singoli o pugni a catena oppure qualunque attacco su altezze diverse lungo la linea centrale cercando i bersagli primari.

Allo stesso modo non si può difendere in maniera esmplice le linee alta e bassa del tuo corpo, considera una linea che va dalla testa ai piedi.

Che cosa si deve fare se un aggressore è vicino e non puoi fare una difesa troppo stretta perchè non sai da dove arrivano i colpi?. 

Se si “chiude una porta” da un lato vuol dire che ti stai scoprendo sul lato opposto.

Devi utilizzare una combinazione di movimenti del corpo o della testa, con un movimento scillatorio continuo, un metodo di blocco o di parata con movimenti minimi per difenderti da eventuali colpi. 

 Lascia la tua linea di centro “aperta” in apparenza ma che chiudi il più vicino a te quando l’attaco del tuo avversario arriva più vicino a te.

Pensa alla tua guardia come ai movimenti di una sentinella come un guardia che gira e controlla periodicamente tutte le serrature.

Vuol dire che non devi stare fermo in una posizione fissa ma la guardia deve sempre stare in movimento.

Un “micro” movimento ma non fermo per due ragioni: 

✔️ Favorisce la tua reazione di attacco dopo o durante la difesa

✔️ Partire da fermo è più complicato, è più lento.

 Ricordati che tutte le posizione fisse e statiche alla fine vengono superate o l’avversario gira intorno a loro.

Una cosa importante è il tuo footwork e la posizojne del tuo corpo, puoi attaccare la linea centrale del tuo aggressore nel centro senza essere direttamente di fronte a lui per questo non è in grado di attaccare il tuo centro nel modo più efficace. 

Stai usando delle traiettorie differenti ma che vanno come impatto sulla linea centrale.

Ora voglio andare oltre la tua linea centrale ma voglio proseguire e la voglio estendere fino ad arrivare a quella del tuo aggressore.

Considera che siete perfettamente in linea con i tuoi piedi e quelli del tuo avversario allineati.

Cosa succede se volutamente ti sposti mettendo il tuo piede leggermente dentro o al di fuori della linea centrale?.

Significa che stai obbligando lui a modificare strategia e colpi da utilizzare ma la stai cambiando perché tu vuoi portare un certo tipo di attacchi che lavorano borderline alla linea centrale (lo approfondiamo ma non ora) perché più il livello sale è più le “sentinelle” e i varchi per arrivare a bersaglio diventano sempre più stretti, gli spazzi per passare più un aggressore è esperto e più l’effetto diventa a imbuto.

Questo metodo di eseguire il footwork è molto usato tra i professionisti del pugilato, incomincia a farci caso quando guardi gli incontri.

Sperimenta delle varianti alla linea centrale.

 Andrea USOMA  


Condividere ti rende migliore