La pillola del giorno 022 – I dodici angoli di attacco

Condividere ti rende migliore


Questo è un sistema di insegnamento sui “Dodici angoli di attacco”  nell’escrima.

Solitamente si spiegano i primi 5 angoli di attacco come vedi nella immagine che segue, ma vogli che inizi a esplorare anche gli altri angoli, perchè non devi limitarti.


Considera che ci sono sistemi che vanno ancora oltre i dodici angoli di attacco ma oggi voglio che impari questi. Nei prossimi articoli ti faro vedere 24 sistemi di angli di coltello che variano in base allo stile.

Nelle arti marziali Filippine si utilizzano specifici angoli di attacco numerati, i numeri sono usati come abbreviazione in classe per capire che angolo tirare. Il tema generale è che i colpi sono di solito accoppiati (numeri dispari sono il dritto, anche i numeri sono il rovescio).

Gli esempi che seguono presuppongono un colpo con la mano destra, ma come vedi dallo schema li devi eseguire anche con la sinistra.

Qui ci sono i 12 attacchi usati nel sistema Lacoste/Inosanto e Modern Arnis, da Remy Presas. Anche se in realtà nel sistema Lacoste/Inosanto si usano più sistemi di numerazione.

È interessante notare che le spinte sono fatte con la guardia di pinze e con la forte posizione troppo: spinte destra sono fatti con la mano in Seconda, la spinta dello stomaco è fatto in con la mano in terza, e le spinte a sinistra sono fatti con la mano in quarta .

I 12 angoli di attacco:

  1. Dritto alla tempia sinistra
  2. Rovescio a tempia destra
  3. Colpo di diritto alla spalla sinistra
  4. Rovescio a spalla destra
  5. Spinta di stomaco
  6. Spinta a sinistra del petto
  7. Spinta al petto a destra
  8. Rovescio a ginocchio destro
  9. Dritto al ginocchio sinistro
  10. Spinta a occhio sinistro
  11. Spinta a occhio destro
  12. Verso il basso per coronare


Osserva:

✔️Angoli uno e due – colpi laterali dalla parte superiore della testa alla base del collo.

✔️Angoli tre e quattro – colpi laterali dalle spalle ai fianchi. Gli obiettivi principali sono le spalle, gomiti, e le mani.

✔️Angolo di cinque – linea mediana spinta da sotto il gomito.

✔️Angoli sei e settenari spinte laterali al petto o le ascelle.

✔️Angoli otto e nove – colpi laterali dalle anche ai piedi. I settori di intervento sono le ginocchia, stinchi, caviglie, o piedi.

✔️Angoli dieci e undici – spinte laterali agli occhi o al collo.

✔️Angolo di dodici – mid-line colpo dall’alto verso il basso.

Ecco ora la numerazione più comune, ma considera che alcune scuole possono utilizzare qualche variante.

Questo elenco considera che è la mano destra che sta attaccando con un’arma a singolo taglio.

  1. Verso il basso e verso l’interno sulla parte superiore sinistra del ricevitore. Colpo di diritto.
  2. Verso il basso e verso l’interno sulla parte superiore destra del ricevitore. Rovescio.
  3. Orizzontalmente e verso l’interno sulla metà sinistra del ricevitore. Colpo di diritto.
  4. Orizzontalmente e verso l’interno sulla metà destra del ricevitore. Rovescio.
  5. Di spinta dritto e diretto al tronco del ricevitore.
  6. Leggermente inclinata di spinta a destra del capo del ricevitore.
  7. Leggermente inclinata di spinta a sinistra della testa del ricevente.
  8. Verticalmente verso il basso sulla parte superiore della testa del ricevitore.
  9. Orizzontalmente e verso l’interno su in basso a sinistra del ricevitore. Colpo di diritto.
  10. Orizzontalmente e verso l’interno sul ricevitore in basso a destra. Rovescio.
  11. Verso l’alto e verso l’interno sulla metà o in alto a sinistra del ricevitore. Colpo di diritto.
  12. Verso l’alto e verso l’interno sulla destra a metà o superiore del ricevitore. Rovescio.

Ora, è importante ricordare che l’elenco è utile per la tua formazione di base e come tale usata ma su ogni angolo puoi eseguire attacchi differenti di taglio, di punta, di pugno, oppure mixare il tutto.



Gli angoli di attacco li puoi studiare:

✔️ A vuoto

✔️ Con un compagno di allenamenti fermo come bersaglio

✔️ Sulle gomme

✔️ Su un Dummy per l’escrima

Ora allenati e memorizza gli angoli di attacco.

Andrea


Condividere ti rende migliore