10 cose che probabilmente non conosci sulle arti marziali filippine.

Oggi ti voglio fare una piccola premessa per raccontarti come iniziato a praticare le arti marziali Filippine.

Stavo praticando la lotta in particolare il CSW di Erik Paulson quando sono rimasto incuriosito dal fatto che fosse anche una Black Belt della Inosanto Academy, quindi un esperto di JKD e di Kali Filippino.

Era incredibile come un atleta e maestro di quel livello fosse così dedito anche alla pratica del Kali, fu una illuminazione, e così inziai a prendere le prime lezioni di Kali per curiosità, per capire di più e sentire in prima persona il perchè di tutto questo.

Il Kali è propedeutico per qualunque arte marziali tu pratichi, anzi espande la tua arte, è una “ginnastica per la mente” per le tutte arti marziali.

La cosa straordinaria è che più ti immergi in questa arte e più ti accorgi che quello che vedi in superficie non è nulla e dal bastone inizi a passare al coltello, alla spada e la daga, alla lotta dumog, al panantukan ( il dirty boxing più approfondito che abbia mai visto) , il sikaran (l’arte di calciare) , le armi improvvisate, ecc., fino al misticismo.

“Ma che cosa è tutto questo?”, “Ma non è solo il bastone il Kali??!!”.

Assolutamente no!!.

anche se è la prima cosa che ti viene insegnata, ma più passava il tempo, più rimanevo affascinato e sbalordito dalla potenzialità che mi dava praticare questa arte che mischiata con le altre che praticavo.

Si “incollavano” perfettamente” e le espandevano.

Ps. Lo stesso Lee studiava kali filippino proprio con Dan Inosanto

Ora per comprendere qualcosa in più ti voglio raccontare 10 cose che probabilmente non consoci sulle arti marziali filippine:

1 – I bastoni sono un’estensione delle mani; Senza le mani, non ci possono essere bastoni.

Anche se i praticanti di molte arti marziali a parole dicono che utilizzano questo principio, solo i praticanti delle arti marziali filippine lo applicano realmente con i fatti facendo le stesse tecniche esatte con e senza armi.

La differenza non la fa l’arma che tieni in mano, ma la differenza la fa l’uomo che tiene l’arma con le sue mani.

Questo principio mi trova molto in accordo e se segui il blog sai come spesso più volte abbia scritto come sia l’uomo a fare la differenza più che l’arte in sè.

Spesso alcuni chiedono:”che serve che ti eserciti a combattere il bastone? Non è come ti porti il  bastone ovunque vai?”. Ma in realtà non hanno compreso l’essenza è il significato propedeutico che c’è dietro il bastone.

Vuoi un consiglio?! Studia il bastone. Migliorerà ogni aspetto della tua arte marziale oltre che espanderà il tup senso della posizione, della distanza e i tuoi riflessi.

Ps. Il bastone va molto molto veloce!! La tua mente e il tuo corpo accellerano.

2 – Le arti marziali filippine (kali, escrima, arnis) insegnano prima le armi, dopo di che vengono le tecniche a mano nuda.

Anche se per  alcuni praticanti e maestri di arti marziali la concezione di insegnare prima le armi può sembrare strana, la maggior parte se non tutte le tecniche di combattimento delle FMA a mano derivano dai principi che sono alla base del movimento con il bastone e con spada.

Una delle caratteristichè del Kalì è anche la rotondità dei suoi movimenti unita alla capacità di entrare lungo linee dirette derivato dal continuo studio di traiettorie di taglio mixate con traiettorie di punta.

Un’altra caratteristicha fondamentale è l’utilizzo della mano viva, quindi una abitudine costante a usare “armi” differenti, di lunghezza differente in modo diverso, questo approccio ti abitua a modificare continuamente la tua posizione a seguito della variazione di distanza tra una tua mano armata e l’altra mano “nuda” esaltando il footwork. Questo approccio abitua la tua mente a far lavorare in maniera funzionale tecniche diverse concatenandole per un’unico scopo.

3 – Le arti marziali filippine rappresentano le tecniche di combattimento più approfondite e pratiche al mondo.

Sono una delle poche arti che vanno ad affrontare e coprire tutte le distanze in cui si svolge il combattimento in maniera approfondita:

  • lunga distanza (calci),
  • media disatanza (pugilato, gomito, ginocchio)
  • e corto distanza(aggrapparsi, colpire, mordere, combattere).

Ps. Considera che sono studiate in maniera così approfondita che alcune specialità come il sikaran alcuni le studiano come se fossero una arte marziale a se.

Sono molto pratiche e moderne in quanto non si concentrano su mosse fantasiose o complicate che potrebbero non riuscire a funzionare in un combattimento reale.

I sistemi filippini sono molto moderni perchè sono una delle poche arti che hanno continuato ad essere tramandate e utilizzate nelle filippine fino ai giorni nostri, con una vera evoluzione del sistema stesso.

Anche le forme utilizzate da alcuni sistemi filippini sono composti da mosse effettive di combattimento, che storicamente erano nascoste in una danza (sayaw) per evitare che i conquistatori stranieri potessero apprendere il Kali.

Personalmente non uso forme, una sorta di kata perchè non è il mio approccio alle arti marziali.

La praticità delle arti filippine è aumentata dalla versatilità delle armi:

  • A lunga distanza, è possibile utilizzare la punta del bastone o della spada;
  • Nella media distanza puoi usare il corpo del bastone o la lama della spada;
  • A breve distanza, è possibile utilizzare la parte inferiore del bastone (punyo) o il manico della spada.

Il concetto simile viene utilizzato anche a mano nuda utilizzando al meglio le armi naturali del corpo in base alla distanza e dando una continuità e una fluidità nel colpire tipica degli stili filippini che enfatizzano la continuità del movimento.

Ps. Molti sistemi al mondo di difesa personale in realtà hanno al loro interno parti prese dal patrimonio delle arti marziali filippine e spesso senza neanche saperlo.

4 – Le arti marziali filippini sono le uniche che possono completare qualsiasi altro stile di combattimento tu stia praticando.

Come ti dicevo all’inizio di questa chiacchierata, tutti i settori del kali non sono mai in conflitto con le altre aree ma le rafforzano e la stessa cosa avviene con altri stili di arti marziale che vengono solo rafforzate. Qualunque arte marziale pratichi studiare il kali filippino portera solo benefici.

Il kali come spero ormai hai capito include le arti di calciare, le arti a mano nuda , le arti pura di autodifesa e le arti da combattere con armi da percussione e da taglio, più anche l’arte di lancire oggetti di diversi tipo, ecc.

 

5 – Il combattimento con il bastone e le armi da taglio è adatto e vantaggioso per tutti.

Per i bambini:

Nel Kali ci sono molti esercizi di movimento e coordinazione come il sinawali. Questa forma di combattimento a doppio bastone rafforza gli arti e sviluppa la coordinazione degli occhicosì come qualsiasi sport.

I bambini inoltre ricevono anche della formazione dei pericoli che si corrono maneggiando le armi (anche se da training perchè sono piccoli) quando imparano a manipolare in modo sicuro le armi potenzialmente pericolose.

Questa impostazione moderna per i bambini è preferibile al vecchio modo usato nelle filippine ma nel mondo in generale compresa l’Italia. Quando ero giovane, mio nonno mi ha insegnato a gestire una lama viva mentre imparava a utilizzarla per la sopravvivenza e l’autodifesa.

Per le donne:

Le arti filippine sono perfette per una donna perché anche se le mani sono piccole possono contenere un coltello e portare colpi in modo mortale. Con una formazione minima, una donna sarà in grado di mantenere a distanza quasi tutti i malintenzionati e se uno è così pazzo da avvicinarsi rischia sicuramente di essere tagliato o ucciso.

Non ci credi?? Prova questo esperimento: Prendi un pennarello a punta grande e dallo alla tua fidanzata o a una amica che conosci, ora indossa gli occhiali protettivi e digli di colpirti con il pennarello ogni volta che provi ad avvicinarti senza entrare.

Non è facile da fare e ancora meno se non hai una formazione di scherma corta.

Una volta che lei ha imparato come portare discretamente i colpi e disegnare con l’arma traiettorie precise, il tuo compito sarà più esponenziale se non quasi impossibile se non sei disposto a tagliarti o se non utilizzi anche tu un arma possibilmente più lunga.

Il Kali non è un gioco!!

Con un arma da taglio appropriata per lei molto probabilmente sarà in grado di proteggersi veramente non solo da un aggressore ma anche contro molti attaccanti.

Per gli uomini e agenti di polizia e per i membri delle forze armate:

Le arti filippine forniscono una serie essenziale di competenze molto utili in ambito di difesa personale visto l’ampio uso di bastoni e di armi da taglio. Gli uomini e chi opera nelle forze dell’ordine hanno bisogno di abilità reali, sia offensive che difensive, e le arti filippine sono tra i pochi sistemi recenti che sono stati testati in conflitti reali.

6 – Le arti marziali filippine ti aiutano a collegare i punti nella tua formazione di autodifesa concentrandosi su concetti versatili piuttosto che su una tecnica diversa per ogni situazione.

Gli istruttori FMA parlano di angoli di attacco piuttosto che attacchi specifici, quindi un approccio differente.

Una volta che sei in grado di distinguere se un attacco proviene dall’interno o dall’esterno e se è da sinistra o da destra, e da altezze diverse hai la base di quello di cui devi occuparti.

Dopo di che, la tua formazione sarà su progressioni e combinazioni che coinvolgono quelle basi andando a costruire possibilità di attacco e difesa su determinati angoli indipendentemente dai colpi.

Se il tuo istruttore è bravo non lo troverai mai a suddividere la tua difesa da un attacco in base al tipo di colpo (un pugno, un calcio, una presa, una spinta, ecc.) perché nelle FMA vengono trattati tutti come gli attacchi diretti da un determinato angolo.

Il Kali è semplificare qualcosa di complicato.

Ps. E’ l’esperinza che ti fa fare dei leggeri adattamenti in base al tipo di arma che ti attacca e che tu hai in mano o se sei a mano nuda,  ma il movimento base, gli skill aquisiti e la biomecccanica del movimento è la stessa.

Knife

 

7 – Il combattimento con il bastone non è solo l’utilizzo della tua arma.

Uno studio importante nelle arti marziali filippine è legata all’uso dell’arma del tuo aggressore contro di lui. Disarmi e restituzioni dell’arma (non intesa come scusa ti ho preso l’arma tieni, tenta di nuovo!!)

Questa capacità raramente si manifesta in pratica ed è spesso tema di dibattiti accesi, ma in realtà lo studio di queste abilità sono propedeuticche per la comprensione di dinamiche importanti e senza contare che se hai la possibilità di disarmare o restituire l’arma (che NON va cercata) devi sapere cosa fare senza il minimo indugio e fottere il tuo aggressore.

Knife Fighting

 

8 – La formazione delle armi filippine va ben oltre l’uso dei bastoni e dei coltelli tradizionali.

Non mi stancherò mai di ripetere come il kali sia qualcosa che va ben oltre lo studio del bastone.

Le 12 aree del Kali rappresentano uno studio così esteso che richiede uno studio che praticamente non ha fine.

I metodi che impari nella FMA lavorano con bastoni e coltelli ma per legge non puoi portare con te questi strumenti  di difesa.

Fortunatamente, puoi applicare le abilità che hai appreso praticamente qualsiasi cosa: una penna, un cellulare, una carta di credito, uno stuzzicadenti, un ombrello o anche una bottiglia d’acqua.

Una delle cose straordinari del kali filippino è proprio la capacità di usare armi improvvisate con la stessa qualità tecnica ed efficacia.

 

9 – Studiare le arti marziali filippine può rinvigorire la tua formazione, sia che tu sia un principiante o un maestro.

Come tu sai se segui il blog tendo molto a stimolare le persone a non praticare una sola arte marziale.

È anche uno dei motivi per cui sono così interessato ai praticanti di altre arti, mi piace se posso liberarli da delle loro prigioni mentali che gli hanno costruito intorno (interessi personali dei maestri) o si sono auto costruiti da soli (zone di confort).

Una volta che hai una solida base, se non c’è una plaestra vicino a casa tua che pratica una determinata arte marziale come il kali oggi per fortuna ci sono molte possibilità.

Puoi imparare comunque molte usando dvd didattici e corsi online con un altro tuo amico esperto ma attenzione non rinunciare mai però all’interazione con un maestro specializzato o a seguire stage quando ci sono le possibilità.

Ricordati che il significato, i principi, l’importanza e la storia dietro le tecniche, le esercitazioni pe sviluppare gli attrbuti e le qualità, sono per la maggior parte nascoste.

Hai bisogno di un vero maestro per aiutarti a interpretarli.

 

10 – Anche se alcuni istruttori si concentrano sullo sport, le arti marziali filippini sono una forma di autodifesa basata sulla realtà e un ottimo esempio di un sistema MMA completo.

Non farti ingannare da quello che vedi nei tornei di bastone o di quello che si sente dire in giro. Il kali non è quello.

Le arti filippine sono un sistema da difesa personale in 4D, sono molto di più che tridimensionali.

Come ti ho detto prima, non fermarti sulla superficie, se continui a guardare in un punto ti perdi tutto quello che c’è intorno.

E’ uno dei sistemi di difesa personale tra i più efficaci al mondo.

Kali Eskcrima

Il kali filippino è movimento quindi esplora!! Vai oltre la tua arte se vuoi scoprirla veramente!!

Andrea

Sparring con il bastone

Eskrima Kali

Il combattimento con il bastone è qualcosa di incredibilmente divertente e sviluppa degli attributi che sono utili non solo nel combattimento con il bastone.

Se utilizzato correttamente, il bastone migliora le tue capacità di combattimento generale, e ripeto non solo nel combattimento con il bastone. Il Kali è propedeutico.

Forse la forma più efficace di combattimento con il bastone è stato sviluppato nelle Filippine anche se in ogni cultura e paese esistono forme di combattimento utilizzando il bastone.

Ma quello che è andato più in profondità sicuramente è il sistema di arti marziali conosciuto come Eskrima, Kali o Arnis.

Nel 1500, i conquistatori spagnoli armati di coltelli e spade hanno attaccato gli indigeni filippini che hanno combattuto utilizzando “sottili” bastoni di legno.

Il combattimento di bastone è ideale per le situazioni di autodifesa quando un aggressore brandisce un’arma perchè può aumentare le tua probabilità di sopravvivenza se combattendo “dietro” un bastone.

img_4421

LA POSIZIONE DELLA TUA MANO

Tieni il bastone lasciando uscire il bastone di circa tre dita (con la parte più lunga verso l’alto). Questo crea nel bastone un’arma con un “doppio attacco”. La parte principale è il lato più lungo che colpisce con forza dalla distanza e l’end point secondario è sotto il pugno che può essere utilizzato nella distanza stretta quando sei molto vicino nella distanza di close combat e la parte lunga del bastone non ha abbastanza energia per sviluppare un impatto distruttivo.

Non tenere il bastone troppo stretto per non sprecare energia e rendere i movimenti troppo rigidi.

Quando sei fuori della distanza di contatto, punta il bastone al volto del tuo avversario, questo distorce la percezione della profondità del bastone ma attenzione tienilo in posizione verticale quando sei più vicino per essere pronto a parare e contrattaccare.

img_0786

MOVIMENTO CONTINUO (figura a X e figura a 8)

Oscilla sempre il bastone a “disegnare” nel vuoto una ‘X’ o la forma di otto nel movimento, enfatizzando colpi orizzontali e verticali verso il basso che mirano a livello della clavicola.

La tua mano che oscilla deve essere nella parte anteriore della tua posizione di combattimento con la mano posteriore in guardia vicino al viso.

ATTENZIONE!!! Non tenere la tua mano viva in giro dove non serve a nulla.

Importante se il bastone è nella mano destra la gamba avanzata deve essere la destra e viceversa, questo per avere il massimo allungo nei tuoi colpi.

La stessa forma di movimento a 8 può essere invertita con una notevole enfasi sul movimento di recupero del cambio traiettoria volta a livello del tronco.

Oscilla il bastone anche con i movimenti del tuo corpo che iniziano dai piedi, dalle ginocchia, ai fianchi e continua attraverso le spalle e le braccia. Mantieni i polsi rigidi. Varia il tuo swing dalla figura-otto a movimenti orizzontale, movimenti indietro e in basso volti al livello del ginocchio, al livello medio e livello di testa. Cambia il ritmo e la velocità. Quando si lotta con i bastoni devi tenere sempre il bastone in movimento.

Studia gli angoli di attacco e le sue variazioni!!!

NON STARE MAI FERMO!!!!

Il movimento continuo è importante per i seguenti motivi:

  • Previene la staticità dalla tua posizione durante il combattimento migliorando il tuo footwork.
  • Aumenta la velocità complessiva dei vostri colpi.
  • Minimizza i tuoi movimento e elimina il telegrafare le tue intenzioni, soprattutto prima di colpire con il bastone.
  • Migliora il tuo tempo di reazione nella fase di difesa.
  • Si riduce al minimo l’esposizione della mano quando si combatte.
  • Si migliora in modo significativo il flusso offensivo di attacco.
  • Migliora la tua capacità di “nascondere” la tua reale distanza con il bastone quando è a portata di tiro per il tuo aggressore (fraintendere la distanza).

 

DOVE COLPIRE

Usa i tuoi attacchi continui, resta sempre attivo per cercare di colpire il tuo avversario in aree specifiche del suo corpo, come il lato della testa, il lato del collo, la clavicola, il lato esterno superiore del braccio, il gomito, la coscia, il ginocchio, ecc..

Se si tratta di difesa personale cerca di colpire i bersagli primari: occhi, gola, genitali.

Uno degli obiettivi più importante di queste aree del corpo da attaccare è la mano armata dell’attaccante, quando è possibile, usa il bastone per colpire la sua mano, costringendolo a perdere l’arma.

 

CONSIDERAZIONI

Combattere con un bastone, anche se rafforza le tue capacità offensive e difensive, presenta anche i suoi pericoli. Se perdi il bastone può essere usato contro di te. Devi ridurre al minimo la probabilità di perdere il bastone evitando ampie oscillazioni che compromettono la tua difesa e ti lasciano aperto per contrastare i colpi. Un duro colpo al corpo o alla testa può farti cadere il tuo bastone. Il movimento costante del bastone fa diminuire la probabilità che il tuo aggressore possa colpire la tua mano armata di bastone con un colpo diretto.

 

CATEGORIE STICK SPARRING

  • Bastone Singolo vs Bastone Singolo
  • Bastone Singolo vs Doppio Bastone
  • Doppio Bastone vs Doppio Bastone
  • Bastone Lungo (Stack) vs Bastone Singolo o Doppio Bastone
  • Regole nello stile Nguni

img_4424

PUNTEGGIO GENERALE NELLO STICK SPARRING (dipende dai regolamenti ma questo ti serve per allenarti con amici e dare un valore sui colpi):

  • Intercettazione – 5 punti
  • Distruzione – 4 punti
  • Attacco in combinazione – 3 punti
  • Feint Efficace – 2 punti
  • Attacco Singolo Diretto – 1 punto
  • Colpo Doppia (insieme) – 0 punti

 

POSIZIONI STICK SPARRING

In generale ci sono nove posizioni di combattimento con il bastone dove tu e il tuo avversario vi potete trovare:

  • Tu e il tuo aggressore siete in piedi.
  • Tu sei in piedi e il tuo aggressore è in ginocchio.
  • Il tuo aggressore è in piedi e tu sei in ginocchio.
  • Sia tu che il tuo aggressore siete in ginocchio.
  • Tu sei in ginocchio e il tuo aggressore è sdraiato.
  • Il tuo aggressore è in ginocchio e tu sei sdraiato.
  • Tu e il tuo aggressore siete sdraiati.
  • Tu sei in piedi e il tuo aggressore è sdraiato.
  • Il tuo aggressore è in piedi e tu sei sdraiato.

img_4423

I VANTAGGI DI FARE STICK SPARRING

  • Migliora la tua fiducia generale.
  • Migliora la tua velocità mentale e fisica.
  • Migliora il senso della posizione del tuo corpo.
  • Migliora il senso della tua posizione nello spazio dove ti muovi.
  • Aumenta la potenza dei tuoi colpi e del braccio.
  • Riduce al minimo i movimenti telegrafici generali nella vostra meccanica del movimento del corpo.
  • Migliora la coordinazione occhio-mano.
  • Migliora la capacità di adattarsi ad attacchi con le armi da angolazioni imprevedibili.
  • Affina e migliora la capacità di muoversi in combattimento.
  • Sviluppa e affina il tuo senso del tempo.
  • Ti insegna la distanza e la gestione della distanza.
  • Rinforza il tuo senso di riconoscimento del bersaglio.

 

Stick Sparring Bastone

Buon Sparring di Stick Fighting!!!.

Leggi! Studia! Applica! Condividi!

Andrea

 

 

 

Se puoi tienilo con te il BASTONE ESPANDIBILE (expandable baton)



Il bastone espandibile è un oggetto con la caratteristica di essere compatto e all’occorrenza estensibile.

Solitamente è in acciaio solido per avere residenza e una forte capacità di impatto.

Ora ok, tu mi dirai, ma non posso andare in giro con un bastone nella borsa o in macchina.

Lo so che sembra strano andare in giro con un bastone anche se compatto ma non diventare una vittima, diventa consapevole della tua sicurezza personale.

Perché ti dico questo.

Sempre più spesso si sentono notizie di aggressioni a automobilisti o aggressioni senza un reale motivo. Avere con te un oggetto del genere può essere un grande vantaggio.

La società ti ha educato che non devi portare con tè oggetti per difenderti perché esistono delle forze dell’ordine che tutelano la tua persona ma se ti minacciano la realtà è che in quel momento sei solo.

Un bastone telescopico estensibile è uno strumento di auto-difesa potente e intimidatorio ed è una delle migliori armi di impatto disponibili. Ti permette di avere il vantaggio della sorpresa e della distanza.

I bastoni, chiamati anche manganelli telescopici, manganelli retrattili, bastoni, manganelli di acciaio tattici, manganelli metallici o manganelli sicurezza sono la stessa arma non letale usato dalla polizia, la sicurezza, e il personale militare in tutto il mondo.

Uno dei motivi per cui sono così popolare è perché ti danno un pó di distanza, colpiscono duramente e sono efficaci a fermare un attaccante in una situazione pericolosa.

Inoltre è uno strumento intimidatorio, e la maggior parte dei criminali capisce e conosce come queste armi sono potenti ed efficaci, e di solito tornano indietro quando ne vedono uno perché sanno che possono procurarsi dei danni.

Il bastone espandibile in mano a un esperto può essere usato in diversi modi:

✔️come strumento impatto,

✔️può essere utilizzato per colpire,

✔️bloccare

✔️per eseguire controlli e leve articolati.

Per ottenere l’apertura del bastone è sufficiente muovere il polso rapidamente per espanderlo alla sua dimensione completa. Ancora più semplice se il gesto lo fai verso il basso sfruttando la forza di gravità.

Ora se non pusi portarlo in giro perché la legge te lo vieta sicuramente puoi tenerlo in casa. Si tratta di uno strumento molto efficace ma credo che tu debba tenere a mente che se lo porti in giro sei passabile di denuncia.

 

L’UTILIZZO DEL BASTONE ESPANDIBILE

Ora se ne hai acquistato uno, prima di utilizzarlo leggi attentamente questo piccolo manuale tecnico e operativo. L’uso pratico deve essere coerente con la legge e istruzioni per l’uso.

Il bastone non deve essere utilizzato da qualcuno, che non ha familiarizzare correttamente con l’uso di questo bastone. Il bastone espandibile è destinato all’uso di polizia di tutti i giorni (uso professionale). Non è legale per il trasporto civile.

 

COME SI APRE IL BASTONE ESPANDIBILE

1. Afferrare il testimone fortemente in mano dalla superficie impugnatura in gomma.

2. Sharply Flick il testimone in direzione verso il basso orizzontale o poco abbastanza veloce per espellere il testimone e di causare il blocco dura coni finali di tubi. Il più veloce si apre il testimone, il più forte che detiene in posizione aperta, ma in seguito potrebbe essere più difficile chiuderla. Non aprire mai il testimone volta a terze persone!

3. Ricordati che quando si utilizza il testimone devi farlo sempre sotto controllo o sapendo quello che fai. I colpi diretti con il testimone diretto contro una testa, viso, collo o organi vitali possono essere potenzialmente letali.

4. Se in caso di errato apertura del testimone o eseguendo una tecnica difensivi del testimone (la punta) si chiude e rieseguire il movimento di apertura per completare l’apertura del bastone.

 

COME SI CHIUDE IL BASTONE ESPANDIBILE
Per chiudere, semplicemente sbattere la bacchetta verso il basso su una superficie dura come il pavimento o un tavolo (vedere il nostro breve video di dimostrazione).

Per facilitare il rilascio dei coni bloccati si consiglia di sbattere un po’ la punta del bastone su un terreno solido. Quando si chiude il testimone tenerlo solo con il pollice e l’indice e lasciare che il suo peso diretto perpendicolarmente al terreno. Non tenere saldamente in mano chiuso dal momento che in tal caso il testimone, spesso non è diretto perpendicolarmente! Quando crollare il testimone dalla rapida rotazione senza eccessiva forza colpire la punta verso il basso con un movimento verticale contro una superficie dura, piatta e se la superficie più liscia possibile. La rapidità  dello movimento è qui più importante della forza!

ATTENZIONE!! Durante il processo di chiusura il testimone colpisce per il suo forte potere di questa superficie e potrebbe causare il danneggiamento. Fallo su una superficie morbida o elastica, come pavimenti in legno o moquette, non libera bloccaggio di coni finali.

Un consiglio, non chiudere mai su una superficie sporca (ad esempio sabbia o polvere), per evitare la contaminazione all’interno del testimone. Non chiudere il testimone ritirata il tappo guida della molla. Dopo aver rilasciato i tubi non è necessario martellare la bacchetta nel manico in gomma, in quanto vi è il rischio di danneggiare le superfici.

 

ALTRI UTILIZZI
Oltre ad essere utilizzato come arma, ma anche tornare utile e possono essere utilizzati per:

✔️rompere le finestre,

✔️rompere il vetro di sicurezza che circonda recinzioni estintore,

✔️rompere il vetro o il parabrezza di un auto,

✔️rompere la leva porte aperte per ottenere l’ingresso ai veicoli o strutture.

IN COMMERCIO NE ESISTONO DI DIVERSI TIPOLOGIE CHE VARIANO PER:

✔️Lunghezza

✔️Trattamenti

✔️Punta terminale superiore e inferiore

✔️Con luce

✔️Colore

Chiaramente le ho inserite come ordine di importanza.

La lunghezza è qualcosa di fondamentale io personalmente li scelgo con la lunghezza più simile possibile al bastone da eskrima per avere una lunghezza simile ma sicuramente se cerchi qualcosa di più compatto è meglio una lunghezza inferiore.

Trattamento, questo è una aspetto importante perché incide sulla qualità del bastone. I bastoni non trattati si rompono dopo pochi colpi piegandosi. Quindi è vero che in commercio ne esistono a basso costo ma il loro valore come potete vedere dalla immagine sotto li rende praticamente usa e getta.

Punta terminale, c’è ne sono di varie forme più tondeggianti a quelle più spigolose, dipende l’impiego. La stessa cosa vale per la punta alla base del manico.

La luce ti serve per illuminare un’area buia ma puoi anche usarla per puntarla verso gli occhi di una persona, considera che anche chiuso il bastone telescopico è una arma simile a un Kubotan con un efficace potere percussivo.

 

Il colore: personalmente scelgo il nero perché è meno visibile ma se cerchi anche un gusto personale oggi in commercio li puoi trovare anche colorati ma non è un aspetto fondamentale.

Il prezzo di un bastone telescopico può variare dai 20 euro (cinesate) fino agli 80-100 euro.

Ps. Come hai visto non ho volutamente citato le versioni a molla perché ritengo che perdano di efficacia e di controllo. La molla fa perdere la traiettoria nel movimento e perde di impatto.

Anche se il maggior punto di impatto e con la punta se hai fatto stick fighting sai come sia facile che per pochi cm si colpisca con la parte appena sotto la punta ma se provi a colpirti (esclusa la punta) con un bastone telescopico a molla scoprirai che non fa così male, e se è vero che in una possibile parata la punta potrebbe flettendo la molla andare a colpire il bersaglio lo ritengo un utilizzo sbagliato del bastone come concetto.

Utilizza il bastone espandibile rigido.

Presto ti spiegherò come può essere usato.

Andrea

10 modi per utilizzare il bastone da passeggio nella difesa personale

Walking StickOggi ti voglio parlare dell’utilizzo del classico bastone da passeggiata con manico ricurvo nella difesa personale.

Non pensare che la nobiltà nel passato girava per le strade delle città con il bastone solo perché erano zoppi, anzi, quella era il loro sistema di difesa personale.

Il walking  stick è stato lo strumento da difesa personale utilizzato dai nobili nel passato perché oltre a essere un oggetto ornamentale era all’occorrenza un efficace strumento di difesa, e spesso il pomo era con forme pesanti e contundenti se non addirittura nascondeva uno stiletto.

image

Ora senza dilungarmi troppo ti voglio fornire alcune idee sul suo utilizzo per la difesa personale, delle istruzioni con varie tecniche di difesa a base di bastone da passeggio.

Molti stili di arti marziali si allenano studiando l’utilizzo della difesa con bastone da passeggio con manico ricurvo tra cui Hapkido, Bartitsu, ecc. ma la maggior parte delle arti marziali non prende in considerazione il bastone da passeggio pur essendo qualcosa di molto comune non solo in Italia.

Inoltre devi considerare che il bastone da passeggio può essere utilizzati da anziani o da persone con problemi a piedi in situazioni di autodifesa.

Una bastone con manico ricurvo ha molteplici vantaggi utilizzato come arma nelle arti marziali, ma il bastone in generale ha molteplici vantaggi come arma di offesa, grazie all’utilizzo di punta (per stoccate e spinte) e la sua lunga asta di legno (per colpi, blocchi e leve articolari).

Inoltre, ha anche il vantaggio che il manico a gancio aiuta nelle tecniche di attacco, di intrappolamento o soffocamento di un  aggressore.

Alcuni bastoni hanno l’uncino modificato con la punta smussata per diventare più contundenti quando va ad agganciare.


Considera che esistono per la punta diverse possibilità:
✔ Punta tradizionale in legno.

✔ La parte del bastone può essere coperta da un tappo in gomma e sotto nasconde una punta perforativa per aumentare la sua efficacia.

✔ Esistono in commercio dei tappi con un sistema in fondo per estrarre una punta ricurva solo quando serve.

  

Il bastone dalla parte del manico se ricurvo come ti ho già detto ha anche il vantaggio e la funzione di poterlo utilizzare per agganciare, sbilanciare, per utilizzarlo per intrappolare o soffocare un attaccante.

Le 9 tecniche con bastone da passeggio che devi assolutamente conoscere e imparare:

* Attacchi base con il bastone e parate

* Difesa con bastone da un avversario che ti afferra o afferra il bastone

* Difesa con bastone da attacco con coltello

* Armbar con bastone da attacco di pugno

* Difesa con bastone da un attacco di pugno

* Utilizzo del bastone a uncino in una situazione di difesa personale.

* Utilizzo del bastone di punta e taglio e taglio e punta come nella scherma

* Utilizzo del bastone per sbilanciare o proiettare un aggressore.

* Rotazione del bastone per colpire i genitali

 

Allenati con il walking stick

Andrea

Come scegliere il bastone da Kali / Eskrima

functional-kali-3

Come scegliere il bastone da kali o se vuoi il bastione da stick fighting per il combattimento con il bastone è qualcosa che di semplice ma si tratta di una scelta che però richiede consapevolezza.

I bastoni possono variare per:

  • lunghezza
  • diametro
  • forma
  • materiale
  • peso
  • estetica

In base al tipo di impiego a cui è destinato devi scegliere il tipo di bastone, come per esempio training, combattimento sportivo, difesa personale, ecc.

Tipologia di stick per il Kali/Arnis/Escrima

Il bastone è l’arma più comunemente utilizzata per cominciare l’apprendimento del Kali Filippino o se vuoi chiamalo Escrima ed è in rattan (chiamato “olisi”, “yantok” o “baton” o “baston” a seconda dello stile), lungo all’incirca quanto il braccio del praticante, con una lunghezza di circa 70 cm ma può avere delle piccole variazioni.

La lunghezza standard dei bastoni é di 70 cm, perché simula il machete che ha quella lunghezza media, quindi se acquisti dei bastoni verifica la lunghezza che sia all’incirca di 70 cm.

La scelta del rattan è importante perchè rispetto ad altri legni non crea scheggie che possono “graffiare/ferire” il tuo compagno di allenamenti durante le sessioni di training.

Altri bastoni usati per l’allenamento possono essere fatti con legni più duri e resistenti del rattan ma ultimamento sono comparsi anche bastoni d’alluminio o realizzati in plastiche molto resistenti.

Wenge-Escrima-font-b-Rattan-b-font-Sticks-Kali-Sticks-Eskrima-Kali-Arnis-FMA-font-b

La scelta del materiale del tuo bastone deve essere fatta in base al peso e all’utilizzo che ne devi fare, vediamo alcuni esempi:

Bastoni in rattan – sono tra i più leggeri di molti altri bastoni per l’escrima ed è preferito da molti professionisti. Il legno è meno denso e altamente shock assorbente. Sono bastoni che difficilmente possono infliggere danni seri con un colpo rispetto a bastoni di legno più pesanti e più densi. Per questo motivo, bastoni del rattan sono ideali per scopi di formazione o sparring. Sono quelli tradizionali e tra i più utilizzati, se studi kali/eskrima non possono mancare nella tua borsa. C’è ne sono di semplici o con serigrafie con simboli e loghi tradizionali. Si tratta di bastoni leggeri e resistenti. Essendo un bastone leggero risulta molto veloce.

Rattan Stick

Bastoni in iron wood – molto duri e pesanti per questo deriva il nome legno di acciaio, sono bastoni da difesa personale o comunque per fare davvero male perché ogni colpo rompe. Permettono un lavoro di potenza anche se è un bastone che si muove più lentamente ma con un grande potere di impatto. Non usatelo in allenamento con altri bastoni in rattan perchè distruggete il bastone del vostro compagno di allenamento.Bastoni Kamagong, spesso definito anche “ironwood”, sono fatti da legno estremamente duro che è lucidato per essere il più liscio e pesante come il marmo. Questi non sono un tipo di bastone da utilizzare per l’allenamento quotidiano, sono bastoni molto belli e molto più costosi del bastone medio da kali. Se siete un praticante serio considera di comprarti un paio di bastoni kamagong da utilizzare per occasioni speciali come un test o una dimostrazione. Utili anche per allenarsi visto il peso ma non sempre per evitare infiammazioni ai polsi.

Ps. Non usatelo in allenamento con altri bastoni in rattan perchè distruggete il bastone del vostro compagno di allenamento.
5444212_orig

Bastoni in legno – Non te li consiglio per le schegge, se vuoi utilizzali sulle gomme per allenarti ma se non hai altri bastoni.

eskrima_gongsauwong

Hickory Stick sono ideali per l’utilizzo nell’escrima per due motivi. Sono fatti da un legno duro denso che li rende molto efficaci per tirare colpi dannosi ma il legno ha anche abbastanza elasticità per assorbire i colpi in uno scambio. È questa capacità di assorbire la pressione dai colpi che rende hickory stick una scelta preferita anche per fare i manici di ascia e di una mazza.

Bahi Stick, è il bastone preferito di molti puristi dell’escrima perché sono fatti da legno preso dal centro di un tipo di Palma indigena nelle Filippine. i bastoni di Bahi sono anche densi e resistenti, queste caratteristche li rende un bastone versatile ed efficace per l’uso nella pratica di escrima.

rattan+sticks

Bastoni in alluminio – Molto leggeri per prendere confidenza con figure ma li sconsiglio.

Bastoni in Nylon – Leggeri e molto resistenti ma non li consiglio

Bastoni in gomma – Per gli allenamenti di sparring “senza protezioni”. Un attrezzo necessario per testare le tue capacità in sicurezza.

IMG_0150IMG_0151

 

 

Il diametro del bastone:

Può variare in base all’impiego del bastone (allenamento, competizione, difesa personale) e in base al peso che vuoi che abbia.

Se ti alleni alle gomme devi usare un bastone standard o pesante per fare anche un condizionamento neuro muscolare ma se fai sparring è meglio usare un bastone leggero quindi di diametro molto piccolo per avere un bastone leggero che non fa danni al tuo compagno di allenamenti.

 

La forma del bastone può essere:

  • Circolare che è quella standard e la più utilizzata.
  • Esagonale molto più rara (Edge Stick).

TipIMG_0152stickLa scelta del bastone è personale ma la cosa che consiglio soprattutto per chi pratica competizioni è di utilizzare sempre lo stesso bastone con il peso e diametro per avere la massima “abitudine”.

Questo sia per gli sparring che per gli allenamenti alle gomme, ecc.

Diverso per quanto riguarda la difesa personale in questo caso varia moltissimo i bastoni utilizzando anche quelli non standard sia come lunghezza, peso e diametro perché devi abituarti a utilizzare qualunque cosa che assomiglia a un bastone perché difficilmente andrai in giro con bastone da kali nella tasca. Quindi prova a usare anche manici di scopa spezzati e interi, ecc.

Come trasportare i bastoni:

  • Borse da palestra con apposito vano
  • Borse a tracolla per coppia di bastoni con tracolla
  • Borse a tracolla per portare molti bastoni e armi differenti

IMG_0154-0IMG_2173 Bastoni coltello custodia

Personalmente utilizzo l’ultima per avere la possibilità di portarsi in giro o nella sala della lezione diversi bastoni e armi varie per l’allenamento ma per un principiante va bene anche portarlo nella borsa o avere la sacca per una coppia di bastoni.

Buon allenamento!!

Andrea

Stick Eskrima Weapon