Condizionamento atletico per le arti marziali filippine

Kali Eskcrima

Sviluppare abilità nelle arti marziali filippine (FMA) richiede l’accesso a istruzioni di qualità che purtroppo per la mia esperienza difficilmente si trovano, la complessità di questa arte e le varie aree di competenza richiedono ore di allenamento da solo e con i partner e richiede una vera dedizione al miglioramento.

Spesso come ho già più volte ribadito sul blog molte persone fuori da questa arte hanno una visione molto limitata delle arti marziali filippine pensando che si tratti solo del bastone, un grave errore di percezione.

L’utilizzo delle armi in generale richiede lo sviluppo di coordinazione, tempismo e una varietà di altre abilità specifiche per l’applicazione delle arti marziali filippine che hanno benefici enormi anche a mani nude, considera che le armi hanno una velocità di movimento incredibile se paragonata alla mano nuda.

La vastità del patrimonio marziale filippino con il tempo ti farà prediligere alcune aree che approfondirai di più, come la parte a mano nuda, il dumog, il bastone, spada y daga, doppio bastone, ecc., una selezione necessaria che devi fare e troverai lo stile e l’area che più prediligi andando a creare il tuo stile e il tuo approccio all’arte ma indipendentemente da questo ci sono delle capacità atletiche che vanno allenate e potenziate.

Ora tornando al tema di questo post, il fatto che una buona condizione fisico atletica migliora le tua capacità marziali NON è novità, ma è un aspetto importante e incisivo che spesso però nei praticanti di arti marziali filippine viene trascurato.

Ma perchè????

Questo è un errore!! Perchè il Kali con “la pancia” lo puoi praticare ma non credo che lo renda migliore e efficace.

Se migliori la tua capacità di eseguire movimenti atletici di base (corsa, salto, lancio, ecc.), ci sarà un miglioramento significativo delle tue abilità come eskrimadores e come fighter.

Se sviluppi forza, la vedrai replicata nei colpi, nei takedown, o altre tecniche, perchè più sei forte, coordinato, sciolto, più forza puoi generare e più velocemente ti muovi.

Senza contare che la parte a mano nuda come Panantukan o Sikaran richiedono capacità atletiche come il pugilato o la Muay Thai e che quindi richiedono allenamenti e preparazioni atletiche non diverse da quel tipo di sport, anche per questo le arti marziali filippine sono complesse e richiedono dedizione e integrazione con altri sport da combattimento quando possibile (personalmente ho fatto così per esempio).

Ora anche se è una cosa che si sa e che si da per scontato, mi capita spesso di vedere che ci sono molti praticanti eskrimadores che trascurano troppo la propria capacità atletica che invece incide molto sulla tua capacità di applicare il Kali.

Non è il grasso che rende il Kali più “rotondo”  ma serve una preparazione atletica specifica per sviluppare un tuo fitness atletico a tutto tondo.

Quando ho iniziato con alcune persone che praticano solo l’utilizzo delle armi in particolare a fare un lavoro sulla loro forza e condizionamento ho  subito visto cambiamenti importanti nella applicazione delle tecniche, hanno sviluppato maggiore confidenza e coordinazione nei loro movimenti con miglioramento della propriocezione e dell’equilibrio.

Anche se fai Kali non significa che non devi allenare le capacità atletiche come viene fatto negli sport da combattimento.

Puoi colpire più forte, muoverti più velocemente e risparmiare più tempo senza diminuire le tue  abilità e la tua precisione.

E’ chiaro che un miglioramento della forza e il condizionamento aggiunti sono un eccellente sistema di supporto per l’arte che ti rendono migliore.

Di seguito ti indico le basi di ciò che devi incorporare nelle tue sessioni di allenamento. Nota: i suggerimenti sono molto generali per il fitness perchè non conosco la tua condizione, ma sono tutti suggerimenti tendenzialmente orientati verso le esigenze di performance delle arti marziali filippine.

Il nucleo di ciò che ha funzionato per noi include:

  • la costruzione della forza,
  • lo sviluppo della potenza esplosiva
  • l’aumento della capacità di resistenza.

Tutti e tre questi componenti sono importanti.

Costruisci la forza

Più forza ti aiuterà a colpire più duramente.

La forza è una delle componenti che ti servono ed è la tua capacità di generare potenza nei tuoi colpi ma non solo. Sia che tu colpisca con un’arma o con le tue mani nude, se riesci a colpire con più forza, aumenterai l’efficacia dei tuoi colpi.

La forza ti aiuta nel muoverti più velocemente.

Devi generare alti livelli di forza per spingere il tuo corpo. La forza è necessaria per generare alti livelli di esplosività. Sviluppando più forza, sarai in grado di generare più esplosività e quindi muoverti più velocemente. Sebbene ci sia un limite, in generale, più sei forte, più veloce puoi essere. Questo permette di avere un “gioco” più rapido e colpi più veloci.

Più forza si traduce anche in un migliore controllo del tuo avversario quando usi leve, sbilanciamenti e altri controlli.

Sebbene questi siano in genere strumenti basati su leva, se sei più forte, hai più margine per far funzionare la tecnica, anche quando non sei nell’angolazione o nella posizione perfetta per applicarla. La tua forza ti permetterà di compensare di più quando la tua tecnica non viene eseguita perfettamente. Attenzione!! La buona tecnica è importante e non può sostituirla. Tuttavia, la tecnica richiede forza. Più hai a disposizione, più opzioni hai. Le persone più forti sono più difficili da “uccidere”.

Per costruire la forza, trova un programma a tutto tondo che incorpora push up, squat, stacchi, pull up, dips alle parallele e altri esercizi a corpo libero.

L’allenamento con il bilanciere combinato con esercizi a corpo libero può essere molto efficace nel costruire la forza. Concentrati sull’allenamento progettato per la forza e l’atletica, non il bodybuilding.

C’è molta differenza.

Fai la tua ricerca ma assicurati di utilizzare un programma che produca aumenti misurabili della forza. All’inizio del tuo allenamento di forza, quasi tutto funzionerà, ma col passare del tempo, hai bisogno di un programma ben progettato per continuare a vedere i progressi.

PS. Voglio fare un appunto specifico per le mani, perchè considera che la forza di presa delle tue mani quando maneggi un’arma è qualcosa che non puoi trascurare.

Sviluppo della potenza esplosiva

La potenza esplosiva ti aiuta a eseguire le tue tecniche in modo più efficace.

Se colpisci qualcuno con il tuo bastone, vuoi che il colpo sia efficace. Vuoi essere in grado di fermare il tuo avversario con colpi durissimi. Per fare questo, devi colpirli usando il potere. Il potere non è utile solo quando si esegue un attacco, ma anche quando si eseguono altre tecniche, come lanci e takedown.

Il potenza esplosiva è la capacità di produrre la massima forza in un tempo minimo.

Ciò significa che devi avere forza per avere potere. Una volta che hai sviluppato la tua forza al suo potenziale, concentrati sulla riduzione del tempo necessario per produrre questa forza. Riduci il tempo per sviluppare più energia.

Per sviluppare potenza, usa esercizi che ti consentono di lavorare sulla massima forza di uscita e velocità.

Incorpora nel tuo allenamento stacchi olimpici, scatti, salti, pliometria, tiri con palla medica, kettlebell e altri esercizi esplosivi nel tuo allenamento. Assicurati di sviluppare una buona base di forza prima di provare a sviluppare “il potere”. Iniziare l’allenamento di potenza troppo presto ti porterà a lesioni come tentare di fare questi esercizi senza imparare la forma giusta.

Per essere in grado di produrre energia, sviluppa la forza nel tuo nucleo.

Più il tuo core è stabile, maggiore è la velocità e la forza che puoi usare per muovere gli arti.    Nel movimento atletico, il tuo core deve assorbire e trasferire la forza attraverso il tuo corpo. Immagina come le tue braccia e le tue gambe si muovono mentre fai oscillare un bastone a tutta forza. Quella forza deve essere incanalata dalle tue gambe, attraverso il tuo nucleo, e trasportata attraverso il tuo braccio. Se il tuo core è debole, perderai energia durante il trasferimento interrompendo la catena cinematica.

Gli esercizi per rafforzare il core dovrebbero concentrarsi sulla resistenza alla flessione, all’estensione o alla rotazione spinale. L’utilizzo di barre per trazioni, kettlebell, TRX, varianti di planck,  AB Roll o stacci con bilanciere, battle rope sono alcuni degli esercizi funzionali che devi utilizzare.

Questi esercizi possono essere utilizzati per migliorare la capacità di stabilizzare la colonna vertebrale durante il movimento e quindi aumentare il potenziale per generare energia.

 

Aumenta la tua capacità di resistenza

Le arti marziali filippine includono movimenti esplosivi eseguiti ad alta velocità.

I colpi e le tecniche sono eseguiti con sequenze esplosive di più colpi combinati al movimento e non ti permette di fermarti perchè le armi si muovono molto velocemente.

In un periodo di tempo molto breve, puoi tirare più colpi a piena velocità, sfuggire agli attacchi con un rapido footwork, e magari eseguire uno scatto o un takedown.

Soprattutto se consideri di preparati per più aggressori, questi sforzi combinati ad alta intensità possono verificarsi più volte consecutivamente richiedendo uno sforzo aerobico notevole.

Questo tipo di sforzo fisico deve  essere sviluppato con la tua forza e il tuo condizionamento, diversamente ti ritroverai dopo poco con il fiatone e senza l’energia di muoverti e diventi un bersaglio facile ancora di più con le armi.

Per sviluppare questo livello di output o capacità, è necessario adottare un approccio specifico per l’allenamento a causa del modo in cui il tuo corpo alimenta l’attività.

Diversi tipi di sforzi fisici sono alimentati dal tuo corpo in modo diverso. Il modo in cui il tuo corpo alimenta un jogging lento o un giro in bici occasionale è molto diverso da come alimenta uno sprint a tutto campo, un salto per la massima altezza o un sollevamento davvero pesante. I diversi sistemi che alimentano questi sforzi includono i sistemi aerobici e anaerobici. Le attività che sono alimentate dal sistema aerobico tendono ad essere più moderatamente stimolate, mentre le attività alimentate dai sistemi anaerobici tendono ad essere a ritmi molto veloci o includono sforzi massimali.

Per il fitness generale, è utile un bilanciamento di allenamento sia per i sistemi aerobici che per quelli anaerobici, ma se ti alleni specificamente per ottenere prestazioni migliori nelle arti marziali filippine, dedica più tempo all’addestramento dei sistemi anaerobici.

Eseguire le arti marziali filippine a tutta velocità richiede un maggiore utilizzo dei sistemi ad alto rendimento in cui lavori nelle soglie anaerobiche.

Devi quindi allenare gli stessi sistemi nella tua forza e nel tuo condizionamento.

Questo allenamento può tradursi in erogazione di più colpi a tutta velocità prima sulle gomme quando ti alleni e poi sulla testa/braccio/mani/ecc. del tuo avversario, essendo in grado di applicare continuamente movimenti esplosivi per diversi round in un combattimento, o anche di avere l’energia per combattere più attaccanti.

Per sviluppare questa capacità, utilizzare una combinazione di allenamento ad intervalli e allenamenti ad alta intensità che sono per lo più di 10 minuti o meno ma alta intensità.

Allenamento in circuito, allenamenti in stile AMRAP (come più giri possibili) e altri allenamenti basati su attività temporizzate che si concentrano sul completamento rapido dei set (con una buona forma e un minimo riposo) sono alcuni esempi che potrebbero funzionare per te.

Includi più sforzi massimali con cose come sprint, salti e tiri di palla medica.

Man mano che migliorerai le soglie di quanto veloce, intenso e “lungo” puoi andare prima di cedere e più vedrai migliorare il tuo Kali.

Questo miglioramento ti farà rimanere più a lungo pulito nelle tecniche , veloce, preciso e potente prima che la fatica rovini la tua tecnica durante l’esecuzione del Kali.

In pratica, questo significa che hai una migliore possibilità di vincere una gara sportiva e di sopravvivere a un incontro violento.

Alcuni consigli

  • Utilizza esercizi che incorporano movimenti atletici generali. Non isolare ma fai esercizi che legano le catene muscolari per generare il movimento. Non cercare di farli somigliare ai movimenti di Kali. Anche se nell’addestramento specifico di abilità, questo può essere prezioso, in allenamento di forza e resistenza, questo può davvero rovinare i tuoi “meccanicsmi”.
  • Piuttosto che concentrarsi sullo sviluppo di un singolo muscolo, pensa in termini di coltivare un buon movimento. Per i migliori risultati, utilizzare per lo più esercizi che coinvolgono più articolazioni e gruppi muscolari piuttosto che isolare i muscoli.
  • Allenati per migliorare i tuoi punti deboli. Non perderti nel fare veramente bene le cose che ti piacciono di più. Il punto qui è migliorare la tua performance. Avere un equilibrio funzionale di forza e condizionamento per supportare le tue abilità FMA è importante per la tua performance.
  • Usa la variazione nel tuo allenamento. Per migliorare in modo significativo, hai bisogno di coerenza, ma hai anche bisogno di variazioni. Sviluppa progressivamente forza e potenza, ma evita di abituarti eccessivamente a una singola routine. Varia gli esercizi e le routine che svolgi in modo da evitare di sottoporsi a determinati aspetti di fitness. Attenzione!! Quando introduci la varietà, non eliminare mai i tuoi esercizi primari funzionali.
  • Chiedi aiuto nella progettazione di un programma a un esperto e assicurati di imparare come eseguire correttamente gli esercizi. Una cattiva forma e programmi eccessivamente ambiziosi possono portare a lesioni e scarsi risultati. Ricorda che stai cercando risultati di rendimento, non vantarti diritti o auto-penitenza. Un buon programma ti permetterà di misurare i risultati.
  • Ricordati sempre lo scopo per cui lo fai!. Questo significa che ora non devi fare più fitness che FMA, ti alleni per uno scopo.

Anche se tutto questo è molto semplicee scontato, in realtà è un fondamentale che ti darà un vantaggio sui tuoi avversari e ti renderà più sano allo stesso tempo. Se non stai già facendo lavori di forza e di condizionamento, prova per alcuni mesi e vedrai la differenza tu stesso. Non trascurare questo aspetto, sei sempre un fighter!.

Stay Kali Fit!!

Andrea

Sparring con il bastone

Eskrima Kali

Il combattimento con il bastone è qualcosa di incredibilmente divertente e sviluppa degli attributi che sono utili non solo nel combattimento con il bastone.

Se utilizzato correttamente, il bastone migliora le tue capacità di combattimento generale, e ripeto non solo nel combattimento con il bastone. Il Kali è propedeutico.

Forse la forma più efficace di combattimento con il bastone è stato sviluppato nelle Filippine anche se in ogni cultura e paese esistono forme di combattimento utilizzando il bastone.

Ma quello che è andato più in profondità sicuramente è il sistema di arti marziali conosciuto come Eskrima, Kali o Arnis.

Nel 1500, i conquistatori spagnoli armati di coltelli e spade hanno attaccato gli indigeni filippini che hanno combattuto utilizzando “sottili” bastoni di legno.

Il combattimento di bastone è ideale per le situazioni di autodifesa quando un aggressore brandisce un’arma perchè può aumentare le tua probabilità di sopravvivenza se combattendo “dietro” un bastone.

img_4421

LA POSIZIONE DELLA TUA MANO

Tieni il bastone lasciando uscire il bastone di circa tre dita (con la parte più lunga verso l’alto). Questo crea nel bastone un’arma con un “doppio attacco”. La parte principale è il lato più lungo che colpisce con forza dalla distanza e l’end point secondario è sotto il pugno che può essere utilizzato nella distanza stretta quando sei molto vicino nella distanza di close combat e la parte lunga del bastone non ha abbastanza energia per sviluppare un impatto distruttivo.

Non tenere il bastone troppo stretto per non sprecare energia e rendere i movimenti troppo rigidi.

Quando sei fuori della distanza di contatto, punta il bastone al volto del tuo avversario, questo distorce la percezione della profondità del bastone ma attenzione tienilo in posizione verticale quando sei più vicino per essere pronto a parare e contrattaccare.

img_0786

MOVIMENTO CONTINUO (figura a X e figura a 8)

Oscilla sempre il bastone a “disegnare” nel vuoto una ‘X’ o la forma di otto nel movimento, enfatizzando colpi orizzontali e verticali verso il basso che mirano a livello della clavicola.

La tua mano che oscilla deve essere nella parte anteriore della tua posizione di combattimento con la mano posteriore in guardia vicino al viso.

ATTENZIONE!!! Non tenere la tua mano viva in giro dove non serve a nulla.

Importante se il bastone è nella mano destra la gamba avanzata deve essere la destra e viceversa, questo per avere il massimo allungo nei tuoi colpi.

La stessa forma di movimento a 8 può essere invertita con una notevole enfasi sul movimento di recupero del cambio traiettoria volta a livello del tronco.

Oscilla il bastone anche con i movimenti del tuo corpo che iniziano dai piedi, dalle ginocchia, ai fianchi e continua attraverso le spalle e le braccia. Mantieni i polsi rigidi. Varia il tuo swing dalla figura-otto a movimenti orizzontale, movimenti indietro e in basso volti al livello del ginocchio, al livello medio e livello di testa. Cambia il ritmo e la velocità. Quando si lotta con i bastoni devi tenere sempre il bastone in movimento.

Studia gli angoli di attacco e le sue variazioni!!!

NON STARE MAI FERMO!!!!

Il movimento continuo è importante per i seguenti motivi:

  • Previene la staticità dalla tua posizione durante il combattimento migliorando il tuo footwork.
  • Aumenta la velocità complessiva dei vostri colpi.
  • Minimizza i tuoi movimento e elimina il telegrafare le tue intenzioni, soprattutto prima di colpire con il bastone.
  • Migliora il tuo tempo di reazione nella fase di difesa.
  • Si riduce al minimo l’esposizione della mano quando si combatte.
  • Si migliora in modo significativo il flusso offensivo di attacco.
  • Migliora la tua capacità di “nascondere” la tua reale distanza con il bastone quando è a portata di tiro per il tuo aggressore (fraintendere la distanza).

 

DOVE COLPIRE

Usa i tuoi attacchi continui, resta sempre attivo per cercare di colpire il tuo avversario in aree specifiche del suo corpo, come il lato della testa, il lato del collo, la clavicola, il lato esterno superiore del braccio, il gomito, la coscia, il ginocchio, ecc..

Se si tratta di difesa personale cerca di colpire i bersagli primari: occhi, gola, genitali.

Uno degli obiettivi più importante di queste aree del corpo da attaccare è la mano armata dell’attaccante, quando è possibile, usa il bastone per colpire la sua mano, costringendolo a perdere l’arma.

 

CONSIDERAZIONI

Combattere con un bastone, anche se rafforza le tue capacità offensive e difensive, presenta anche i suoi pericoli. Se perdi il bastone può essere usato contro di te. Devi ridurre al minimo la probabilità di perdere il bastone evitando ampie oscillazioni che compromettono la tua difesa e ti lasciano aperto per contrastare i colpi. Un duro colpo al corpo o alla testa può farti cadere il tuo bastone. Il movimento costante del bastone fa diminuire la probabilità che il tuo aggressore possa colpire la tua mano armata di bastone con un colpo diretto.

 

CATEGORIE STICK SPARRING

  • Bastone Singolo vs Bastone Singolo
  • Bastone Singolo vs Doppio Bastone
  • Doppio Bastone vs Doppio Bastone
  • Bastone Lungo (Stack) vs Bastone Singolo o Doppio Bastone
  • Regole nello stile Nguni

img_4424

PUNTEGGIO GENERALE NELLO STICK SPARRING (dipende dai regolamenti ma questo ti serve per allenarti con amici e dare un valore sui colpi):

  • Intercettazione – 5 punti
  • Distruzione – 4 punti
  • Attacco in combinazione – 3 punti
  • Feint Efficace – 2 punti
  • Attacco Singolo Diretto – 1 punto
  • Colpo Doppia (insieme) – 0 punti

 

POSIZIONI STICK SPARRING

In generale ci sono nove posizioni di combattimento con il bastone dove tu e il tuo avversario vi potete trovare:

  • Tu e il tuo aggressore siete in piedi.
  • Tu sei in piedi e il tuo aggressore è in ginocchio.
  • Il tuo aggressore è in piedi e tu sei in ginocchio.
  • Sia tu che il tuo aggressore siete in ginocchio.
  • Tu sei in ginocchio e il tuo aggressore è sdraiato.
  • Il tuo aggressore è in ginocchio e tu sei sdraiato.
  • Tu e il tuo aggressore siete sdraiati.
  • Tu sei in piedi e il tuo aggressore è sdraiato.
  • Il tuo aggressore è in piedi e tu sei sdraiato.

img_4423

I VANTAGGI DI FARE STICK SPARRING

  • Migliora la tua fiducia generale.
  • Migliora la tua velocità mentale e fisica.
  • Migliora il senso della posizione del tuo corpo.
  • Migliora il senso della tua posizione nello spazio dove ti muovi.
  • Aumenta la potenza dei tuoi colpi e del braccio.
  • Riduce al minimo i movimenti telegrafici generali nella vostra meccanica del movimento del corpo.
  • Migliora la coordinazione occhio-mano.
  • Migliora la capacità di adattarsi ad attacchi con le armi da angolazioni imprevedibili.
  • Affina e migliora la capacità di muoversi in combattimento.
  • Sviluppa e affina il tuo senso del tempo.
  • Ti insegna la distanza e la gestione della distanza.
  • Rinforza il tuo senso di riconoscimento del bersaglio.

 

Stick Sparring Bastone

Buon Sparring di Stick Fighting!!!.

Leggi! Studia! Applica! Condividi!

Andrea

 

 

 

Kino Mutai, la estrema difesa del kali filippino di mordere, di pizzicare, di strappare.

img_4239

Kina Mutai o Kino Mutai o Ankab Pagkusi è la letale arte marziale filippina di mordere, pizzicare e stracciare! Considera che sei stato portato a terra da un professionista di lotta di brasilian Jiu-jitsu, bloccato a terra, in una posizione estremamente vulnerabile!!! Come si può sfuggire???

La risposta è semplice! Utilizzando le tecniche di Kino Mutai! Il Kino Mutai utilizza per mordere più di 100 punti nel corpo umano!

Si racconta che un giorno Bruce Lee mentre praticava wrestling occidentale ed è stata avvicinato da un avversario abile di lotta che gli ha chiesto che cosa farebbe lui se si trovasse effettivamente in questa situazione di svantaggio con un lottatore esperto e più pesante come lui. Lee rispose immediatamente: “Beh, ti mordo, naturalmente!!!.” La teoria del JKD essendo che un vero sistema di combattimento non sportivo deve includere una mentalità di sopravvivenza e quindi psicologicamente devi fare tutto ciò che è necessario per difendere te stesso.

img_4247

Vi ricordate Mike Tyson con  Evander Holyfield che durante il match con un morso gli ha staccato un pezzo di orrechio?.

Tyson Kino Mutai

Ora ti voglio raccontare una mia esperienza di Kino Mutai. Qualche mese fa stavo giocando con la mia compagna che è caraibica cresciuta nei quartieri “brutti” del centro Habana lottando e l’ho bloccata che non poteva muoversi, ma lei mi ha preso il naso con i denti stringendolo “piano” ma ti assicuro che già era un dolore fortissimo e sono stato costretto a lasciarla. Se lei voleva poteva ancora mordere di più serrando la presa ma considera che anche se non era un morso stretto il dolore era già forte.

Una seconda esperienza durante una lotta no gi dove avevo preso questo ragazzo con un triangolo un pochino sporco aveva la faccia schiacciata dalla mia coscia e lui mi ha morsicato al punto da bucare i miei pantaloncini corti ricavati da un gi, al punto da bucarli, chiaramente l’ho dovuto mollare per il dolore lancinante e gli ho dato uno schiaffo ma nessuno aveva visto cosa era successo se non dopo vedendo il pantaloncino bucato e il segno del morso.

Il principio fondamentale è di mordere senza interruzioni, questo significa che ti metti in posizione tale che è possibile continuare a mordere, finché vuoi, rendendo impossibile al tuo avversario di fuggire ai tuoi morsi!

Il Kino Mutai ha 12 posizioni e ogni posizione ha 4 varianti! Può essere utilizzato per infliggere dolore, per sfuggire a un blocco e può essere utilizzato per tagliare le arterie del corpo che possono causare gravi emorragie!!!

Anche pizzicare all’interno del bicipite e la parte interna delle cosce oppure lo sfregamento e la scriccatura/schiacciamento degli occhi con i pollici, sono un modo molto efficace per sfuggire a blocchaggi/leve e sicuramente scoraggia e manda fuori equilibrio la psicologia dell’avversario!

Il Kino Mutai è un’arte di close combat usata specialmente nella distanza di prese e di lotta! Molte persone considerano estremo, brutale e immorale, ma nessuno può non essere d’accordo per la sua efficacia… l’apprendimento del Kino Mutai è sicuramente un arsenale che rende il combattente più completo!

Il praticante di Kino Mutai impara i diversi modi di mordere, le posizioni, le transizioni, il punti del corpo da mordere e utilizza anche un drill di addestramento speciale in cui egli cerca di tagliare un buco nel mezzo di un pezzo grezzo di carne solo con i suoi denti, più veloce che può!!! ….

 

9 punti delle arterie da attaccare con il Kino Mutai

  1. Arteria Radiale: il nervo radiale corre molto vicino a questo punto di pressione ed è estremamente doloroso quando schiacciato, soprattutto da mordere! Secon un morso recidi l’arteria, la persona sanguina copiosamente, seguita da scosse e infine la morte. (E’ la zona dove ti sentiresti per il polso, segui il pollice verso il basso andando al polso).

Le zone arteriose sulle braccia sono obiettivi ideali se trovi il braccio vicino al viso o se il tuo aggressore sta usando il suo braccio per tentare di bloccare, soffocare, ecc.

  1. Arteria Brachiale: la stessa cosa come sopra, l’unica differenza è che il nervo brachiale è ora la destinazione. (Zona dove ti sentiresti il polso nella fossa antecubitale, o la piega interna del gomito).

Questa zona è l’ideale e da utilizzare se la tua testa è vicino al collo dell’aggressore:

  1. Carotide: situato proprio accanto il pomo d’Adamo. Altri obiettivi secondari che possono essere interessate da una morso sono le vene giugulari interne ed esterne che seguono sul lato del collo. Se mordi qui le probabilità sono che di creare danni a uno qualsiasi di questi vasi sanguigni causa una emorragia profusa con risultati simili come con qualsiasi trauma sui vasi.

img_4273

Le arterie che possono essere degli obiettivi sulle estremità inferiori del corpo:

  1. Arteria popliteal: situata nella parte posteriore del ginocchio. Potrebbe essere una possibilità, se il tuo avversario sta usando le sue gambe con una leva a triagolo, un bar al braccio, ecc. Ogni volta che il tuo volto si snoda sul retro del ginocchio presenta una buona occasione per mordere questa regione.
  1. Arteria femorale: costeggia lungo la coscia interna lungo lo scroto. Sarebbe difficile applicare un morso, quasi impossibile? Sarebbe molto buono se utilizzi un coltello e applichi un taglio!
  1. Dorsalis pedis: situato sul tuo collo del piede. Troppo difficile da mordere a meno che non siate disposti a mordere la zona ossea! Impossibile?

Altre zone del corpo che possono essere dei buoni bersagli:

  1. I capezzoli sul petto: se si desidera causare dolori lancinanti su qualcuno, e sei nella sua guardia, Beh ora sai cosa fare!
  1. Tendine di achille: sai dove si trova?. Mordi questa zona del tuo aggressore e lo avrai reso zoppo, un buon momento per portare low kick della Thai alla sua gamba se si alza!
  1. Le guance: uno dei bersaglio preferiti di Paul Vunak! Se sei vicino al viso fai respirare il tuo alito cattivo agli avversari perché lì sei sicuramente nelle distanza giusta per mordere le guance! L’arteria mascellare attraversa questa regione stretta ma potrebbe essere inaccessibile con un morso.

img_4271

L’arte del Kino Mutai

Ogni volta che si parla di mordere la prima cosa che di solito viene in mente è, “Chiunque può mordere”. Si, esatto, ma in realtà, tale affermazione non è totalmente vera, ma la differenza tra “semplicemente  mordere” e Kino Mutai è come si morde, dove mordere e quando mordere. Un morso di un praticante di Kino Mutai è “ininterrotto”. Ciò significa che conosce l’esatta posizione sul tuo corpo dove mordere e lo fa con una tempistica precisa. Ti afferra usando la sua forza di presa superiore e morde delle aree preceise, ti servirebbe letteralmente minuti per per riuscire a tirarlo via. Ci sono più di 140 zone sul corpo umano che può mordere per come vuole. Mentre morde, un esperto sta usando la sua conoscenza di Kinesiologia e sensibilità da sembrare simile a un pit bull.

img_4244

Nel mondo della lotta, i praticanti di Jiu Jitsu brasiliano sono chiaramente i re. I movimenti del corpo a terra, la sensibilità e la conoscenza della leva, delle uscite (escape) e tecniche per finalizzare e  mettere in leva o soffocare I propri avversari. Quando un fighter di Jiu Jitsu combina l’arte con la Kino Mutai, il risultato è forse il più formidabile sistema ibrido unito alle prese che rendono questa arte tra le più estreme e devastanti sul pianeta. In una rissa di strada, è possibile utilizzare il mix contro un combattente a terra più grande, più forte — se non per batterlo sul terreno, ma per creare uno spazio sufficiente per ottenere la sua resa o lo spazio per eseguire una fuga (anche se il tuo unico obiettivo deve essere quello di scappare e portare a casa la tua pelle). Non essere mai presuntuoso se hai la possibilità di scappate fallo anche se sembra che stai vincendo.

Le arti marziali miste: Il Jiu Jitsu brasiliano combina bene con il Kino Mutai perché la sua padronanza del combattimento a terra permette al praticante di trovare subito la giusta posizione prima di iniziare a mordere e a fare scriccature agli occhi senza pietà..

image

L’allenamento

Prima di iniziare a praticare Kina Mutai, è necessario imparare i principi essenziali. In primo luogo è come mordere. Si dovrebbe sempre essere consapevoli di quanta carne è in bocca. In genere, la persona media tenterà di utilizzare tutti i denti e prendere troppa “carne” in un solo boccone. Per evitare che trabocchetto, è necessario l’angolo il viso in modo che la pressione è applicata direttamente sugli incisivi. Il movimento effettivo del morso è un strappo circolare ripetuta della carne, causando numerosi piccoli morsi che, quando applicato cumulativamente, infliggono danni considerevoli.

La distruzione massima: Kino Mutai è l’arte filippina di pizzicare e mordere gli occhi. Con la corretta presa di Jiu Jitsu per mantenere il vostro avversario fermo senza che riescie a dimenarsi, è possibile utilizzare entrambe le abilità allo stesso tempo.

Il modo migliore per allenarti è quello di prendere un grosso pezzo di carne di manzo e posizionarlo all’interno di una t-shirt. Successivamente, impostare un timer ed esplodere  in un vortice di morsi con l’obiettivo di strappare attraverso la maglietta l’intero pezzo di carne più rapidamente possibile. All’inizio del drill, si incontrano diversi ostacoli. In primo luogo, si noterà i segni dei denti su tutta la superficie della carne senza in realtà penetrare. Variando l’angolo e la pressione del morso (mediante l’attributo di sensibilità) puoi risolvere questo problema. In secondo luogo, a metà della sessione di pratica si può scoprire un lato della vostra mascella con dei crampi muscolari. Quando ciò accade, si può girare la testa ad impegnare gli incisivi del lato opposto.

Quanto più si pratica questo esercizio, meglio le meccanica del corpo diventerà naturale e più facile sarà quello di fare piccoli morsi, circolari e più veloce sei in grado di mordere attraverso la carne bovina. All’inizio, si può prendere due o tre minuti per ottenere un buco attraverso la carne. Dopo 20 o 30 tentativi, però, ti accorgerai che si può strappare molta carne attraverso una fetta di 5 chili in meno di 10 secondi.

Il punto successivo che devi affrontare è il concetto più importante del Kino Mutai: la capacità di mordere qualcuno senza interruzioni. Per capire come mordere senza interruzioni, immagine te stesso tenendo il tuo avversario in un abbraccio con le braccia avvolte intorno al torso (o immaginare che è tenuto in guardia e le braccia sono avvolti intorno al collo) mentre si stanno mordendo la gola. Se non si dispone di una presa salda su di lui mentre mordi, la sua risposta istintiva sarà quello di tirare via, con la conseguenza che hai creato una piccola ferita che difficilmente fa un danno. Applicando la corretta “morsa” pur facendo piccoli strappi con i tuoi incisivi, tuttavia, ti da la possibilità di continuare a mordere fino al prossimo Natale.

 

I bersagli

Ora, dove mordere?. Sì, è possibile utilizzare i denti un po’ ovunque sul corpo del tuo aggressore, ma per mordere senza interruzioni è necessario farlo in aree specifiche. Quale è una buona zona a mordere? In primo luogo, deve essere estremamente sensibile al dolore.

La guancia, il collo, le orecchie, il capezzolo, il gran dorsale, zone muscolari e l’inguine che sono regioni sensibili con molte terminazioni nervose.

In secondo luogo, deve essere una zona che ti permette di posizionarti in modo che il tuo aggressore non può contrastare il morso tirandoti via o spingendoti.

L’importanza di mordere una zona sensibile mentre sei appeso sul tuo aggressore anche non può essere sopravvalutata. Utilizzando alcune posizioni di base di Jiu Jitsu, ti trovi in posizioni dove è possibile mordere efficacemente.

 

  • Se sei in mount sul tuo avversario, puoi mordere il suo viso e il collo.
  • Se sei in posizione di cross-side o side control, puoi mordere la guancia, l’orecchio o il collo.
  • Se sei in posizione nord-sud, puoi mordere l’inguine.
  • Se lo hai nella tua guardia, puoi mordere la guancia, l’orecchio o il collo.
  • Se sei nella sua guardia, puoi mordere il capezzolo.
  • Se sei a terra nella posizione di side control, si può mordere il muscolo dorsale se il suo gomito è oltre il tuo corpo o il collo se il suo gomito è altrove.

 

Ricordati che la chiave è quello di tenere l’avversario in modo da poter mordere tutto il tempo che vuoi. Egli cercherà di tenere la fonte del suo dolore quindi i tuoi denti lontano dal corpo più rapidamente possibile. Ciò significa che egli cercherà di creare uno spazio tra il suo corpo e la vostra bocca. È quindi possibile approfittare di questo spazio e spingere l’aggressore e scappare, andare via. Se invece sei sotto l’aggressore e lui è molto più forte e più pesante di quello che, mordere è il modo più veloce per riuscire a scappare ma devi tenerlo sempre bene, perché deve allontanarsi dalla paura e dalla disperazione. Se, tuttavia, non riesci a bloccarlo mentre lo stai mordendo, l’aggressore sarà in grado di allontanarti prima che il tuo morso gli può infliggere i danni richiesti per ottenere la sua reazione di fuga o di debilitazione al combattimento che ti serve.

 

L’obiettivo di acquisizione

Se sei nella posizione di side control sul tuo avversario, puoi mordere la sua guancia, l’orecchio o il collo. Le altre posizioni  posizioni consentono l’accesso ai diversi target. Ogni posizione ti da l’opportunità di attaccare parti diverse del corpo.

Inizia a studiare le posizioni paese di Jiu Jitsu e cerca di capire da quella posizione che cosa puoi mordere, schiacciare, strappare.

 

The Drill

Una volta compresi i concetti che ti ho detto sopra, è il momento di provare il Kino Mutai in combattimento. Il seguente drill ti aiuta a imparare quando devi mordere:

Mentre tu e il tuo compagno di allenamenti cercate le aree appropriate del corpo dove mordere. Chiamato anche acquisizione del bersaglio, questo processo può richiedere da uno a cinque minuti. Il tempismo è fondamentale, e solo in realtà rotolando sul tappeto si sarà in grado di sviluppare la capacità di impegnarsi in Kino Mutai realmente.

Dopo aver selezionato dove mordere, il prossimo passo è quello di tenere il tuo  compagno di allenamento più saldamente possibile per garantire che il vostro morso sarà ininterrotto. Poi si simula il morso premendo il tuo viso con fermezza contro il bersaglio il più a lungo possibile chiaramente senza mordere. Nel momento in cui il vostro partner sente il “morso” tentare di difendersi, spingendo il tuo viso via, rompendo la tua presa, ecc. Se si applica correttamente la tecnica, dovresti poterlo trattenere almeno 10 secondi prima di sfuggire al morso simulato .

 

Piccoli morsi

Uno degli elementi essenziali non è mai mordere qualcosa di più grande che si può masticare.

Un vantaggio spesso trascurato di utilizzare il Kino Mutai è il danno psicologico tremendo che un morso aggressivo o una sgorbia all’occhio infliggono. Quando si morde senza interruzioni e il vostro aggressore non può fermare il dolore, si irrigidisce, va in panico. Inoltre stai anche mordendo una zona sensibile, in sostanza lo stai distruggendo emotivamente.

Mordere

Più di una ferita

Quando l’uomo morde l’uomo, le mani sono i bersagli più frequenti. Anche se le dita  sono raramente fatali, il 10 per cento al 15 per cento delle lesioni si infettano quando non viene trattata. Prima dello sviluppo degli antibiotici, circa il 20 percento di tutti i morsi alla mano portavano alla amputazione di un dito.

 

Quanta forza ha un morso umano genera?

Secondo uno studio del 1994 da Zhao Y e Ye D, pubblicato in Pub Med, i maschi umani in grado di generare circa 120 chilogrammi di forza. Questo è pari a circa 265 libbre di forza. Le femmine producono leggermente meno potente, ma paragonabile, le forze. Gli esseri umani generano la più alta quantità di forza per i primi molari. Gli esseri umani impartiscono solo circa 43 chilogrammi di forza con i loro incisivi, e circa 99 chilogrammi di forza con i loro premolari. Sorprendentemente, gli esseri umani mordono molto di più rispetto a qualsiasi delle altre grandi scimmie, quando i risultati sono corretti per le dimensioni. Gli esseri umani mordono duro come una schiaccianoci quando si chiudono le mascelle.

 

Perché devi conoscere l’arte del Kino Mutai?

Se si guarda indietro alla storia dei filippini, si vedrà la guerra e lo spargimento di sangue. Durante molte delle loro battaglie, i filippini si sono trovati in inferiorità numerica, disarmato o entrambe le cose. Di conseguenza, hanno sviluppato una ideologia che si è concentrato sulla ricerca di un modo per mettersi alla pari con i loro avversari, per aggirare in qualche modo le probabilità. Sono stati costretti a essere innovativi nel trattare con la dura realtà dei tempi.

Per i filippini, “aggirare” significa “trovare un modo per imbrogliare.” Nel mondo del combattimento con le armi, hanno architettato un fantastico modo di “barare”: Invece di bloccare un colpo con la propria arma, si vuole rompere o tagliare la mano con l’arma dell’avversario. L’avversario è stato paragonato a un serpente e l’arma era le zanne del serpente; di conseguenza, il metodo è stato chiamato “rompere il dente del serpente”.
Mentre il resto del mondo è andato in punta di piedi nel combattimento armato, inserendo nella lotta con le armi il blocco sugli attacchi e colpi di deviazione i filippini hanno semplicemente deciso di attaccare la mano armata. Quando combatti con le mani vuote, i filippini impiegano la stessa idea. Invece di bloccare pugni e calci, hanno usato distruzioni nervose contro gli arti in arrivo.

Piuttosto che lo scambio di colpi con i loro avversari, hanno preferito usare delle strategie come spinte del ginocchio, le gomitate e morsi in testa.

Ancora una volta, stavano cercando di aggirare la realtà della loro situazione per mettersi in condizioni di parità con i loro nemici.
Kina Mutai (correttamente pronunciato come Kina Mutai a causa della peculiarità della lingua Cebuano, ma erroneamente indicato come Kino Mutai da artisti marziali occidentali che hanno capito male il termine) è una sotto-sezione specializzata di alcune arti marziali filippine che enfatizza mordere, pizzicare, occhio- sgorbiatura e altre tecniche di combattimento “sporche”. La parola radice del termine è il termine Cebuano per mano, Kamot. Anche se a Cebu, è culturalmente associata con il modo in cui le donne a combattere (pizzicotti, graffi e morsi), le tecniche utilizzate sono efficaci contro avversari di ogni dimensione.

Il Kino Mutai prevede un ampio uso di grappling e manipolazione dei nervi e punti di pressione, in modo da consentire al professionista di infliggere dolore e controllare l’avversario applicando le tecniche.

L’aspetto di mordere del Kino Mutai si occupa di target e metodi precisi da mordere, di quanto “boccone” di carne alla volta, e l’angolo e il movimento del morso. Gli obiettivi preferiti sono nelle aree sensibili e facilmente accessibili come il viso, il collo, le orecchie, l’inguine, il capezzolo, e il muscolo del gran dorsale. Questi obiettivi vengono anche scelti rispetto ad altri a causa della difficoltà di contrastare un professionista di Kino Mutai che ti morde, e quindi di garantire un morso continuo.
Un principio fondamentale è l’azione ininterrotta, questo significa che ti collochi in posizione tale che si può continuare a mordere per tutto il tempo che vuoi, rendendo impossibile all’avversario di fuggire ai tuoi morsi. Può essere usato per infliggere dolore e può essere usato per tagliare le arterie che possono causare gravi emorragie.

 

L’equalizzatore in combattimento

Ora che il tema centrale del paradigma filippino è quello di sovrastare un avversario che è più forte come ti ho descritto, chiaramente c’è da approfondire su come e cosa fare per eseguire un attacco di Kino Mutai , “l’arte di mordere e pizzicare”.

Nel Jeet Kune Do molti esperti si riferiscono al Kino Mutai come “mordere e scriccatura occhio”, perché la loro zona preferita per pizzicare è il bulbo oculare dell’avversario ma in realtà è riduttivo rispetto all’arte del Kino Mutai.

Molti eskrimadors filippini (professionisti di Eskrima) possedevano un attributo prezioso che la maggior parte delle persone oggi semplicemente non hanno: la forza di presa incredibile. Quello era un sottoprodotto derivato da brandire bastoni pesanti, spade e coltelli per tutto il giorno. Uno dei più famosi maestri, Floro Villabrille, poteva effettivamente spaccare le noci di cocco con le mani nude. Non a caso anche Bruce Lee possedeva anche la forza di presa incredibile e ha usato attrezzature innovative per sviluppare ulteriormente la forza dei tendini tra le dita e gli avambracci. Una presa di forza è uno degli attributi più importanti del Kino Mutai perché essere in grado di tenere su un avversario mentre lo mordi è il modo filippino di “barare” sul terreno.

 

Gli occhi

La seconda metà dell’equazione del Kino Mutai è la sgorbia all’occhio senza interruzioni.

Per allenarti è possibile utilizzare la stessa metodologia per quanto riguarda il mordere: avvicinati prima lentamente mentre si acquisisce un bersaglio. Ogni posizione che è vantaggioso per la morsicatura può funzionare anche per scricchiare l’occhio — fatta eccezione per la posizione nord-sud. Afferra il collo dell’avversario e premere delicatamente il suo bulbo oculare fino a quando lui tira via la mano.

Quando sei più pratico, puoi praticare la sgorbia all’occhio più aggressivamente facendo indossare occhialini da nuoto.

Il Kino Mutai deve essere utilizzato solo come ultima risorsa! In questi giorni, il pensiero di avere in bcca il sangue di una persona sconosciuta è certamente discutibile. Tuttavia, in una situazione di vita o di morte, mordere proprio nel momento giusto potrebbe consentire di creare spazio sufficiente per fuggire e/o di salvarti la vita.

Nelle arti marziali, deve esserci una netta distinzione tra self-preservation (facendo di tutto per salvare te e i tuoi cari) e auto-perfection (sport e gli aspetti di formazione di uno stile). Quando pensate a qualcuno con un bastone chiodato, colpisci lui immediatamente con un coltello o mordilo facendogli un buco in faccia, è ovviamente qualcosa di violento o di cattivo gusto ma quando si tratta di proteggere la vita di tua madre, il tuo coniuge o i tuoi bambini, c’è qualcosa che non faresti?

img_4240

Leggi! Studia! Applica! Condividi!

Andrea

Espada Y Daga – Il metodo di kali filippino di usare insieme la spada e il coltello

Spada y Daga

Espada Y Daga significa “Spada e Coltello”, ma l’espressione è usata dalla maggior parte degli istruttori di Kali filippino per riferirsi ad ogni combattimento in cui una mano tiene un’arma lunga e l’altro un’arma corta.

Solitamente si usa per allenarsi il bastone in rattan e il coltello di alluminio.

Questa idea unica di combattere con un’arma corta e una arma lunga contemporaneamente è un settore della mentalità guerriera filippina! E’ qualcosa di incredibile perché richiede un utilizzo incredibile del footwork per compensare le distanze e una gestione di due armi di lunghezza diversa da controllare.

Guru Dan Inosanto dice che “Si tratta di una esagerazione“, “Nelle Filippine, se l’avversario era a mani vuote tu devi avere un coltello. Se avesse avuto un coltello, devi avere un coltello e un bastone. Se avesse avuto un coltello e un bastone, devi avere un coltello e una spada, e così via “. Devi sempre avere il vantaggio.

inosanto

Ci sono decine di stili filippini, la maggior parte dei quali comprendono una certa variazione dell’uso del “breve e lungo”. Molte diverse combinazioni di armi rientrano in questa voce, compresa la pratica di Espada Y Daga con uno scudo in una mano e una spada nell’altra o il bastone o pugnale nell’altra.

Guru Dan Inosanto insegna ai suoi studenti a esercitare l’arte della Espada Y Daga con diversi combinazioni di armi, tra cui la spada e coltello, il bastone e pugnale, lo scudo e la spada, e lo scudo e coltello. Dan Inosanto dice che “Si può mettere un libro in una mano e un manico di scopa nell’altra e l’arte è sempre in grado ancora lavorare”. Questo approccio è qualcosa di straordinario.

eskrima

Un pochino di Storia ma senza esagerare!!!

La Espada Y Daga è un sistema o di una tecnica che è stata sviluppata e perfezionata nelle Filippine. Il focus di questo metodo di combattimento è quello di essere in grado di andare dentro e fuori delle distanze  lunghe, medie e corte per intrappolare il nemico e uccidere. Anche se, si tratta di un metodo di combattimento indigena nelle Filippine, una delle ispirazioni di questa arte è l’evoluzione si dice della Scherma dell’Europa occidentale, soprattutto spagnola; come si può vedere dal nome spagnolo di “Espada Y Daga”!

Una delle poche influenze culturali e da guerra arrivate fino ad oggi che i conquistadores spagnoli e mercenari italiani (si!!! c’eravamo anche noi) hanno lasciato ai filippini sono i nomi spagnoli ed alcune delle tecniche e dei nomi dei sistemi di combattimento popolarmente conosciuta come Kali o Arnis o Escrima.

I filippini imitato la versione spagnola di Espada Y Daga e presto trovano le debolezze di questo metodo e inseriscono un modo e un approccio per fare delle mosse offensive complicate che gli spagnoli non potevano contrastare perché non abituati.

Per essere in grado di coordinare tali abilità con la spada e coltello insieme consisteva di molte ore di esercitazioni per lo sviluppo dei riflessi corretti e buona fluidità nell’ usare due armi insieme per attaccare, parare, controllare, deviare, schivare, affondare, spingere, colpire di punta e tagliare.

Incluso in questa formazione c’è l’incorporazione del gioco di gambe geometrico, l’aggancio del corpo per la evasività di essere in grado di chiudere in attacco e senza essere uccisi. I blocchi vari, leve articolari, il takedown e il Dumog sono normalmente aggiunti una volta che uno studente ha dimostrato buone capacità di combattimento. Sia la Espada e la Daga sono impiegati allo stesso tempo con una bella trama che che si muove in maniera fluida e in sintonia e rende questo vortice di  movimenti molto ingannevole e veloce per far arrivare un colpo in uscita improvviso e preciso per “finire il lavoro!”

Lo studio di Espada Y Daga migliora le tue capacità nell’uso del bastone singolo, migliorando l’aggressività della mano Alive (o mano libera, mano viva), in quanto il coltello mano Espada Y Daga è addestrato per essere più offensivo. I movimenti di Espada Y Daga si possono trasportare bene e facilmente anche nelle tecniche di doppia lama, sia a Pakal (ice-pick – punta in giù) e Sak-Sak impugnature (hammer – punta in su). Le tecniche di doppia lama poi si possono trasportare in singole tecniche di coltello … ecc…

Espada Y Daga, noto anche come “Punta Y Daga” o “Olisi Y Baraw”, è una disciplina moderna di Kali e delle arti marziali filippine (FMA) che si ritiene sia stato influenzato dalla scherma spagnola, in particolare dallo stile spagnolo di Spada Side & Dagger utilizzato dai conquistadores che hanno invaso le isole filippine nel 16 ° secolo, e non gli stili Rapier e Dagger utilizzati per duellare e per scopi di autodifesa dalle classi superiori spagnoli come un tempo si credeva.

Si ritiene che i popoli indigeni che erano in sintonia con i governanti spagnoli sono stati arruolati nelle forze spagnole per aiutare a respingere le invasioni regolari dai pirati musulmani di Mindanao e Sulu. Una volta reclutati nelle guarnigioni si ritiene frati spagnoli e comandanti hanno insegnato a loro l’abilità di combattimento per le nuove reclute di nativi, che a sua volta hanno adattato questo stile di combattimento e combinato con le proprie abilità di combattimento indigene delle filippine.

Espada Y Daga è un settore del  Kali che si concentra sul coinvolgimento di un avversario (s) in stretta (Corto), Mid (Medio) e Long (Largo) distanza.

In genere la mano più forte o dominante (di solito la mano destra se non sei mancino) tiene l’arma lunga (spada o bastone) e in molti stili servirà come arma primaria. La mano più debole (di solito la mano sinistra se sei destro), o fuori mano, maneggia l’arma corta (pugnale o un coltello) e viene utilizzato sia per offesa (spinta e deviazione) e la difesa (blocco, controllo e chiusura).

La formazione inizia in genere con dei drills che insegnamento il coordinamento delle due armi insieme e controllo delle armi. L’incorporazione del footwork (gioco di gambe), cattura, chiusura, e takedown sono normalmente aggiunti una volta che lo studente ha dimostrato competenza nell’applicazione dei fondamentali modelli / set insegnati.

La formazione di Espada Y Daga è generalmente studiata dopo il Solo Baston (bastone singolo) e / o Doble Baston (doppi bastoni), con Mano Mano (mani vuote) e Dumog (wrestling) e viene insegnato a studenti di livello avanzato. Il numero e la variazione delle discipline insegnate varierà da Guro (insegnante) e dallo stile.

lance

Aspetti di Espada Y Daga

Espada Y Daga contiene in se sia il coltello e il bastone nei concetti di combattimento. I movimenti sono combinati simultaneamente in un vortice di azione. Si tratta di qualcosa di incredibile  e affascinante nella pratica delle armi da percussione e da taglio.

L’istruttore di Kali Paul Vunak sostiene Espada Y Daga è uno degli aspetti più impegnativi dei sistemi filippini. “Nelle Filippine, se vi è una gerarchia di armi in termini di efficienza e di difficoltà, Espada Y Daga sarebbe proprio lì”, egli osserva. “È una delle più complessa, se non il più intricata, dei metodi di armi”.

Gli stili filippini prestano molta attenzione alle distanze di combattimento. Quando sono senza armi, applicano i seguenti quattro campi di combattimento: calci, pugni, trapping e la distanza di wrestling. Quando però i praticanti di Kali sono armati nella distanza di utilizzo di Espada Y Daga, le distanze per il combattimento si espandono per includere il bastone e il coltello nel combattimento. Si adattano in base alle armi a disposizione.

Un amico Andrea Rollo ( 3 volte campione del mondo di stick figjting) un giorno durante una chiacchierata mi ha fatto questa domanda: “se devi scegliere se avere un coltello o un bastone per combattere cosa sceglieresti?”. La mia risposta non aveva valore perché qualunque cosa avessi detto in realtà la risposta era nessuna delle due perché la differenza la fai tu non l’arma, questo è quello che dicono nelle filippine.

Per questo il Kali filippino è molto formativo per il combattimento della difesa personale perché ti abitua a usare qualunque oggetto come arma.

Un amico Andrea Rollo ( 3 volte campione del mondo di stick figjting) un giorno durante una chiacchierata mi ha fatto questa domanda: “se devi scegliere se avere un coltello o un bastone per combattere cosa sceglieresti?”. La mia risposta non aveva valore perché qualunque cosa avessi detto in realtà la risposta era nessuna delle due perché la differenza la fai tu non l’arma, questo è quello che dicono nelle filippine.

La distanza di bastone inizia dalla distanza in cui i combattenti sono in grado di colpire la mano e le braccia con l’arma. A causa della lunghezza media dei bastoni filippini, questa distanza è considerevole.

La distanza di coltello invece  inizia nel punto più vicino in cui combattenti sono in grado di tagliarsi la mano e il braccia con una lama.

I combattenti armati sia di bastone che di pugnale fanno uso di una terza distanza nota come gamma “hit-and-cut”. La distanza Hit-and-cut è la distanza nella quale un combattente è abbastanza vicino da tagliare il suo avversario con il coltello, ma comunque anche se così vicino ma non tanto al punto che è comunque in grado di colpirlo con il bastone.

espada-y-daga

Attributi e funzioni speciali

“È possibile dividere Espada Y Daga in due sezioni, una di formazione e una funzionale”, così diceva Paul Vunak. “Nella categoria della formazione, Espada Y Daga ha più drills  – drills intricati – rispetto a quasi ogni altro aspetto del combattimento filippino”.

Questo è vero soprattutto per il fatto che il praticante Espada Y Daga deve accogliere contemporaneamente due armi diverse e far fronte a tre gamme di combattimento.

Le tecniche di Espada Y Daga sono difficili e richiedono una grande quantità di tempo per padroneggiarle, ma il risultato è un combattente la cui velocità, i tempi e la “flessibilità gamma” sono notevolmente aumentato.

Imparare a gestire insieme armi a breve e lungo raggio allo stesso tempo è pratico per molti modi aspetti. Insegna i movimenti del corpo, il gioco di gambe, quella che viene definita “zoning” (allontanandosi dal nemico e in posizione per un contrattacco), i metodi di evasione, e di attacco che si applicano a molti aspetti del combattimento a mani nude, tra calci, pugni, cattura, e prese.

Lo studio degli stili Filippina e la formazione di Espada Y Daga ti insegna molto velocemente quanto è necessario per schivare la punta mortale e il bordo della lama tagliente dell’avversario.

Una volta che hai imparato a gestire il bastone e a schivare con successo il coltello, uscire da un cross di un pugile dopo un jab diventa relativamente “semplice”.

100_2769croped1-jpg-w560h124

3 Metodi di formazione di Espada Y Daga

Gli stili filippini utilizzano molti metodi di formazione per insegnare i principi della Espada Y Daga ma tra i più importanti che voglio che conosci sono questi 3:

  • Contra Sumbrada,
  • Numerada e
  • Cerrada.

Contra Sumbrada è un metodo di allenamento counter-for-counter  quindi colpo per colpo, te lo semplifico, un colpo a testa ti suona più familiare??? .

In questo esercizio, gli studenti partecipano alla pari: uno attacca, uno controattacca, avanti e indietro in rapida successione. Parando, schivando, ecc.dipende dalla sumbrada e ne esistono tantissime.

Contra Sumbrada è un metodo per portarti a un livello di velocità e abilità nel complesso superiore, è una fase molto importante nello studio del kali.

Nel corso del tempo se ti alleni molto con il metodo Contra Sumbrada, è possibile triplicare i tuoi riflessi.

Sicuramente hai conosciuto atleti con calci velocissimi, ma anche se ha incontrato uno dei calci più veloci al mondo, ma il bastone anche di uno un studente medio di Espada Y Daga si muove molto più velocemente.

Per questo che considero come mi suggerì molti anni fa il mio maestro Tony Ligorio che il Kali è propedeutico per qualunque arte marziale.

Numerada significa “solo da un lato”, ed è una parte estremamente importante nella struttura di formazione dell’Espada Y Daga, è un drill molto importante.

L’esercizio Numerada aggiunge elementi di complessità al bastone e all’allenamento di coltello, tra cui la gestione dello spazio e il gioco di gambe.

Perché “solo da un lato???”. Che cosa significa??? Nell’esercizio Numerada, uno dei partner è designato il “formatore” colui che attacca e si trova al centro di un cerchio e “alimenta” lo “studente” con un attacco. Lo studente usa gioco di gambe e la suddivisione in zone per muoversi lungo la circonferenza del cerchio, mentre si difende e contro attacca.

Chi si difende può muoversi in entrambe le direzioni lungo il cerchio, e può spostarsi fino a metà della circonferenza del cerchio. L’allenatore può attaccare con qualsiasi numero di combinazioni bastone e spada, lungo qualsiasi angolazione. “E ‘un ottimo drills per lo sviluppo del gioco di gambe, la suddivisione in zone – le abilità di evasione, e tecniche di cattura (trappole, tie-up, etc.)”, osserva Gibson. “La Numerada insegna anche agli studenti la difesa contro più avversari”.

Il metodo di formazione conosciuto come Cerrada richiede un partner a “nutrire” l’attacco e limita l’altro a una risposta difensiva, senza suddivisione in zone. Il suo scopo è quello di migliorare ulteriormente i riflessi e la velocità di un praticante.

Qualsiasi combinazione di armi può essere utilizzato nella formazione in Contra Sumbrada, Numerada e Cerrada, o con uno qualsiasi degli altri metodi di allenamento usati in altri stili filippini.

Inoltre, i principi complessi che rendono il lavoro di Espada Y Daga molto interessante sono gli stessi concetti universali che governano l’intera arte del Kali filippino, tra cui la lotta a mani nude.

Con questi metodi si imparano le possibilità che puoi esprimere in queste arti, non sempre si imparano risposte a prestabilite, questo è importante se vuoi imparare realmente il combattimento con il bastone.

Cerrada, Numerada e Contra Sumbrada sono metodi di allenamento versatili; ci sono migliaia di tecniche possibili con ogni metodo. Il Kali è un’arte guerriera. Questo è il motivo per cui Espada Y Daga si è evoluto in un tale metodo di alto livello”.

pc54danistickdisarmsknifeespadaydagawclifflenderman

Come dice Dan Inosanto, “Espada Y Daga non si tratta di fair play; si tratta di vincere e di sopravvivenza a una situazione estrema”. Ed è vero perché immagina che hai un avversario armato fino ai denti.

espada_y_daga_astig_shirt_trucker_hat-r75391c8801d24c7fb877b070d7db5413_v9wfy_8byvr_512

Leggi! Studia! Applica! Condividi!

Andrea

La pillola del giorno 032 – Il logo del Kali Filippino, che cosa significa?.

image

Credo che per un praticante di Kali Filippino sia importante comprendere il significato del simbolo che rappresenta questa incredibile arte marziale, spesso sconosciuta o banalizzata al “semplice” combattimento con il bastone.

Spesso quando ti chiedono, che arte marziale pratichi alla tua risposta dicono “ah ok la conosco combatti con il bastone” andando a escludere la vastità dei 12 settori del Kali e dei suoi sottogruppi.

Ora sicuramente il Kali è anche il combattimento con il bastone che è l’arma usata pee iniziare e per spiegare e arrivare anche tutte le altre armi ma la vastità del suo bagaglio tecnico non si limita alle sole armi.

Ogni aspetto del combattimento viene esplorato nelle arti marziali filippine arrivando a aspetti energetici e esoterici/religiosi quindi ti prego cancella dalla tua testa che il Kali è il combattimento con il bastone perché è come se dicessi a un tuo amico se sa che cosa è il mare e lui ti dice sì quello con le onde, sicuramente è vero che il mare ha le onde ma tutto il resto??.

Quindi preparati a immergerti in una delle arti marziali più complete e micidiali fate dall’uomo.

Ora tornando al logo che rap presenta questa arte marziale questi sono i simboli che lo compongono:

Logo Kali Filippino FMA Escrima Eskrima

Quindi, se vi siete mai chiesti qual è il simbolismo dietro il logo arti marziali filippine utilizzato per il sistema nel sistema Inosanto / Lacoste, eccoti la spiegazione:

✔️Il triangolo rappresenta l’Universo.

✔️Il cerchio rappresenta il Creatore: la forma con continuo movimento .

✔️Il triangolo Kali: l’amore, la compassione, l’umiltà.

✔️Il bastone: il nucleo dell’arte marziale filippina. La prima arma insegnato, da cui imparare tutte le altre armi.

✔️La lama (punti verso l’alto verso “Vita”); la lama viene insegnato dopo il bastone.

✔️Il pugno che rappresenta l’arte della mano vuota delle Filippine.

✔️La mezza luna simboleggia la “metà” delle Filippine (Filippine Sud), che non sono mai stati sotto il dominio spagnolo, e anche il “chiaro di luna”, che era l’unica volta che i praticanti Kali potevano praticare in modo sicuro la loro arte durante la dominazione spagnola.

✔️Le quattro parti del cerchio rappresentano i quattro Santi chiamate dagli Kali.

✔️Praticanti: Saint Michael, San Gabriele, San Uriel e Saint Raphael.

✔️Antica “K” per Kali, Kaliradman.

✔️Antica “E” per Eskrima, estocada e Estoke.

✔️Antica “S” per Silat.

Ora spero che ti sia più semplice leggere il logo che rappresenta la tua arte marziali.

Devi essere consapevole!!

Andrea USOMA