La truffa della monetina incastrata nella portiera dall’auto.

Ora non si tratta di difesa personale nel senso stretto del termine ma rientra in quello che è comunque la prevenzione e l’analisi del contesto, conoscere alcuni trucchetti che vengono utilizzati per distrarvi è importante.

Non è importante se questa truffa sia vero o no, perché onestamente non ci sono molte segnalazioni in Italia, ma è importante come esempio per comprendere l’analisi del contesto e di come la tua attenzione anche in un momento semplice e di routine come uscire da un supermercato o fare il pieno all’auto in una stazione di servizio automatica alla sera possano nascondere delle possibili insidie ma che la TUA attenzione può evitare o fare cambiare idea al malintenzionato perché ti identifica come difficile preda.

La truffa della monetina incastrata nella portiera dall’auto sembra che è una novità del momento.

Si tratta della nuova tecnica utilizzata dai ladri, soprattutto all’interno dei parcheggi di centri commerciali e supermercati. 

COME FUNZIONA

Qualcuno ti lascia nella maniglia della portiere dell’automobile una piccola monetina, da 5 centesimi ad esempio. Quando la vittima tira la maniglia per aprire la vettura, la monetina cade a terra. Moltissime donne, sentendo il tintinnio della moneta cadere a terra, si distraggono e lasciano la borsa sul sedile dell’auto, cercando la misteriosa moneta caduta a terra. 

LADRO IN AZIONE

In quell’istante di distrazione entra in gioco il ladro che, approfittando del momento apre l’altra portiera anteriore e ruba la borsa poggiata sul sedile del guidatore.  Le vittime preferite sono senza dubbio le donne, ma la polizia mette in guardia tutti quanti gli automobilisti: «Chiudere immediatamente la porta se si vuole cercare una moneta, o qualsiasi altro oggetto caduto a terra».

Ps. Una cosa che può succedere in un contesto diverso legato all’utilizzo dell’auto. A tutti può capitare di dover fare un semplice cid per un banale contatto tra due auto.

Ora una cosa che spesso molti sottovalutano perché distratti, arrabbiati, agitati, spaventati sono le fasi che possono capitare mentre stai scrivendo il cid per il banale incidente di auto che ti è capitato, dove spesso capita di vedere gente che concentrata nella scrittura o discutendo per chi a torto o ragione e non si accorge di essere stata presa di mira da un ladro che senza farsi notare si avvicina approfittando dalla situazione e sfila la borsa dalla macchina del malcapitato/a.

Attenzione alla truffa della monetina: così i ladri rubano nelle auto parcheggiate

La polizia invita gli automobilisti a chiudere bene le portiere e soprattutto a richiudere immediatamente l’auto qualora si volesse cercare una monetina o un oggetto caduto per terra dopo aver sbloccato la chiusura centralizzata.“

 

Le stazioni di servizio

Un’altra situazione simile a quella del supermercato è fatta da diversi ladri nelle stazioni di servizio durante i rifornimenti.

Ci sono alcuni video ripresi da telecamere di sorveglianza dove si vede come operano.

Le vittime preferite sono le donne perché hanno sempre una borsetta da posare sul sedile e così in pochi istanti il ladro entra in azione mentre sei distratta nel fare rifornimento e aprendo la portiera ti sottrae la borsa col il bottino e fugge via con i tuoi documenti, soldi, chiavi di casa, ecc. e magari anche con il cellulare.

La borsa in quei momenti deve sempre stare con te o in auto chiusa a chiave!!

Questi due esempi lì ho fatti per sottolineare come sia importante che tu osservi il contesto in cui ti trovi perchè anche se sei in un contesto semplice e di routine può comunque riservare delle insidie.

Un mio consiglio se devi fare gasolio fallo quando la stazione è aperta, se vai al supermercato cerca se puoi di parcheggiare vicino, ma soprattutto se c’è qualcosa che ti distrae chiudi sempre la macchina o tieni la borsa con te.

Fai sempre attenzione al contesto in cui ti trovi!!

Andrea

Vuoi tirare un pugno in faccia a qualcuno?. Con All Strike focus mitt puoi farlo tutti i giorni!.

Vuoi tirare un pugno in faccia a qualcuno? con questo tool lo puoi fare tutti i giorni senza fare male a nessuno.

Questo strumento ti permette di fare un lavoro simile a quello dei focus mitt ma con delle differenze dovute alla sua tridimensionalità.

Questo strumento può migliorare le tue abilità di colpire.

Questo non significa eliminare l’uso dei focus mitt e sostituirli con questo, ma è uno strumento da integrare.

Con questo tool faccio dei lavori particolari che non voglio spiegarti qui perchè sono una esclusiva delle persone con cui ho intrapreso delle relazioni nel mondo reale e con cui ci alleniamo insieme, ma le possibilità che offre questo tool sono molto interessanti.

Che tu pratichi sport da combattimento o difesa personale questo tool è uno strumento che ti può fornire una nuova possibilità.

Ps. Negli sport da combattimento ho sviluppato degli allenamenti che ti permettono di migliorare il tuo target point in movimento del 300%.

L’ All Strike Focus Mitt offre una progressione per chi si allena sui focus tradizionali ed è un’opportunità se si vuole migliorare nella precisione dei colpi.

L’ All Strike Focus Mitt è una testa resistente che ha un manico confortevole all’interno per il compagno di allenamenti che si allena con te.

Ho utilizzato molto questo tool per spiegare come tirare un pugno alle ragazze nei corsi di difesa personale femminile o a persone adulte che non hanno mai tirato un pugno.

Le istruzioni base sono semplici:

  • Spiegare come tenere il focus, come stare in guardia, come tirare un pugno.
  • Chiedi a un allieva di tenere il focus alla ragazza/signora , anche per chi tiene il focus questo diventa un lavoro importante.
  • Proteggi le mani della allieva che deve colpire con le fasce da pugilato e fagli mettere i guanti (preferibilmente 12 once o più grandi).
  • Dare al colpo un nome di persona (questa parte è divertente!!) – il nome è la chiave, deve essere qualcuno che si desidera  un colpire con pugno in faccia, naturalmente, qualcuno che proprio non sopporti!.
  • La persona che deve colpire deve stare in guardia pronta al combattimento come le hai spiegato (in questa fase) poi ci saranno altri tipi di esercizi.
  • Chiedere alla persona che tiene la”testa” di tenerlo all’incirca al livello della sua testa con la stessa gamba in avanti del lato del braccio che tiene il focus e  deve dire “mi chiamo XXXXXX e appena sente il nome la persona deve colpire.
  • Concentrati entrambi – e appena senti il nome scelto tirare un pugno dritto al viso con il pugno completamente chiuso e il vostro polso dritto.
  • Ora respira di buono e colpisci ancora quando senti il nome.
  • Ripetere più volte prima di fare il cambio.
  • Una volta che iniziano a giocare con questo tool (ci vuole un pò di pratica) ho notato che si ha un notevole miglioramento.

Ps. Questo è solo un tipo di esercizio per iniziare.

Reagisce come una testa!!.

Appena lo provi scopri che non è difficile da tenere come si pensa quando si guarda il disegno e la posizione della maniglia

  • Non è necessario per chi tiene il focus orientarlo per le combinazioni dei colpi.
  • Le combinazioni saranno tirate con un tempismo più realistico.
  • Non c’è motivo di tirare delle combinazioni pre-determinate se non volutamente come allenamento.
  • Offre quella accuratezza anatomica, che migliora la transizione alla realtà (su questo farò un articolo specifico).
  • Ti costringe a recuperare la posizione e la distanza quando si muove in seguito al colpo ricevuto, che è una grande risorsa. Il focus mitts ti danno poca esperienza in questo se non c’è una persona veramente capace a tenerli, perché la maggior parte delle persone non sanno tenere i focus per fare allenare realmente le persone.
  • Ti dà la possibilità di tirare tutti i colpi in specifiche aree della testa, soprattutto per i gomiti e le ginocchia quando si sta afferrando/controllando il capo si avrà un migliore senso di corretta applicazione della mano.
  • Ti costringe a utilizzare più gioco di gambe.

È molto divertente!

Le sue caratteristiche realistiche lo rendono ideale anche per fare alcuni lavori per le MMA. Alcuni campioni dell’UFC stanno già sperimentando questo tool nei loro allenamenti.

Ora sicuramente questo strumento ha dei pregi importanti anche se personalmente ritengo che sia qualcosa da integrare e che non va a sostituire i focus pad tradizionali.

  • Ottieni una migliore e più velocemente capacitò di colpire con l’unico multi-angolare  focus esistente che riproduce una testa umana.
  • Utilizza l’allstrike come un tradizionale focus.
  • Molto utile per imitare il movimento e le oscillazioni della testa e lo stile di combattimento con movimenti casuali e improvvisati
  • Sblocca scenari combattimento realistico: migliorare la precisione, la distanza e la tempistica
  • Non c’è bisogno di girare l’allstrike come i focus mitt per i colpi angolati. Lo afferri e via.
  • Resistente superficie e sorprendentemente realistica, simula la testa umana.
  • Consente agli atleti di sviluppare un colpo con una precisione sorprendente.
  • Materiale morbido, ma con una robusta superficie che non danneggia le mani o i piedi.
  • Si può utilizzare con o senza guanti.
  • La maniglia ergonomica a barra sulla parte interna della testa dà all’allenatore il massimo controllo e la manovrabilità.
  • Dimensioni: 21,5 cm x 21,5 cm x 23 cm
  • Il prezzo è intorno ai 100 Euro ma in Italia non è ancora commercializzato se non al triplo del prezzo, sto cercando di trovare un buon accordo per poterlo proporre anche qui a un prezzo accessibile, vi aggiorno appena ho delle risposte concrete vi aggiorno.

La possibilità di eseguire esercizi e tipologie di allenamento è notevole. Divertiti con questo nuovo tool!!

Andrea

Ps. Io lo uso con in abbinamento un guantone!! Ma questo te lo faccio vedere in un video!!

Perché devi fare molto allenamento con i Focus Pad?

Focus pad

Ci sono almeno 7 diversi motivi per cui devi fare molto allenamento con i focus pad, questa è una parte del tuo allenamento che non devi assolutamente trascurare se vuoi diventare un bravo stricker.

Devi dedicare molto tempo ai focus pad perché è l’esercizio che devi fare quando non fai sparring.

NON diventare un collezionista di tecniche. Impara una tecnica e provala ai focus pad e nello sparring, quando ti riesce allora imparane una seconda, ecc.

 

FITNESS

Ci sono molte definizioni di fitness, ma la maggior parte delle persone concordano sul fatto che il fitness si compone di vari elementi fisici integrati, tra cui la capacità aerobica, anaerobica fitness, forza, resistenza muscolare, la gamma di movimento (flessibilità) e la composizione corporea (percentuali relative di grasso e muscolo del corpo) . L’allenamento ai focus pad può favorire lo sviluppo di molti di questi attributi fitness.

✔Sessioni lunghe e costanti possono sviluppare la resistenza aerobica
✔Sessioni brevi e intense costruiranno la parte anaerobica fitness.

La natura ripetitiva delle combinazioni sviluppa una specifiche resistenza muscolare e i movimenti delle arti marziali, come eseguire i colpi di calci aumenterà la gamma di movimento.
Un aspetto importante è la forza di impatto che può essere sviluppato molto bene se l’impatto sul padwork è combinato con il peso corporeo o gli esercizi pliometrici.

Come puoi immaginare naturalmente, una intensa attività sul padwork brucia un sacco di calorie e quindi può aiutare il bilanciamento della percentuale di grasso quando combinato con una dieta sana.
Tutto sommato il padwork sviluppa una fantastica palestra, chi non è d’accordo è benvenuto a provare a fare cinque round sui pad con me!

Focus Pad Inosanto Academy

LO SVILUPPO SPECIFICO DI ABILITÀ

Il lavoro ai focus è molto versatile e può essere utilizzato per funzionare su tutte le competenze specifiche che si desidera sviluppare.

✔Vuoi migliorare con i calci in alto? Beh aggiungere altri calci alti nella vostra routine.
✔Necessità di pugno più “duro”? Poi lavorare sulla raffinazione meccanica del corpo e spostando il peso del corpo.
✔Vuoi migliorare la tua difesa? Obbliga il tuo partner a contrastare i vostri attacchi dopo i colpi ai focus per migliorare la vostra abilità guardia.

PS. Inoltre tenere i focus migliora anche se stessi perché ti permette di vedere come tira il tuo compagno senza rischiare nulla così puoi osservare come carica i colpi, cosa fa prima di tirare, i movimenti, lo sguardo, i passi, ecc.

Ogni arte marziale o sport può essere appresa, migliorata e avere sempre più padronanza sulle variazioni degli esercizi sui focus mitts. Le tipologie di colpi e le combinazioni sono letteralmente infinite.
Il Padwork è totalmente adattabile e può essere utilizzato per migliorare qualsiasi abilità delle arti marziali.

 

IL TEMPO E DISTANZA

I pugni al sacco o in generale il lavoro al sacco pesante è ottimo per lo sviluppo di potenza, ma i sacchi non si muovono e non ti colpiscono di nuovo, non rispondono.
Gli sport da combattimento e le arti marziali sono tutti sulla tempistica e la distanza, quindi non basta assolutamente fare il sacco pesante.
C’è sempre un miglior timing e una distanza ideale per tirare i colpi.
Tirare i colpi ai focus pad davvero contribuisce a sviluppare gli attributi per la corretta distanza e un buon supporto al timing. Inoltre puoi muoverti dovunque per costringere l’attaccante a seguire, tagliare, chiudere, ecc. allo stesso tempo, puoi impostare e posizionare i focus pad in diversi modi per aiutare il combattente a sviluppare le giuste combinazioni di colpi e passi e un buon tempismo.

 

LA VELOCITÀ

“La velocità uccide” è un’espressione che i pugili usano per illustrare quanto sia importante essere veloce.
Tu puoi avere il pugno più duro al mondo, ma se ci vogliono 3 secondi per tirarlo, allora è molto probabile che perderai spesso o mancherai l’avversario, perché come qualsiasi dilettante può fare un passo fuori dalla portata dei tuoi colpi e contrattaccare.
La velocità allenata con il padwork è la terza cosa che si sviluppa dopo la forma del corpo e correggere la meccanica e sicuramente da sviluppare prima della potenza.
La potenza senza velocità porta ad essere lento, un combattente la cui unica possibilità è quella di atterrare l’avversario con una grande colpo diventa qualcosa di molto difficile.
La velocità è qualcosa che tutti i combattenti vogliono e la vuoi anche tu.

Ricordati che la velocità è composto di vari fattori, non si tratta solo della velocità del movimento perché stiamo parlando di combattimento:

✔C’è la velocità di riconoscimento (dove uno stimolo quale un focus in avvicinamento viene esposto),
✔La velocità cognitiva (dove la risposta corretta è calcolato e selezionata) e
✔La velocità di movimento (dove il corpo si muove per difendere).

Il lavoro al Padwork ti aiuterà a sviluppare tutti gli elementi che creano la velocità.

P.s. Chi tiene il focus deve esporre velocemente un pad, e in quella frazione di secondo che la sua posizione deve essere riconosciuta, la tecnica corretta selezionata ed il colpo tirato tutto in quella frazione di secondo.
Se aspetta troppo a fare queste tre cose tirare via il pad.

La velocità è un preciso sottoprodotto che sviluppi lavorando ai focus pad in maniera efficace.

 

LA POTENZA

Il potere della potenza dei colpi é fantastica. A tutti piace guardare i pesi massimi, dove un solo pugno può finire un match. Tradizionalmente il pugilato usa il sacco pesante per sviluppare potenza, ma utilizzare i pad può sviluppare molta più potenza.
E’ davvero importante avere un abile compagno o allenatore che ti tiene il pad.

La potenza del Knockout è una combinazione di:

✔Tecnica,
✔Esplosività,
✔Timing,
✔Distanza,
✔Meccanica del corpo.

Ognuno di questi elementi può essere sviluppato sui pad singolarmente o all’unisono.
L’unico problema con lo sviluppo di potenza va fatto proteggendo chi tiene i pad. Se il tuo compagno di allenamento è pesante può tirare colpi molto forti, diventa molto difficile e impegnativo tenere i pad e possono danneggiare una persona che tiene il focus pad senza tecnica o che non é qualificata. Le lacrime per il dolore al bicipide, le lesioni della spalla e i polsi doloranti sono comuni negli inesperti che iniziano a tenere i focus.
Inoltre più le persone che si allenano sono pesanti o con grande tecnica e più sarà per te importante avere attrezzature di qualità e integrare le tecniche necessarie per assorbire e reindirizzare la loro potenza.

 

LA DIFESA

Come accennato, il padwork è particolarmente utile per migliorare le tue abilità difensive.

✔Nella Boxe le abilità difensive includono il blocco, parate, schivate e evasioni.
✔Nella Muay Thai e Kickboxing è inoltre necessario aggiungere le difese contro calci come il controllo, la cattura e scooping.
✔Nell’MMA sarà necessario tutto quanto sopra detto più i takedown, aggiungendo anche i colpi e le difese a terra.

Questi sono diversi modi con i focus pad per allenare i diversi sistemi di difesa.

A mio parere le abilità difensive sono più importanti di capacità offensive perché chiunque può colpire duramente se abbastanza arrabbiato, ma la maggior parte delle persone non può difendersi in un modo efficace ed economico.

Le abilità difensive possono essere difficili da imparare in quanto tendono ad essere intuitive.
Ad esempio, quando una persona prende a pugni in faccia la reazione naturale è di indietreggiare ed estendere le braccia per respingere i colpi.
Questo indietreggiare é una reazione naturale e istintiva, ma non molto utile per gli sport da combattimento, in quanto lascia grandi aperture per sequenze di pugni, calci, ecc.

Per questo motivo di solito per le persone ci vuole più tempo per imparare la difesa, in quanto stanno lavorando contro istinti naturali. Devi modificare il tuo istinto.

Il lavoro ai focus pad é attivo (dove chi tiene i pad torna a colpire) stringe la difesa e nel tempo contribuisce a ridurre i tentennamenti alla reazione che sono tempi morti che il tuo avversario può sfruttare per inserire colpi o allontanarsi.

Ti basta guardare “qualcuno” come Floyd Mayweather, campione del mondo imbattuto, per capire quanto sia importante una buona difesa. Floyd ha eccellenti movimento della testa e un gioco di gambe incredibile che lo tiene al sicuro e gli permette di contrattaccare a volontà quando necessario. Floyd sviluppa queste qualità tecniche quotidianamente ai focus con lo zio Rodger. Vai su YouTube e cerca Mayweather focus pads. É incredibile.
Una buona difesa ti spiana la strada per un buon attacco.

 

LA COORDINAZIONE

Una definizione di coordinazione è “organizzare insieme muscoli e gruppi muscolari finalizzate a favorire un movimento preciso”.
A propositivo del combattimento ci sono molti movimenti complessi, la coordinazione è fondamentale.
I muscoli devono “essere azionati in sequenza” e controllare il movimento nelle varie direzioni contemporaneamente.
Se un combattente non è coordinato tutto non funziona, la distanza è sbagliata, il tempismo è spento e il corpo non lavora come unità unica ma appunto scomposto.
Questo è un disastro se succede durante il combattimento. Se guardi gli sport da combattimento noterai che i migliori combattenti tendono ad avere un ottimo coordinazione, cioè i muscoli di tutto il corpo lavorano insieme sia la parte di attacco o difensiva che la parte di movimento con le gambe e la generazione della spinta richiamando i muscoli nella giusta sequenza.
L’allenamento con i padwork dovrebbe contribuire allo sviluppo di questo movimento regolare e coordinato.

 

IL “CUORE” E LA PSICOLOGIA

Non letteralmente il cuore (anche se aiuta) e la testa (fisicamente), ma la capacità di andare avanti quando le cose non stanno andando per la strada o il verso giusto.
Il cuore e la psicologia sono essenziali se un combattente vuole arrivare al successo o a dei buoni risultati come fighter.
Tu puoi avere tutta la tecnica e tutte le competenze nel mondo, ma se ti manca il cuore e la testa di andare avanti quando ha esaurite le forze o senti male per i colpi ricevuti allora che si potrà mai fare?. Il combattimento è anche questo.
Ho perso il conto del numero di volte in cui ho vsito incontri di pugilato o MMA con combattenti con le spalle al muro o combattenti che sono fantastici quando stanno vincendo, ma cadono a pezzi non appena le cose non vanno proprio per il verso giusto.
Gli manca di cuore e la testa. Alcuni allenatori dicono che sei nato con il cuore e altri dicono che si può sviluppare. Penso che sia un po’ vero per entrambi.
Hai bisogno di una certa quantità di resistenza e grinta innata nel combattimento, ma il duro allenamento può sicuramente costruire queste basi fondamentali.
Il lavoro duro ai pad sviluppa la capacità di andare avanti quando si è stanchi. Si mette alla prova la resistenza del cuore e i polmoni, fa ansimare per l’aria, brucia le spalle e piega le gambe.
Questo è un metodo e una fase dell’allenamento dove misuri la tua resistenza fisica e mentale.
Si é molto faticoso, ma è importante perché metterà alla prova il cuore di un combattente prima di arrivare sul ring o gabbia in cui è veramente importante.
Se un combattente si chiude durante padwork, c’è una buona probabilità che si chiuderà nella lotta reale quando si sentirà stanco. Il cuore ha bisogno di essere testato e addestrato.

image

Buon allenamento con i focus Pad

Andrea USOMA