Reaction ball per le arti marziali

Le sfere di reazione chiamate Reaction Ball sono delle palle con delle escrescenze che vengono utilizzate nel mondo delle arti marziali per sviluppare una migliore:

  • velocità di reazione,
  • agilità, footwork,
  • coordinazione degli occhi-occhio,
  • movimento laterale e
  • “rapidità” complessiva.
  • ecc.

Come ti dicevo poco fa, la palla di reazione è una piccola palla di gomma ricoperta da escrescenze che aiutano a creare movimenti casuali quando la palla colpisce una superficie, in questo modo è necessario recuperare al volo la palla che improvvisamente cambia direzione aiutandoti a sviluppare e a far progredire degli skill che sono importanti per un praticante di arti marziali.

“Progettato per migliorare il coordinamento delle mani e gli occhi, il tempo di reazione, la percezione della profondità e l’accelerazione del primo passo, la Reaction Ball è un super-strumento che migliora le prestazioni con dei benefici benefici utili per gli atleti di tutti gli sport”.

Agli occhi di un profano può sembrare un gioco stupido, in realtà ti obbliga a lavorare sempre in recupero costruendo un “gioco” tutto basato su riflessi e cambi di direzione improvvisi e in posizioni inusuali per evitare che la pallina cada.

I riflessi, gli spostamenti e le mani veloci sono dei requisiti fondamentali su cui devi lavorare per migliorare le tue caratteristiche personali.

Questo tipo di esercizio ti permette di fare dei lavori importanti se sei un marzialista

Traduzione: che significa costruire un particolare stimolo a una risposta specifica

Programmazione delle risposte: L’organizzazione del sistema motorio per produrre la risposta desiderata (avviene il movimento).

Tempo di reazione: il tempo necessario per identificare uno stimolo dato e rispondere a quel stimolo. Il tempo di reazione non include il movimento osservabile.

Scelta del tempo di reazione: l’intervallo di tempo trascorso dalla presentazione di uno di più possibili stimoli imprevisti all’inizio di una delle diverse risposte possibili.

Previsione spaziale: la capacità di un individuo di prevedere che cosa accada nell’ambiente.

Pertanto la reaction ball può migliorare in modo efficace l’elaborazione delle informazioni umane con la conseguente capacità di migliorare la scelta dei tempi di reazione. Sviluppare un tempo di reazione rapida di scelta che migliora l’accelerazione del primo passo e la coordinazione dell’occhio-occhio sulla base di una risposta più rapida allo stimolo. Tuttavia, la richiesta di migliorare la percezione della profondità non beneficia direttamente attraverso l’utilizzo di questo strumento di formazione ma necessita di esercizi supplementari.

Tutti gli allenamenti e gli esercizi con la speed ball dovrebbero essere controllati da un istruttore di arti marziali qualificato al fine di prevenire lesioni e di garantire la corretta tecnica anche se si tratta di un semplice esercizio.

La Reaction Ball è uno strumento utilizzato per aiutare gli atleti a migliorare la loro capacità di individuare uno stimolo imprevedibile a causa del pattern di rimbalzo sconosciuto della palla e reagirlo in un modello di movimento organizzato ed efficiente.

Questo sviluppa quelle che sono le “Elaborazione delle informazioni umane”.

In primo luogo la persona è esposta ad uno stimolo, quindi procede alla selezione di una risposta in cui si verifica la “traduzione”.

La persona sceglie come reagire agli stimoli, in questo caso a seconda di dove la pallina rimbalza, la persona fa la scelta di avanzare in quella direzione, possibilmente con un piede specifico che conduce e raggiunge con una mano specifica, pur mantenendo una postura atletica bassa.

Una volta identificata la risposta, il passo successivo è la programmazione delle risposte in cui il sistema nervoso centrale organizza una risposta appropriata e inizia il movimento.

Lo scopo di utilizzare reaction ball è quello di sviluppare un metodo che crea una risposta allo stimolo appropriata e il time-efficient;

Identificazione dello stimolo + selezione della risposta + programmazione delle risposte. Questo è chiamato Tempo di reazione.

Il tipo di tempo di reazione utilizzato durante la formazione con la Reaction Ball è chiamato Time Reaction Choice. Scelta del tempo di reazione è molto ricettivo ai miglioramenti se praticato. Questo rende l’utilizzo di questo strumento di formazione efficace nell’aiutare gli atleti nella loro formazione. L’utilizzo di questo strumento nello sviluppo dell’Elaborazione di informazioni umane permette di migliorare il tempo di reazione e l’accelerazione del primo passo.

La coordinazione degli occhi-mani è un’attività che richiede un giudizio preciso del tempo in base a ciò che la persona interpreta dallo stimolo visivo e la traduce in una risposta adeguata.

La coordinazione dell’occhio-mano inizia innanzitutto con l’individuazione dello stimolo.

Alcune ricerche eseguita tra atleti esperti e alle prime armi ha fatto emergere che i vantaggi dei programmi di formazione che sostengono di migliorare le abilità generali come la percezione della profondità, l’acutezza visiva e la visione periferica non hanno una conferma scientifica e i vantaggi di tali programmi sono dubbiosi. È stato scoperto che non vi era poca o nessuna differenza in quelle competenze generali sopra elencate tra le due tipologie di atleti. Il maggior fattore che contribuisce agli esperti che si espremono meglio è stato nella loro capacità di anticipare e reagire meglio a determinati stimoli (Hagemann, N et al., 2006). La coordinazione dell’occhio e la percezione della profondità non sono in realtà competenze motorie, ma la coordinazione tra occhio-occhio può migliorare il miglioramento dell’informazione umana  (Aparo, L., n.d.) di conseguenza a scegliere la corretta risposta allo stimolo.

Quindi anche se da questi studi l’acuità visiva non può essere migliorata, tuttavia l’anticipazione efficace può ridurre drasticamente il tempo necessario per elaborare lo stimolo e dare all’atleta più tempo per essere precisi con la coordinazione degli occhi occhio. L’anticipazione spaziale può essere migliorata attraverso la pratica e quando viene utilizzata in modo efficace fa una grande differenza sia nella coordinazione dell’occhio e nell’elaborazione delle informazioni.

Ora indipendentemente dallo studio questo tipo di allenamento e formazione è da provare e sperimentare con delle varianti specifiche per il tipo di sport legato al combattimento.

Ora puoi eseguire l’esercizio da solo o in due per renderlo più competitivo. Il mio consiglio è di averne più di una per rendere l’esercizio più intenso e dinamico.

Ne esistono di forma, peso, colori e dimensioni da accontentare tutti i gusti.

Il prezzo varia dai 5 euro ai 20 euro.

Buon allenamento con la speed ball!!

Andrea

Allenamento ai Pao? Prima leggi questo.

Quando ti alleni negli sport da combattimento, la persona che può avere il maggior impatto su di te è il tuo allenatore quando ti tiene i pao e i focus.

Se finisci con l’allenatore giusto, puoi fare enormi miglioramenti in un breve periodo di tempo. Viceversa, se si finisce con un cattivo allenatore, si può fare poco o nessun progresso perdendo molto tempo.

Ora se ti capita spesso di fare o di tenere i colpitori in questo articolo scoprirai moltissimi approcci all’allenamento ai pao che devi saper fare se vuoi allenarti e fare allenare bene i tuoi compagni di allenamento o i tuoi ragazzi agonisti perchè non c’è un solo modo come spesso si vede fare nelle palestre e soprattutto non può essere lo stesso modo per tutti perchè in base al tipo di training del momento è necessario usare un determinato approccio o un mix di questi.

Come scegliere l’approccio?. In base a diversi fattori:

  • Preparazione atletica
  • Preparazione tecnica
  • Condizionamento
  • Esplosività
  • Potenza
  • Aggressività
  • Strategia

Ora una piccola premessa, contrariamente alla credenza popolare, solo perché qualcuno è  thailandese o giapponese, filippino, cinese, ecc. non li rende automaticamente buoni trainer. Come tutte le cose nella vita, ci sono buoni trainer, quelli medi e persino quelli incapaci e disonesti.

Se parli con alcuni ragazzi che hanno fatto l’esperienza di andare nei camp thailandesi o nelle filippine, di questi ragazzi alcuni ti diranno che hanno trovato maestri incredibili e altri che ti diranno di bei posti ma che niente di eccezionale come maestri , questo accade per due ragioni:

  • Quando c’è un business ci si infilano anche i disonesti.
  • Quando stai lì un mese quello che fanno è farti fare tanta preparazione atletica.
  • Non tutti hanno il piacere di spiegarti i “trucchetti” reali facendoti vedere 4 tecniche che vedi anche qui.

Quindi è importante che ti informi bene prima di partire all’avventura sperando di trovare il maestro dei tuoi sogni.

Esperienza comunque bella e da fare unita magari alla vacanza così la fidanzata non ti “uccide” ma a volte molto al di sotto delle aspettative e non siamo più negli anni 90, oggi c’è internet con tutti i sistemi annessi.

Ps. Ora non mi fraintendere, non vuol dire che puoi imparare da internet ma che non è più come quando conoscevi una arte marziale per qualche foto su una rivista e andavi a caccia del maestro per sentito dire, spesso puoi vedere già prima di cosa si tratta.

Ora tornando al tema di oggi ognuno, anche se non se ne accorge, ha un modo di tenere i pao e di chiamare i colpi all’altro e con un certo ritmo, intensità, enfasi e potenza.

Alcuni trainer metteranno molto più sforzo con alcuni ragazzi e i combattenti agonisti, mentre altri lavorano ugualmente bene con tutti, questo purtroppo capita spesso nelle palestre e se tu non fai parte delle squadra agonistica non perché sei scarso ma solo perché non vuoi fare match, per l’età , per il carattere, per altre ragioni, alla fine rischi di essere “trascurato”, questo è un approccio che non mi piace, perché capisco il focus verso gli agonisti ma stai comunque pagando un servizio.

Di seguito è riportato un elenco di approcci che si distinguono e sono i migliori per chi ti tiene i Pao, e ti ho anche messo i modi peggiori. Questo te lo dico perché devi essere più consapevole del fatto che chi ti tiene i Pao ti sta facendo allenare e in quel momento la qualità del tuo allenamento  dipende anche da lui, e quando tu tieni i Pao devi sapere che puoi e devi avere questi approcci consapevolmente.

Ora non è in alcun modo un elenco completo e se c’è o conosci qualche altro modo che tu usi scrivimi perché mi fa piacere aggiungere all’articolo altri approcci ma questi sono i più comuni che è probabile che incontri con chi ti tiene i pao.

Ps. Alcuni trainer sono un mix di questi modi.

Ora perché devi conoscere questi diversi approcci nel tenere i colpitori?.

Perché se vuoi diventare un buon trainer come ti dicevo prima devi differenziare in base al tipo di allenamento che devi fare e al tipo di fase della preparazione atletica il modo più corretto di tenere i Pao per focalizzarti sulla specificità della persona che stai allenando.

I pao NON li puoi e devi tenere sempre allo stesso modo!!

Questo approccio vale per qualunque arte marziale che utilizza i colpitori come forma di allenamento anche se chiaramente si enfatizza di più in sport come la muay thai, le mma, ecc. ma può essere “esportato” in altri sistemi e arti marziali.

Ti ho diviso gli approcci nel tenere i pao in due grosse categorie:

  • MIGLIORE MODO DI TENERE I PAO che sono i metodi che danno benefici.
  • PEGGIORE MODO DI TENERE I PAO che sono i metodi sbagliato che ti fanno perdere tempo.

Quello che è importante è cercare le categorie dei buoni trainer e soprattuto cambiarli in base alle fasi e al tipo di allenamento / avversario e soprattutto se sei un trainer è uno spunto per fare attenzione a un aspetto che spesso viene considerato scontato, ma ci sono tanti modi di tenere i colpitori ai tuoi fighter, hai una grande responsabilità.

 

MIGLIOR MODO DI TENERE I PAO

Costruttori di FIT

Questo approccio nel tenere i pao ha come obbiettivo quello di costruire il cardio. Questo modo di chiederti i colpi ai pao ha il “semplice” scopo di assicurarsi che tu sia Fit, significa con una preparazione atletica e una resistenza al top.

Se inizi subito con questo approccio e non sei allenato appena il trainer ti dice che devi tirare 30 calci ogni gamba mettiti a piangere e stai tranquillo che non ce la farai, non hai la preparazione atletica per affrontare questo.

Se sei sovrappeso, sei appena arrivato in palestra dopo mesi di inattività o arti differenti, è improbabile che tu faccia un allenamento ai pao con questo approccio ma se lo fai perché magari hai detto che tu sei uno tosto e che sei già in forma probabilmente non sarai in grado di finire il carico di lavoro che ti richiedono.

L’approccio cardio ai pao è ottimo per le persone che hanno un match in arrivo o vogliono adattarsi ad avere una resistenza da pro. Chi tiene i Pao esamina il tuo cardio e nel tempo seduta dopo seduta ti trasforma in una macchina di pugni, calci e chi più ne ha più ne metta.

Molto interessante è aumentare il numero della cadanza dei colpi per round che deve andare a salire con l’allenamento.

Anche se questi trainer possono essere molto tecnici, l’obiettivo principale è quello di “ucciderti sui tuoi stessi colpi”, devono stremarti, portarti al limite, quindi ti chiederanno combinazioni o colpi singoli all’infinito.

Preparati!!

Se un allenatore sa che hai una match, ti trasformerà in una macchina cardio perché sanno che il tuo cardio e la resistenza hanno un grande impatto sulla tua prestazione in combattimento.

Questo approccio è ottimo per preparare il match e per persone che vogliono essere FIT. Il limite è che il volume di colpi su una sola tecnica può portare ad esempio i tuoi calci a fare male dopo 5 round di colpi.

 

 

La tecnica è tuttoQuando ti alleni con dei buoni allenatori che hanno questo approccio è facile che ti  “romperanno” la tua tecnica e cercheranno di ricostruirla in un vero stile adatto al tipo di combattimento che devi fare come la muay tailandese, le MMA, ecc.

Questo accade soprattutto se hai un passato marziale differente dal tipo di match che devi preparare o dallo sport o arte che stai praticando ora.

Cominciando con il tuo footwork e lavorando fino ai tuoi calci e pugni, questi trainer ricalibreranno il tuo modo di combattere sopratto se è influenzato come ti dicevo da retaggi marziali precedenti o provenienti da uno “sfondo” troppo occidentale.

Questi sono i miei trainer preferiti per lavorare, perché ti danno correzioni che altre persone non fanno o non sanno darti. Non hanno paura di parlare liberamente e dire che hai una tecnica “terribile” (se sono gentili!!).

Dopo ogni calcio e pugno, scansioneranno con precisione la tua forma con un microscopio.

Inizieranno a correggere ogni piccolo dettaglio, la mano indietro o bassa, girare l’anca, il mento giù la posizione delle mani e la guardia, il peso del tuo corpo come è ripartito, ecc. sono alcune delle frasi tipiche che sentirai dire dopo pochi istanti ai pao che è facile che inizi a sentire.

Che tu sia un principiante o atleta avanzato, ti correggeranno. Non importa se hai già fatto 50 match, continueranno a rompere il tuo gioco. La prima volta che si lavora con un trainer tecnico ti accorgerai che tutto l’allenamento ai colpitori ruota intorna a quella sola tecnica, magari potresti venire preso dalla sconforto perchè potrebbe essere messo in discussione il tuo modo di tirare.

Alcuni ragazzi odiano andare con questi formatori perché pensano che abbiano già lo stile perfetto. A volte le persone ignorano il consiglio che viene dato, cosa che non ti consiglio e non è molto saggia.

E’ ottimo per sviluppare una migliore tecnica e migliorare ma ti faranno capire quanto è necessario migliorare dando meno enfasi alla tua preparazione atletica con un approccio ai Pao meno intensivo.

 

L’aggressività dei gomiti, delle ginocchiate e del clinch.

Ogni allenatore come hai ormai capito ha il proprio stile di preparazione ai pao ma c’è un tipo di approccio che se trovi è straordinario, quando il trainer enfatizza molto l’uso dei gomiti e delle ginocchia andando a lavorare con uno stile di combattimento aggressivo che ti avvicina con pugni, gomiti e ginocchia per non parlare del clinch.

Questi trainer sono grandissimi  per insegnarti a spingere in avanti con aggressività.

Quando si lavora con questo approccio sicuramente tirerai centinai di colpi di gomito che vengono avanti in una combinazione di pugni e ginocchiate. Al posto di tirare centinaia di calci la maggior parte dei round ai pao saranno composti da gomitate, ginocchia e clinch.

Ho particolarmente apprezzato questi trainer perché funziona in aree del tuo modo di combattere che altri trainer non toccano. Mentre tutti ti chiederanno di tirare combinazioni di calci e pugni, questi trainer si concentreranno sui gomiti, sulle ginocchia e sul clinch.

Sono ottimi perchè ti insegna uno stile aggressivo di combattimento ma danno meno enfasi sulla tecnica e l’abilità ma più sull’aggressione.

 

A tutta potenzaAlcuni trainer vogliono sottolineare il potere distruttivo che c’è dietro tutta la tua tecnica. Sia che stai tirando di pugno, calciando, ginocchiato o tirando una gomitata, vogliono che tu lo fai con la massima potenza, tutto al 100%.

Ti sentirai dire frasi come “più forte” o “più duro” che ti vengono costantemente dette per sottolineare che vogliono che tu vada più forte.

Sia che tu tiri un calcio, un colpo al corpo o un uno-due, ecc., tutto quello che tiri deve essere fatto alla massimo potenza. Se non hai abbastanza abilità rispetto al tuo avversario, la potenza dei tuoi colpi può essere la cosa migliore che hai a tua disposizione per sconfiggerlo.

Questi trainer ti possono aiutare a sviluppare più potenza e ti insegneranno a rilassarsi prima di colpire. Quando ti chiedono di fare 10 calci, ti faranno una piccola pausa dopo ogni calcio in modo da poter tirare ogni calcio con la massima potenza.

Questo approccio è molto buono per sviluppare più potenza e rafforzare le tue tecniche ma da meno enfasi sull’abilità e la tecnica

Lo trovo molto utile!!

 

L’EnergicoL’energico è un allenatore di pura adrenalina che è animato e pieno di energia.

Questi trainer ti faranno ridere mentre fanno espressioni facciali e movimenti animati,  ti spingono costantemente verso i tuoi limiti, ti obbligeranno a spostarti continuamente in tutte le direzioni.

Essendo animato e divertente, ti farà sentire il ring o lo spazio di allenamento molto più piccolo di quanto è realmente visto i continui movimenti.

I colpi e le combinazioni ai pao sono molto piacevoli, ti insegneranno una serie di tecniche diverse e ti aiuteranno a trovare una energia che non sapevi di avere.

Mentre questi trainer potrebbero non essere in grado di darti consigli sulla tua tecnica, ti forniranno consigli lungo l’allenamento che ti saranno utili nello sparring e nel match.

Occhio che se il trainer energico passa attraverso da giorni di elevata energia a basso umore, c’è una buona probabilità che prenda droghe eccitanti, se invece è costante è il suo carattere, devi cercare questo.

Il buono con questi trainer è che fai dei cicli di allenamento altamente motivati e ad alta energia ma se esagera può essere poco serio se è un po’ “troppo” animato e può anche essere poco piacevole , dipende anche dal tuo umore e dal suo (se è fatto).

 

Ritmo Thailandese

Il prossimo tipo di allenatore che spesso incontrerete è l’allenatore che ti fa scoprire il ritmo di combattimento della Muay Thai thailandese il che significa più lentamente e di rallentare.

Attenzione non significa “lento” nel vero senso della parola, ma un ritmo tipico dei thai con forte esplosività.

Questi trainer sono in grado di rallentare tutto quello che fai e ti insegnano il corretto ritmo Muay Thai. Ti diranno di calciare con una buona tecnica in primo luogo e di aggiungere la potenza in seguito.

In un primo momento, questi ragazzi potrebbero apparire un po’ fuori di testa quando vanno avanti e indietro davanti a te, cercando di farti imitare il loro movimento e il ritmo. Tuttavia, questo è il modo migliore per imparare a muoversi con uno stile di combattimento corretto e ti farà molto bene.

Ti diranno costantemente di “rilassarti, rilassati”. Rallentando tutto e rilassandoti, non solo ti rendi conto che sei in grado di tirare calci e di pugni più duri, ma conservi anche molta più energia. Questo è un allenatore ideale con cui tutti dovrebbero lavorare.

Ti insegna il corretto ritmo Muay Thai e ti insegnerà come rilassarti ma di solito le sessioni ai Pao sono meno intensi come cardio di altri modi di tirare ai pao (dipende se si sta combattendo o meno ma vale la pena allenarsi con questi trainer)

 

Il Freestyle

Chi tiene i pao ti consente di fare tutto quello che vuoi fare sui colpitori. Dicono letteralmente “fai quello che vuoi” e sposteranno i pad per contattare i tuoi scioperi. Se si desidera lanciare gomiti, ginocchia, calci o pugni, assorbono tutti i tuoi colpi con i pao.

Lavorare con un trainer freestyle è come lavorare su un sacco pesante interattivo che reagisce ad ogni tuo movimento. Questi trainer sono abili a tenere i pao e sono molto esperti, hanno una incredibile velocità di reazione e si spostano verso ogni tuo colpo.

Puoi incontrare un trainer freestyle solo se lui sa che sai cosa stai facendo e come ti alleni, ti conosce bene.

Se sei inesperto o sconosciuto, non aspettarti che un trainer freestyle lavori subito con te. È necessario essere in grado di generare il proprio ritmo e lavorare al proprio ritmo.

Il freestyle come approccio ti dà la libertà di lavorare su qualsiasi cosa desideri ma non ti da nessuna direzione, nessuna correzione, devi essere tu autosufficiente e che sai lavorare sui tuoi colpi.

 

Tieni su la guardia

Il trainer che è fissato sul “tieni su la guardia” è qualcuno che ti tirerà un sacco di colpi durante tutta la sessione di allenamento ai pao. (Mentre la maggior parte dei trainer ti tirerà occasionalemente un colpo , questi trainer lo fanno per trovare un punto scoperto su cui fare entrare il loro colpo o colpi). Questi trainer ti terranno vigile e attento e ti faranno “pagare” quando per sbaglio abassi le mani dopo un pugno.

Ogni volta che abbassi la guardia o tiri un pugno, un calcio ecc., aspettati di ricevere qualche colpo da loro. Questi trainer sono ottimi con cui devi lavorare, perché ti aiuteranno ad affinare la tua difesa e assicurare che non si pensi solo a tirare sui pao.

Il trainer “tieni su la guardia” simula una lotta reale, con il corretto approccio e flusso di offese e di difesa. Questo approccio assicura che tu rimani sempre in allerta e non ti “godi” molto la sessione ai pao

Questi trainer ti insegnerà l’importanza della difesa. La tua difesa migliorerà ma puoi essere colpito in testa qualche volta con i pao e non è piacevole anzi può essere anche pericoloso.

 

Il TopI trainer di livello top, vanno oltre, sono i migliori del meglio. Sanno come motivarti e regolare il proprio stile ai pao per ogni atleta/studente. Questi trainer possono darti alcuni piccoli suggerimenti che fanno una grande differenza nel tuo modo di combattere.

Il loro modo di tenere i pao cambierà a seconda di chi hanno di fronte e in base a che allenamento specifico la persona deve lavorare. Se qualcuno è un principiante, tirerà giù la cardio e sottolinerà più la tecnica. Se stanno lavorando con qualcuno avanzato, offriranno alcuni consigli che possono davvero aiutare in combattimento.

Questi trainer hanno un sacco di esperienza ai pao e hanno lavorato e portato al successo un numero enorme di combattenti diversi. Sanno cosa serve per essere il migliore negli sport da combattimento e ti passerà preziose conoscenze ma solo alle persone che sono disposte a imparare.

Quando si tratta di colpire i pao con qualcuno che è un top, ti chiederanno combinazioni diverse con molta fluidità ma senza che siano in qualche modo legate ma lo fanno sentire molto naturale nonsostante la variazione importante di colpi e strategie.

I trainer top sono il meglio che puoi trovare perchè lavorano sulle cose giuste e ti faranno migliorare, non puoi chiedere di meglio.

 

Combinazioni standard 1-2 e Kick.

Alcuni trainer ti fanno fare la stessa combinazione più e più volte.

Saprai che hai trovato questo approccio quando tutto quello che fai in 5 round può essere riassunto in un uno due e calcio, a destra o a sinistra, o un ginocchio uno, due, destro o sinistro, ecc.

Questi trainer ti fanno fare alcune combinazioni più volte finché non dovrai nemmeno sapere che colpi in combinazione ti chiamerà dopo perché è sempre lo stesso.

Mentre questo potrebbe sembrare noioso e monotono, è effettivamente molto utile perché spesso si eseguono delle combinazioni di base che utilizzerai molto in una match.

Ripetere le combinazioni di base più e più volte, consente di utilizzarle senza pensare. Questo è qualcosa che dovresti vedere nella tua sessione di sparring per aiutarti a creare delle forti basi per il tuo gioco in combattimento.

Questo approccio è molto valido perché i drills in combinazioni di base diventano riflessi naturali nel tuo gioco ma può diventare un po’ noioso dopo un po’ e può diventare faticoso colpire con la stessa combo più e più volte.

 

Il grande ego

Quando arrivi in una nuova palestra ti devi aspettare che i trainer possano cambiare molte tue tecniche soprattutto se hai molte tendenze con retaggi di arti marziali tradizionali di o Kickboxing e rivedere le tecniche in una chiave più in stile Muay Thai o MMA dove l’uso dei pao è molto utilizzato.

Mentre è una cosa molto normale da sperimentare, ci sono alcuni formatori che cercheranno di cambiare l’intero tuo modo di essere, indipendentemente dal tuo background.

Dicono che gli altri trainer sono “non buoni” e cercheranno di correggere tutto nel loro stile, sia quello che fai giusto che quello che fai sbagliato.

Questi trainer hanno un ego smisurato e pensano che siano migliori di tutti, di solito non durano in palestra per troppo tempo, per via del loro carattere.

Se puoi non badare troppo al loro ego, solitamente condividono molti suggerimenti utilissimi che possono aiutarti a migliorare. Questi trainer sono spesso molto preparati e pieni di conoscenza, hanno una buona tecnica anche se credono che il loro modo è il “solo modo” di fare bene qualcosa.

 

PEGGIOR MODO DI TENERE I PAO ( DA EVITARE )


Ora se trovi qualcuno che ti tiene i pao con queste caratteristiche non perdere tempo!!

Il pigro

Un altro tipo di trainer che si può trovare di volta in volta è il pigro.

Come ogni lavoro, ci sono alcune persone che lavorano duramente e ci sono altre che non lo fanno.

Questi trainer possono essere pigri quando si tratta di te, ma potrebbe lavorare più duramente con altre persone in palestra che sono combattenti agonisti.

Qualunque sia il caso, allenarsi con un pigro è semplicemente inutile e lo noti dai suoi movimenti perchè sembra sempre annoiato, probabilmente perché è stanco o è uscito la notte prima.

Aspettati di vedere che sia spesso a guardare il cronometro aspettando di finire.

Puoi persino incontrare un allenatore pigro che decide di concludere una sessione di pao facendo meno round o facendoli più corti e di solito fanno così se sei l’ultimo che fa i round di pao e nessun altro sta prestando attenzione ai tuoi colpi, siete solo tu e lui.

Questo comportamento non è serio e professionale.

Dal momento che questi trainer solitamente non durano a lungo nelle palestre visto che dopo poco nessuno vuole allenarsi con loro, non preoccuparti perchè te ne libererai facilmente senza fare nulla.

Se anche tu sei pigro e non vuoi un duro round di pao è l’deale per te ma questi trainer non ti spingono, non ti correggono o ti fanno migliorare, non serve a nulla allenarsi in questo modo.

 

 

Tutto quello che fai è incredibileQuesto trainer ti farà sentire come sei l’uomo dell’anno. Ti dirà “molto buono, che colpi, che potenza!. Ecc!“. E lo fa sempre di più, facendoti pensare di essere pronto a sfidare Mc Gregor, o Buakaw.

Tutto quello che fai è “perfetto” finché non ti rendi conto che fa la stessa cosa con quello dopo di te, e con quello dopo ancora, e con tutti.

Dopo i tuoi 5 round di colpi ai Pao ti senti un campione a sentirti dire che sei come un professionista, ma quando uscendo dalla palestra vedi che lo stesso allenatore sta dicendo a un principiante “molto buono”, anche se sta facendo schifo a questo punto spero che hai capito che ti stava prendendo in giro.

Questi trainer è l’equivalente al ragazzo che va ad ogni ragazza dicendo che è la ragazza più bella che ha visto, sperando di ottenere il suo numero e una uscita.

Questi trainer stanno cercando accaparrarsi gli studenti a prendere lezioni private o sessioni di allenamento a pagamento con loro. Prendi i loro complimenti come finti e ipocriti perché li fa a tutti, non sei l’unico a riceverli.

Con questi trainer ti senti bene prendi fiducia ma non sai se è vero o se stanno mentendo.

Te li sconsiglio.

 

Non sai tenere i Pad

Ho incontrato alcuni trainer che erano assolutamente terribili nel tenere i pao.

Ti stanno tenendo i Pao per allenarti i pugni o i calci, e mentre tiri qualunque colpo sia ti senti completamente scomodo, ti portano i Pao a metà strada quando calci, quindi ti toglie tutto il peso dai tuoi calci, tirano indietro i Pao a un miglio di distanza quando tiri i pugni in modo che stai tirando fuori dalla distanza, ecc.

Ps. C’è un modo per allenare questo ma non è questo il caso.

Quando trovi uno di questo trainer incapaci te ne accorgi subito perché sembra tutto scomodo e sempre fuori misura, di solito è qualcuno nuovo in palestra che non ha esperienza, un fighter che non è abituato ad allenare, ecc.

Possono essere buoni combattenti, ma sono scarsissimi nel tenere i pao.

Quindi solo perché qualcuno è un combattente incredibile, non li rende un buon allenatore o capace a tenerti i pao. Al contrario, qualcuno potrebbe essere un grande allenatore e essere un combattente medio. Oppure essere entrambe le cose, non ci sono correlazioni che danno certezze.

Niente da dire ma se non è capace non ha senso che ti tiene i pao , lascia perdere perché ti alleneresti male. Deve lavorare lui prima per imparare a tenerli correttamente.

 

Ora credo che hai una idea più chiara di come tenere e lavorare ai pao.

Questo tipo di allenamento che è essenziale nella tua formazione non è qualcosa di banale e semplice ma è un vero e proprio laboratorio di sperimentazione dei colpi ed è necessario avere molta più consapevolezza su questo tipo di allenamento ed è per questo che ho voluto dedicarci del tempo.

Quello che è importante è che conosci questi approcci per usarli e li riconoscerli in base alle tue reali esigenze, perchè lavorare ai pao deve essere funzionale al tuo stato attuale e alle aree di lavoro su cui sei carente soprattutto in fase di preparazione di un match o semplicemente per se stessi e migliorare le proprie capacità.

Buon allenamento ai pao!!

Andrea

 

Ps. Condividi!Condividi!Condividi!

 

 

Le bibite gasate e zero non sono adatte per i fighter

Le bibite gasate e zero non sono adatte per i fighter. Spesso tra gli sportivi e i fighter non è la prima volta che si sente dire da un allenatore o un compagno di allenamento, se proprio vuoi bere una bibita dolce prendi sempre le zero.

Cazzate!!

Ps. Te lo dico per esperienza diretta perchè purtroppo sono un bevitore di bibite gasate, anche se da qualche tempo le ho eliminate totalmente, ma so di che cosa parlo e degli effetti che hanno sulla forma fisica, l’effetto l’ho sempre tamponato per le lunghe sessioni di allenamento ma la differenza di calo di peso in pochi giorni a pari allenamento e alimentazione è incredibile.

Perchè ti dico questo?.

Sempre più  spesso si vedono le persone scegliere light e zero soprattutto per non ingrassare ma i risultati parlano chiaro: le bibite dolcificate fanno ingrassare, nonostante le zero calorie.

E’ una scena classica, i miei amici a dieta evitano di ordinare una birra e si rassegnano a una Coca light. La verità è che pranzo o cena, aperitivo o merenda, niente succhi, niente bibite zuccherate, e – per carità – niente vino solo acqua, ma la tentazione di una bibita zero c’è e la pubblicità è potente, le targhette nutrizionali sono potenti, leggi zero, zero, zero, cavolo che figata e invece NO! , perchè se proprio bene l’aspartame non fa, almeno non a grosse dosi, si sa anche che fa ingrassare.

Perché?

Le ragioni variano da dolcificante a dolcificante. Come hanno ipotizzato diversi studi negli ultimi anni, (l’ultimo è della American Diabetes Association’s) si sospetta che quel “finto” dolce inganni non solo il palato ma anche il cervello ma quando assumiamo qualcosa di dolce il nostro corpo si aspetta calorie che in realtà non arrivano. Come reazione, il metabolismo converte in grasso lo zucchero già in circolo, convinto che le calorie necessarie a darci energia siano appena state immesse.

Di conseguenza poi, hai più fame e più volte al giorno e converti lo zucchero che hai in corpo in grasso.

Esiste anche un’altra teoria che riguarda l’aspetto psicologico dove siccome pensi di aver evitato calorie, sei inconsapevolmente più tollerante (una sorta di giustificazione) a mangiare qualcosa in più.

Ora, forse non sai che l’aspartame viene a volta aggiunto alla dieta dei maiali per massimizzare l’assorbimento di tutto quello che mangiano, con il risultato di velocizzare la crescita della massa grassa.

Se poi l’Efsa ha dichiarato che è difficile assumerne dosi che danneggiano la nostra salute, mi sembra comunque una ragione in più per evitare di assumerlo.

Tu potrai  comunque dire:“ma se non ha calorie, come fa a farmi ingrassare?”

Lo so che questa è la domanda che ti fai di solito quando usi dolcificanti artificiali nel caffè o naturali senza calorie, i dolci senza zucchero o le bibite zero o light perché sicuramente ha sentito dire che fanno ingrassare è le ritenevi l’unica speranza di sentire qualcosa di dolce nella tua dieta, così come farsi dieci caffè per farsi passare la fame.

Eppure è così nonsotante il forte marketing a zero calorie, ma i dolcificanti fanno ingrassare, sia che siano dolcificanti artificiali che dolcificanti naturali.


Ora come hai capito le ragioni sono molte ma voglio ricordartene tre in particolare:

  • Come hanno ipotizzato diversi studi negli ultimi anni, (l’ultimo è della American Diabetes Association’s) si sospetta che quel “finto” dolce inganni non solo il palato ma anche il cervello ma quando assumiamo qualcosa di dolce il nostro corpo si aspetta calorie che in realtà non arrivano. Come reazione, il metabolismo converte in grasso lo zucchero già in circolo, convinto che le calorie necessarie a darci energia siano appena state immesse.

 

  • I dolcificanti a zero calorie possono causare disturbi metabolici: ogni sapore dolce corrisponde a una variazione della glicemia, che corrisponde a sua volta a una variazione di insulina, insomma, deve dare qualcosa in termini di glucidi, quello che il corpo si aspetta. Nel momento in cui diamo qualcosa di dolce che corrisponde a zero potere nutritivo e a zero potere glucidico, il corpo viene “ingannato” e alcuni ricercatori hanno scoperto che tutti i dolcificanti a zero calorie causano un’alterazione del senso della fame, un aumento della fame nervosa e in particolar modo della fame di zuccheri, spingendoci a cercare il dolce anche quando non ne abbiamo bisogno, addirittura falsando il senso del gusto. Questo accade anche con la stevia.

 

  • Il fattore psicologico: più ricorri al dolcificante, più ti senti autorizzato a prendere quelle calorie da qualche altra parte, un piatto un pò più abbondante, una scappatella alla regola.
Qual è la soluzione?

Se leggi il blog sai che i miei post tendono a risolvere problemi e non a creare dubbi, quindi quello che devi fare è bere acqua! Lo so che è scontato ma non è solo quello devi gradualmente eliminare tutto quello che mangi di zuccherato compreso il caffè e il cappuccino.

Ora se non lo hai mai fatto non lo puoi sapere ma personalemente dopo aver evitato di assumere zuccheri per settimane come bibite, dolci , ecc. quello che succede è un cambiamento del senso del gusto per le cose dolci che appaiono subito nauseanti e eccessivaente dolci.

I dolci di cui hai bisogno lì puoi trovare nella frutta naturale senza bombardarti di zuccheri raffinati o finti.

 

Il risultato? Oltre una perdita di peso, minore stanchezza, più attenzione ed energia, ti accorgerai che molti alimenti che mangiavi prima con leggerezza iniziano a farti “schifo” perchè troppo dolci, come le bibite gasate, il gelato gigante che prendevi vicino a casa, i dolci confezionati, ecc.

Un sacco di cose che abitualmente mangi diventanoall’improvviso troppo dolci.

La soluzione è ridurre al minimo i dolci, evita di  drogarti di zuccheri ogni volta che ne  senti il bisogno, limitati a bere acqua e mangia solo del cioccolato fondente, e soprattutto la frutta.

Te lo dico per eseprienza!!

Andrea

Ps. Se proprio vuoi bere qualcosa ti consiglio questa “bibita”!!

 

 

Workout al sacco pesante per il Jab Cross

Workout Sacco Boxe

Qualche giorno fa ho scritto un post sulla combinazione vincente per eccellenza , il Jab Cross.

Ora voglio che fai un allenamento da fare al sacco per allenarti su questa combinazione che ti permetterà di tirare 670 colpi al sacco!!

Preparati!!

Questo allenamento ti permette di sperimentare il movimento di Jab Cross e lavorare sul footwork del colpo singolo e della combinazione, sulla fluidità dei movimenti e sulla potenza dei tuoi colpi.

Colpire il sacco pesante ti aiuta a colpire in maniera più veloce e più forte, soprattutto se ti concentri sul footwork e sulla motricità di tutta la catena cinematica per utilizzare il peso e la spinta  di tutto il corpo trasferita al colpo.

Suggerimenti per l’allenamento per il sacco pesante:
  • Allenati concentrato e dando il massimo
  • Scaldati bene
  • Utilizzare i muscoli del core (addome e dorsali) per mantenerti stabile.
  • Tieni i talloni sollevati e le ginocchia piegate mentre muovi i tuoi piedi intorno al sacco.
  • Utilizza tutti gli angoli del sacco e mischia le combinazioni (Non sei su un binario).
  • Inizia lentamente a praticare le tecniche e le combinazioni.
  • Resta sempre composto e allineato quando tiri le combinazioni.
  • Attenzione alla guardia
  • Non stare attaccato al sacco
  • Entra ed esci sempre dalla distanza
  • Lascia andare il colpo distendi il braccio ma non completamente.
  • Obiettivo per colpire la borsa per un giro di 2-3 minuti e la tua resistenza e forza passerà attraverso il tetto.
  • Indossare sempre le fasce sotto i guantoni!
  • E se i polsi o le nocche si feriscono in un qualsiasi momento fermati e guarda che succede.
  • ecc.

Ps. Attenzione a non fare questi 8 errori al sacco pesante!!

Vantaggi di questo allenamento al sacco:
  • Ti permette di colpire il sacco 670 volte.
  • Bruci molte calorie più di qualunque altro sport
  • Sviluppa forza
  • Sviluppa resistenza
  • Non devi mai fare pausa ma se non c’è la fai fermati per trenta secondi
  • Riduzione della pressione sanguigna,
  • Perdita di peso,
  • Aumento del VO2 max.
  • Riduzione delle tensioni quotidiane mentre “colpisci” le tue preoccupazioni al sacco.
  • Tonifica il tuo corpo
  • Migliora la capacità cardio vascolare

La ripetizione è la chiave del successo perché la ripetizione rende un gesto complesso semplice e naturale. Continua ad allenarti e si noterà la differenza.

I tuoi colpi saranno più potenti e fulminei e ti stancherai meno.

Mettiti davanti al sacco e inizia a fare questo esercizio piramidale!

Tabella Sacco Pesante

Ricordati di fare solo il Jab o il Cross questo è un workout per lavorare su questa semplice ma fondamentale combinazione

I numeri nella casella indicano quante volte devi colpire il sacco.

Esempio:

  • 1 fila – Fai un passo e tiri una volta (jab) e tornare indietro in guardia
  • 2 fila – Fai un passo e tiri una volta (jab) due volte (jab, cross) una volta (Jab) tornare indietro
  • 3 fila – Fai un passo e tiri una volta (jab) due volte (jab, cross) tre volte (jab, cross, jab) due volte (jab, cross) una volta (jab).
  • ecc.

Completa tutte le file fino 10 colpi e poi di nuovo ma questa volta a scendere.

Buon allenamento!! Leggi bene le istruzioni di questo workout e soprattutto il post sulla combinazione di 1-2.

Andrea

 

5 abitudini che devi avere se fai sport da combattimento

Se c’è una cosa che distingue un ragazzo che si allena come un pro da un amatore sono le sue abitudini “superiori” e le sue ossessioni.
Le buone abitudini per chi fa sport da combattimento sono ciò che distingue gli atleti pro dagli amatori, è così semplice da capire ma spesso le persone pensano che un bravo atleta sia così perché è dotato, o che è fortunato o cazzate del genere.

Non è mai un caso se un fighter è forte ma è il risultato di un processo che non riesci a vedere.

Questi comportamenti quotidiani aiutano i combattenti a allenarsi più a lungo, a recuperare più velocemente, a sentirsi bene, ad eseguire meglio gli allenamenti e ad essere più efficaci in combattimento.

Se hai cattive abitudini, non raggiungerai mai il tuo più grande potenziale. Neanche vicino. Le cattive abitudini come la mancanza di sonno e la cibi spazzatura li tengono indietro nel lungo periodo.

Come fai a dire questo? Semplice.

Lavoro spesso con combattenti pro di Muay Thai, Pugilato, MMA , Jiu Jitsu, ecc e credimi se ti dico che i successi dei fighter e le cattive abitudini non possono coesistere.

Per “installare” una abitudine nella tua mente sono necessari 21 giorni di fila di questo comportamento dopodiché diventerà qualcosa di normale. Si!! Hai capito bene basta meno di un mese per costruire e riprogrammare il tuo comportamento con delle nuove caratteristiche.

In questo articolo del blog ti voglio parlare delle 5 abitudini che sicuramente distinguono i campioni dagli altri. Quindi se la tua intenzione è di essere un pro o un buon fighter, un amatore professionista queste 5 abitudini le devi sempre rispettare.

Se vuoi fare un salto di qualità devi abituarti a questi 5 must.

 

La dedizione

Gli atleti professionisti non fanno sconti, non cercano scuse perché non possono fare un match o una sessione di sparring, si presentano ogni giorno per allenarsi anche quando non ne hanno voglia o sono stanchi.

I fighter pro o con la mentalità pro sono generalmente a proprio agio anche quando si sentono nelle giornate no, si adattano, sono funzionali e questo è un chiaro segno di impegno per un obiettivo più grande.

I dilettanti parlano di fortuna, si aspettano che ogni tanto possano saltare qualche lezione o sessione di allenamento o andare a svaccarsi qualche giorno dopo una grande vittoria, ma non i pro, non credono al caso, ma lo creano, sono quelli che di solito ritornano in palestra il lunedì dopo il match del sabato lavorando sui loro errori mentre sono ancora freschi nella loro mente.

Tutto ruota intorno al combattimento.

 

Il Sacrificio

Essere un atleta professionista o un amatore che si allena come un professionista richiede molto sacrificio.

Quando ho fatto il mio primo aperitivo ormai era già passato di moda perché alla sera ero sempre ad allenarmi in palestra.

Molte persone non si rendono conto che i pro hanno solitamente un team di persone che si allenano con loro, compagni di allenamento, allenatori, ecc. e dipendono anche da te.

Quando non puoi combattere perché sei fuori peso, quando i tuoi compagni non possono allenarsi con te perché sei grasso perché stai andando tutte le sere che puoi a mangiare la pizza con la birra, non solo non stai facendo bene, ma stai lasciando solo il tuo team;

Loro non possono contare su di te per allenarsi, per la squadra agonistica, per la palestra, sei una vergogna per l’intero team.

Quando sei un combattente pro, non sarai come tutti gli altri. Tu devi essere un esempio, la tua vita sociale è in palestra.

Cene, feste, aperitivi, locali, ecc non esistono per te quando sei in allenamento per dei match e mentre i tuoi amici sono fuori a farsi i selfie e divertirsi tu sei a casa a organizzare il tuo lavoro del giorno dopo, a riposarti, a prepararti da mangiare pulito per il giorno dopo.

Poi, quando i tuoi amici si svegliano nei loro letti caldi da un bel sonno tu hai già fatto l’allenamento del mattino ( anche se dopo devi andare al lavoro perchè sei un amatore, hai già fatto una parte dell’allenamento della giornata).

Questo è il sacrificio che che serve per essere il migliore.

 

L’organizzazione

Se non sai che allenamento fare, mangi quello che ti ispira, arrivi in ritardo o lasci le cose all’ultimo minuto, non sarai mai come un fighter pro.

La corretta pianificazione ti permette di migliorare le tue performance rispetto ai giorni precedenti o di modificare qualcosa nel tuo allenamento o alimentazione per permetterti di progredire .

Se ti aspetti che la gente del tuo team e i tuoi compagni di allenamento ti aiutino, il minimo che puoi fare è organizzarti:

  • Programmare i tuoi allenamenti,
  • il tipo di allenamento che devi fare,
  • cosa devi migliorare,
  • alimentarti correttamente,
  • seguire il tuo peso,
  • tenere un diario degli allenamenti, della dieta e del peso,
  • mantenerti in buona salute,
  • la tua strategia di combattimento,
  • ecc.

Questo è essere un fighter pronto quando è necessario.

La Dieta

Devi avere delle buona abitudini alimentari, i fighter che sono seri nel loro sport hanno rigorose abitudini nutrizionali. Non sgarrano mai.

Devi seguire un piano di alimentazione, non solo ipotizzarlo, ma costruire un piano ben definito giorno per giorno per riuscire a trovare la strada migliore per ottenere il peso corretto e allo stesso tempo la forza ed energia necessaria per affrontare i duri allenamenti.

Considera che per i professionisti non si tratta solo di una dieta ma è come se fa parte del loro allenamento perché quando è necessario tagliare il peso, si tratta di costruire un vero e proprio stile di vita, ogni giorno deve essere il modo di vivere di un combattente, non può essere qualche ora due o tre volte alla settimana e poi fregartene.

Si tratta di imparare conoscere gli alimenti giusti per nutrire il corpo con il maggior numero di sostanze nutritive possibile in ogni pasto.

Il Riposo

Se vuoi essere qualsiasi tipo di fighter di livello, devi concentrarti sul piano riposo e di recupero dopo che ti sei allenato.

I combattenti professionisti normalmente si allenano al mattino e al pomeriggio 6 giorni su 7.

Con questa quantità di allenamento, il sonno mancante può influenzare:

  • la tua salute,
  • il tuo peso,
  • la tua prestazioni,
  • la tua concentrazione,
  • la tua determinazione,
  • la tua volontà,
  • ecc.

Devi dormire 7-8 ore di sonno ogni notte e concentrarti sul tuo recupero per poter fare un allenamento di nuovo intenso il giorno dopo.

Ora se c’è uno di questi 5 consigli non sono nelle tue abitudini quotidiane è necessario che cambi subito se vuoi fare veramente un salto di qualità.

Ps. Non guardare i talenti loro hanno un binario a sè ma per esperienza un talento che non rispetta la sua fortuna con il tempo cede a chi si allena con costanza e dedizione seguendo questi 5 semplici consigli.

A te la scelta!!

Andrea