La frusta verde di Bruce Lee non è la bacchetta magica di Harry Potter.

La frusta verde di bambù di Bruce Lee che lui ha usato per spiegare in maniera efficace come rompere il ritmo, il famoso Broken Rhythm.

Dato che JKD è un sistema senza posizioni fisse, Bruce voleva dimostrare vividamente attraverso l’uso di armi non convenzionali che non era affiliato ad alcuno stile o filosofia di arti marziali tradizionali.

La frusta, in questo caso, diventa una metafora della velocità, della flessibilità, dell’elusività e dell’imprevedibilità.

Fatta a mano per le esatte specifiche di Bruce Lee dei Golden Harvest Studios di Hong Kong, la frusta di bambù verde “Broken Rhythm” è una delle armi storiche più simboliche mai utilizzate nella storia del cinema nelle arti marziali

Questa unica frusta flessibile è stata progettata per aiutare a illustrare i principi fondamentali del suo rivoluzionario sistema di arti marziali, Jeet Kune Do.

La tecnica di Bruce Lee è chiaramente visibile durante la sua celebre sequenza di combattimento nella pagoda dove nel primo piano ha lo scontro con Guro Dan Inosanto nel film Game of Death.

Prima di affrontare nel film Dan Inosanto che è armato con due bastoni di Kali filippino rossi, Bruce fa dei commenti sulla frusta, dicendo: “Sai tesoro, questo Bamboo è più lungo, più flessibile e molto vivo … e quando la tua routine appariscente non posso stare al passo con la velocità e l’elusività di questa cosa qui, tutto quello che posso dire è che sarai nei guai “. Questo è quasi direttamente in linea con la sua affermazione che l’uomo è più importante di qualsiasi stile o sistema, un pezzo di legno morto che va contro un’arma flessibile che è “molto viva”.

Poi continua a “spiegare” al suo avversario mentre combatte, ma uno “strumento” usato per educare il pubblico e per sconfiggere il suo avversario, abbattendo la sua sicurezza che a sua volta lo rende meno aggressivo.Bruce Lee menziona anche il “Broken Rhythm”, un modo potente per confondere un avversario cambiando frequentemente il ritmo o il tempismo di un combattimento per lanciare un avversario alla sprovvista.

Straordinario! quello che faceva vedere in un “semplice” film che usava per fare conoscere la filosofia della sua arte.

La frusta di bambù è lunga 105 cm (45,5 pollici).

Bruce Lee era un vero innovatore in tutti i sensi, e quest’unica arma di bambù, rinforzata con un rivestimento protettivo gommato, è un esempio lampante della sua capacità di illustrare principi complessi attraverso mezzi visivi dinamici.

Bruce Lee adorava la Bamboo Whip così tanto che il titolo del suo prossimo film doveva essere Green Bamboo Warrior, e doveva essere centrato attorno a quest’arma.

La frusta di Bruce Lee è simile alla frusta Sjambok!

Il Sjambok o Litupa è una frusta di cuoio pesante ed è tradizionalmente costituita da una pelle di ippopotamo adulto (o rinoceronte), ma è anche comunemente realizzato in plastica.

Una striscia della pelle dell’animale viene tagliata e intagliata in una striscia lunga da 0,9 a 1,5 metri (da 3 a 5 piedi), che si assottiglia da uno spessore di circa 25 mm (1 in) al manico a circa 10 mm (3/8 in) al mancia. Questa striscia viene quindi arrotolata fino a raggiungere una forma cilindrica rastremata. La frusta risultante è sia flessibile che duratura.

Una versione in plastica è stata creata per la polizia sudafricana e utilizzata in modo efficace per il controllo antisommossa. È possibile acquistare Sjambok sintetico di alta qualità in polipropilene fatto dalla Cold Steel.

Il Sjambok aveva una varietà di usi, la più comune è la guida al bestiame, era molto usato dai Voortrekker che guidavano i loro buoi mentre migravano dal Capo di Buona Speranza ma ancora oggi, il Sjambok è usato dai mandriani per guidare il bestiame. Sono ampiamente disponibili in Sud Africa, da commercianti informali a negozi regolari da una varietà di materiali, lunghezze e spessori.

E’ un’arma efficace per uccidere i serpenti e allontanare i cani e altri aggressori e sono ancora portati in pubblico da molti neri sudafricani per l’autodifesa.

Molte famiglie sudafricane hanno in casa un Sjambok.

Un pò di storia

Il nome sembra essersi originato come Cambuk in Indonesia, dove era il nome di un’asta di legno per punire gli schiavi, in cui era probabilmente derivato dal Chabouk persiano. Quando gli schiavi malesi arrivarono in Sud Africa nel 1800, lo strumento e il suo nome furono importati insieme a loro, il materiale fu cambiato per nascondersi e il nome fu infine incorporato in afrikaans, scritto come Sjambok.

Lo strumento è anche conosciuto come Imvubu (ippopotamo in Zulu), Kiboko (ippopotamo in Swahili) e Mnigolo (ippopotamo in Malinké). Nelle colonie africane portoghesi e nello stato libero del Congo si chiamava Chicote, dalla parola portoghese per la frusta.

Nel Congo Belga, lo strumento era noto anche come Fimbo ed era usato per forzare il lavoro dalla popolazione locale attraverso la fustigazione, a volte fino alla morte. La tariffa ufficiale per la punizione in questo caso fu abbassata nel tempo da venti colpi a otto, poi (nel 1949) sei, e progressivamente quattro e due, fino a quando la fustigazione fu completamente bandita nel 1955. Nel Nord Africa, in particolare in Egitto, venne chiamata la frusta un Kurbash, dopo l’arabo per la frusta. Il termine Shaabuug è usato nella lingua somala; può anche riferirsi a una frusta di cuoio generica.

Il messaggio di Bruce nella sua metafora è molto importante perchè racchiude degli insegnamenti fondamentali se vuoi evolvere nel combattimento.

Andrea

5 modi per vedere se il tuo coltello è affilato

 
Questo blog non è un posto dove puoi venire a fare prediche moralistiche, non perchè non è corretto aspirare a un mondo giusto e migliore ma le tue regole non sono quelle seguite dal tuo probabile aggressore e di sicuro non ti vuole fare nessuno sconto e tu non devi farlo a lui.

Le armi rappresentano un forte equalizzatore utilizato da un aggressore per intimidirti, estorgerti qualcosa, rapinarti o farti fare cose che non puoi fare ed è allo stesso tempo un forte deterrente anche per lui perchè la lama è una lama per tutti e nessuno vuole fare un duello di coltello perchè la paura non è unilaterale a meno che trovi un pazzo o un drogato di “crocodile”.

Ora la tua lama deve essere sempre affilata, ma come fai a capire se il tuo coltello che ti sei comprato su amazon dopo avere visto un film.

Un coltello affilato è più sicuro di quello che nelle tue mani che non è affilato.

Ti suona strano?

Le lame affilate sono più facili da usare. Sono più facili per tagliare e controllare. Fanno quello che vuoi e lo fanno bene per la maggior parte del tempo.

Per coloro che hanno una lama che non stia vivendo fino al suo pieno potenziale devi sapere che potrebbe essere uno strumento inutile perchè effettuare un taglio e non un graffio non è qualcosa che puoi fare con una lama non affilata e per verificare questo ci sono dei metodi sperimentati e testati.

Sai, hai presenti come quelle tradizioni che tuo nonno ha sempre fatto davanti a te e che magari hai dimenticato.

In Italia anche se si è persa, c’è una antica tradizione sull’uso del coltello al pari dei pesi medio orientali e latino americani.

Ecco 5 metodi per verificare se il tuo coltello taglia:
  • Test di carta – Il test di carta è famoso come il foro rotondo sui coltelli della Spyderco. Prendi una carta da stampante, una rubrica telefonica o qualsiasi altra carta relativamente sottile che puoi trovare. Fai questo gioco cercando di rasare delle linee di carta il più sottili possibile. Se vedi che scorre facilmente stai facendo bene, è affilato ma se la tua lama deve premere attraverso la carta o semplicemente piega e rimescola alora il tuo coltello ha bisogno di un una riaffilatura, ecco tutto, fai questo atto di amore, affila il tuo coltello.
  • Rasatura dei peli – Se osservi attentamente le braccia degli appassionati di coltelli, probabilmente vedrai delle zone delle braccia dove proprio non sembrano proprio crescere i peli ma non è così. Un coltello che facilmente rade i peli è un coltello molto affilato. Hai presente il rasoio del barbiere, ecco la fame del “rasoio tagliente”  del barbiere è nel pensiero comune delle persone. I peli delle bracci sono un ottimo modo per testare l’affilatura della lama su ogni tipo di lama.
  • Unghia – Le lame di coltello affilato penetrano nelle unghie. È una specie di attrazione magnetica, ma con acciaio affilato e qualunque sia la forma delle unghie accade questo. Basta posizionare la tua lama in un’unghia ad un leggero angolo. Se la lama penetra è affilata , se scivola, è neccessario che gli dedichi tempo e attenzione, è da affilare.
  • Pomodoro o patate – Pomodori e patate attraverso la tua lama affilata devono tagliarso con molta facilità. Se il tuo coltello può tagliare sottili pezzi di pomodoro senza sforzo, è affilato. Quando si affettano le patate, più liscio è il bordo della patata, più è affilata la lama. i coltelli poco affilati invece lasceranno bordi più rovinati e rotti.
  • Feel It ! (senti) – Forse il trucco più antico del libro e la carta è il metodo del pollice. Esegui il pollice perpendicolarmente sul bordo di taglio del tuo coltello (non lungo la lama!) E vedere se si può sentire una leggera afferra. Ciò richiede una certa pratica prima che tu sia in grado di sentire la differenza tra un coltello tagliente e uno inutile. Non ti devo spiegare che fare questo può essere pericoloso e devi fare questa presa con estrema cautela!

Ora che hai testato il tuo coltello attraverso i test di taglio, rimane una domanda: è necessario un pò di amore e rispetto per la tua lama?

Si! Ricordati di rispettare la lama.

Le seguenti guida di affilatura ripristinerà la tua lama a tutta la gloria che aveva quando era fresca nella scatola ma ricordati di rispettarla, non è un gioco, non mancargli mai di rispetto perchè è e rimane una delle armi più insidiose create dall’uomo nonostante la sua apperente semplicità.

Andrea

Uno a uno con le armi non è mai buono

Quando si tratta di armi, alcuni sconti che puoi farti quando sei a mano nuda vengono annullati.

Armi come il coltello ancora oggi sono una delle più versatili e più insidiose tipologie di tools inventati dall’uomo nonostante siano passati millenni e rimane una delle tematiche più discusse quando si parla di aggressioni di coltello.

Uno dei motivi che mi ha portato a studiare l’uso delle armi è nata proprio dall’osservare che tra i più forti striker che vedevo negli stage in giro per il mondo molti di questi erano anche esperti nel maneggiare armi da taglio.

L’approccio tecnico, fisico e mentale dell’uso delle armi da taglio porta il livello di allenamento verso dei confini che praticando solo la mano nuda (striking per intenderci) non puoi raggiungere.

Con le armi non puoi essere MAI toccato e i colpi di punta sei costretto a gestirli con assorbimenti e schivate portando il livello di footwork all’estremo.

Questo approccio ti porta a un approccio inizialmente psicologico dove anche se è un allenamento non devi essere mai toccato e fisico con la ricerca continua di uscire dalla lezione senza essere stato toccato.

Questo deve essere il tuo obiettivo con l’uso delle armi da taglio. Quindi occhio!!

Questo mantra che rimbomba nella tua testa all’inizio è frustrante perchè vieni toccato molte volte, ma è questa continua ricerca che ti porta a renderti evasivo non solo con le armi ma anche a mano nuda.

Questo approccio mentale ti rende sempre più attento all’ambiente, alla distanza, alla posizione del tuo corpo, al tuo footwork.

E’ uno dei lavori più complicati! ma che racchiude in se soddisfazioni nel tempo per chiunque conosca e inizia a lavorare con questa mentalità.

Il lavoro con le armi è una MENTALITA’.
Il lavoro con le armi richiede una certa mentalità di metodo e di approccio.

Sia che si tratti di armi da fuoco che di armi da taglio, dare un colpo senza preoccuparsi di riceverne un’altro diventa una vittoria inutile.

Il pareggio con le armi non esiste, significa due feriti nella migliore delle ipotesi o due morti.

In generale nel combattimento e ancora di più se incude le armi è importante che hai a mente questo semplice schema:

  • 0 a 0 –> va benissimo
  • 1 a 0 –> per te va benissimo
  • 1 – 1 –> non va bene
  • 0 a 1 –> non te lo devo neanche scrivere, sei stato fregato.

Ora la scherma è un’arte marziale europea, è il residuo di un codice marziale aristocratico di condotta virile tra uomini ma non così purificato da eliminare del tutto i pericoli e nemmeno così aristocratico da evitare i tatticismi o gli imbrogli.

Una volta che ti addentri nello studio di questa forma straordinaria di combattimento rituale e riconosciuta la sua tecnica, inizi ad intuire che è una difesa personale armata.

Ora perché ti parlo di scherm, il motivo è che alcuni cenni su questa arte sono un importante spunto da prendere per parlarti della scherma ma corta, il perchè ti dico questo lo puoi intuire facilmente, il coltello in tasca lo portano in molti una spada no.

Per comprendere meglio il significato di questo articolo voglio che conosci le regole base delle scherma e il suo regolamento, che può essere anche usato come spunto sportivo per la scherma corta nei tuoi allenamenti anche se molte limitazioni se il tuo obiettivo è la difesa personale le devi eliminare o utilizzare per costruire degli esercizi mirati.

Fondamentali della scherma

Gli incontri di scherma consistono in tre segmenti di tre minuti, combattuti su una pedana la cui larghezza dev’essere compresa tra 1,5 e 2 metri. Gli schermidori si aggiudicano i punti quando colpiscono la zona bersaglio del loro avversario, che varia a seconda dell’arma utilizzata. Vince chi si aggiudica più stoccate, e in caso di parità viene disputato un minuto supplementare. Prima del tempo supplementare viene sorteggiato quale dei due atleti vincerà in caso di nuovo pareggio, per obbligare gli schermidori a essere aggressivi.

Penalità
Si possono assegnare penalità in caso di spinte, utilizzo delle mani per deviare i colpi o rifiuto di salutare l’avversario. Gli arbitri assegnano un cartellino giallo e un’ammonizione alla prima infrazione, poi un cartellino rosso e un punto di penalità e alla terza violazione un cartellino nero che indica la squalifica. È vietato respingere la lama con il braccio, ma si tratta di una pratica diffusa: la scherma di alto livello è talmente rapida che difficilmente gli arbitri se ne accorgono.

Armi

  • Fioretto
    La più leggera e flessibile delle spade fu inventata nella Francia del Diciottesimo secolo a scopo di allenamento. Sono validi solo i colpi portati con la punta e solo sul torso.
  • Spada
    Più simile alla tipica arma da duello del Diciannovesimo secolo, la spada può colpire qualsiasi parte del corpo ma solo con la punta; questo perché in origine questo stile era destinato a provocare sangue ma non a uccidere.
  • Sciabola
    Derivata dalle spade dei cavalleggeri e da armi da duello come lo stocco, la sciabola è progettata per tagliare e squarciare più che per colpire di punta. Si può colpire con qualsiasi parte dell’arma qualsiasi parte del corpo, ma solo dalla vita in su (compresa la maschera e la schiena).

Un po’ di tecnica
Quando la stoccata è stata assegnata e l’assalto interrotto, i giudici descrivono l’azione vincente in termini tecnici. Gli stessi termini verranno utilizzati dai telecronisti, quindi tanto vale saperli.

  • Attacco: la prima azione offensiva.
  • Parata: una difesa vincente con deviazione della lama dell’attaccante.
  • Risposta: l’attacco che segue una parata vincente.
  • Rimessa: l’attacco portato, senza ulteriore avanzata, immediatamente dopo un proprio attacco fallito.
  • Raddoppio: l’attacco portato a un avversario che abbia perso la priorità per inazione o lentezza.

Armi e stili

Fioretto
Rigidamente disciplinati dalle regole di priorità, gli assalti nel fioretto sono molto tecnici; movimenti brevi e rapidi sono basilari per assicurarsi un vantaggio.

Spada
Il duello di spada è il più simile nello stile a quello classico: il bersaglio è l’intero corpo, e sono ammesse le collisioni. Il contrattacco è spesso lo stile preferito. Vedrete gli schermidori più intenti a provocare un attacco che non a lanciarlo, per poi rispondere al primo spiraglio utile.

Sciabola
Dato che è permesso colpire con qualsiasi parte della lama e le parate risultano difficili, la difesa nella sciabola è più un lavoro di gambe e di posizione. Potendo colpire sia di taglio che di punta il duello è più spettacolare, ed è inoltre ammessa la flèche o «frecciata»: un attacco nel quale il corpo è decisamente inclinato in avanti con il braccio armato slanciato e l’altro disteso all’indietro.

Una cosa che non ho mai apprezzato eccessivamente nelle gare di scherma è il delay (ritardo) tra il colpo a segno e il colpo dell’avversario che sancisce il punto. Mi spiego meglio.

Chi colpisce chi? La priorità

Se entrambi gli schermidori mettono a segno un colpo contemporaneamente, a chi viene assegnato il punto? Per risolvere questo problema, nel fioretto e nella sciabola esiste la regola della priorità: il duellante che attacca per primo ha la priorità, e in genere si aggiudica il punto.

Chi si difende può ottenere la priorità e diventare attaccante se il colpo dell’avversario fallisce, ma deve esercitarla in fretta altrimenti la perde.

Se non è possibile stabilire a chi spetti la priorità, il punto non viene assegnato.

Nella spada, dove la priorità non esiste, se ci si colpisce contemporaneamente entro un venticinquesimo di secondo il punto viene assegnato a entrambi, a meno che il punteggio sia in parità e manchi un punto alla vittoria: in questo caso, il punto non viene assegnato a nessuno.

Questo approccio sportivo di colpirsi contemporaneamente nella realtà può significare che entrambi gli avversari si sono infilzati e la speranza di uno o dell’altro è nella non gravità della ferita subita.

Perchè questo approccio?. Forse qualcuno ha considerato questo dalay sufficiente per bloccare un avversario?.

Quando ti alleni a mano nuda ma ancora di più con le armi devi sempre considerare l’uscita dal tua attacco.

A mano nuda se hai colpito l’avversario il suo eventuale colpo a segno potrebbe essere scarico nonostante vada a segno portando un danno nullo o molto limitato, ma se nella sua mano c’è un coltello o un machete, questo colpo anche se scarico a bersaglio può creare dei danni incredibili.

Ora non puoi pensare di fare un corretto lavoro con le armi se non consideri correttamente la tua posizione e la tua postura dopo che sei andato a bersaglio o hai mancato il bersaglio.

Tu con le armi “non ci devi mai essere!“.

Essere toccati con le armi significa essere feriti o uccisi e devi abituarti a cercare durante l’allenamento con le armi a non essere mai toccato neanche per gioco, è complesso?. Non devo neanche risponderti.

Come puoi capire da solo stai per entrare in Matrix. Perchè ti dico questo? perchè stai per entrare in uno dei più misteriosi e controversi medodi di combattimento che l’uomo ha creato, l’uso delle armi e in particolare delle armi da taglio.

Purtroppo la cronaca è pieno di episodi di vilenza utilizzando uno degli strumenti più diffusi al mondo, il coltello.

Come avrai letto questa arma è un potente equalizzatore e uomini di forza superiore, fighter esperti di sport da combattimento, pugili, ecc. sono sfortunatamente capitati in questo Matrix dove sono rimasti gravemente feriti se non addirittura uccisi.

Questo deve farti riflettere perchè non si trattava di persone indifese, ma dei veri fighter eppure l’arma da taglio non le ha lasciato scampo.

Perchè?

Prima di tutto spesso le aggressioni di coltello come ho già detto in un post non sono con regole di onore e quindi non c’è nessun duello ma è una vera a propria trappola a cui è difficile uscirne ed è qui che devi conoscere bene e sempre più a fondo quello che è il contesto e la sua analisi, argomento di cui ti ho parlato più volte.

Chiaramente se ricevere un pugno può darti una possibilità di reazione quando si tratta di ferite da taglio diventa tutto sempre più complicato ed è lì che deve cambiare l’approccio formativo e psicologico dell’uso delle armi.

Tendenzialmente l’attacco di coltello è un assalto con un gran numero di colpi a ripetizione che arrivano dallo stesso lato.

No!! non è quello che fa un esperto di coltello, ma rimane nonostante la ripetitività del gesto qualcosa di estremamente pericoloso, pieno di una carica di violenza e aggressività che è la prima cosa che ti può sorprendere ancora prima dell’arma.

Spesso mi capita di vedere incontri di scherma, è qualcosa che seguo regolarmente e anche se non c’è la tridimensionalità della scherma corta (visto l’utilizzo della pedana) è qualcosa di estremamente interessante e propedeutico ma una delle cose che mi ha sempre dato fastidio è che anche se si tratta di sport spesso i due avversari si toccano spesso quasi contemporaneamente assegnado il punto a uno dei due che ha toccato per primo, questo nella realtà significa due feriti, due morti, o un morto e un ferito o due feriti.

Se tu porti questo nella realtà capisci che tu devi essere molto più conservativo perchè colpirsi quasi insieme ed entrambi a bersaglio significa grossi problemi.

Considera inoltre che l’unica arma utilizzabile è la spada o il fioretto e non è possibile usare altre parti del tuo corpo per attaccare, non puoi afferrare e non puoi colpire alcuni parti del tuo avversario, queste limitazioni rendono l’uso di armi nella difesa personale uno dei combattimenti più complessi nel mondo delle arti marziali dove la cura maniacale del dettaglio non è ancora mai sufficiente.

Ora questo post non è contro l’approccio sportivo alla scherma che comunque deve avere delle regole visto che è uno sport ma una riflessione sul fatto che uno a uno con le armi in generale non è mai buono.

Il tuo approccio psicologico all’utilizzo delle armi da taglio deve essere solo uno nei confronti del tuo avversario: NON MI DEVI MAI TOCCARE!

Se si tratti di una rountine, di un drills, di sparring, non importa non ti devi mai fare toccare.

Non è mai un gioco!! anche se stai usando dei coltelli in alluminio con i tuoi compagni di allenamenti.

Ps. Visto che qualcuno me lo ha detto compagni di allenamento non ha nessuna inclinazione politica quindi se stai pensando una cazzata falla subito sparire dalla tua mente e chi mi conosce sa che certi discorsi ideologici con me non funzionano e che mi sta sul cazzo chi si appropria di parole comuni per fini politici e personali, quindi per me qualunqua idea politica tu abbia devi sapere che con me puoi parlare solo di idee e non di ideologie, rispondo solo delle idee!. Se è buona ti appoggio se è una cazzata immagina il mio dito medio davanti alla tua faccia, mi annoiano i fanatici delle ideologie peggio ancora se nostalgiche mentre adoro chi ha idee e progetti che vanno al di là del proprio orticello o fine personale.

Ora torniamo a quello che mi interessa!

Ci sono moltissime ragioni per inziare a praticare l’uso delle armi ma uno importante e che riguarda proprio quello che fai oggi ed è che l’uso delle armi è un turbo per la tua arte marziale.

L’approccio fisico e mentale di lavorare con il concetto di non poter essere mai toccato ti porta a enfatizzare al massimo gli skills evasivi è un senso della distanza incredibile che porta a estremizzare l’utilizzo del footwork, della posizione del tuo corpo e la distribuzione del peso.

Sia che tu pratichi sport da combattimento ma ancora di più se pratichi difesa personale la scherma corta è qualcosa che devi integrare nei tuoi allenamenti in che percentuale è qualcosa di cui ne parleremo in un articolo specifico.

Inizia a usare questo spunto, ascolta il mio consiglio.

Andrea

Karambit da allenamento.

Karambit Training

Una delle cose importanti nell’allenamento è avere delle attrezzature per effettuare le tecniche in sicurezza.

Il coltello da karambit necessita di molto allenamento e per la sua peculiarità è importante che la riproduzione da training sia fatta correttamente per allenarsi correttamente ed evitare rischi di infortuni per te e per il tuo compagno di allenamento.

Esistono molti modelli di Karambit da allenamento, sia come dimensione, che come tipologia, full tang e folder, e fatti  con materiali differenti.

Quelli da training che ti consiglio sono quelli che riproducono il tuo coltello karambit reale. Non allenarti con qualcosa che non assomiglia come dimensioni e peso al tuo vero knife.

Questa è una regola generale!.

Le varianti di plastica e legno se vuoi possono andare bene per fare dello sparring, perché sono leggere e senza spigoli, ma io consiglio sempre per lo sparring di usare coltelli in alluminio e protezioni simili alla scherma per proteggere la testa e le mani.

Per quanto riguarda l’aspetto tecnico il tuo coltello da training dovrebbe essere il tuo coltello vero sfilato e senza la punta, quindi devi comprarne due, questa è la regola in expertfighting!!.

Solitamente come ti dicevo i materiali sono essenzialmente 4:

  • Acciaio
  • Alluminio
  • Plastici
  • Legno

Questi sono alcuni esempi di coltelli da training e come vedi alcuni sono molto semplici, volendo con un minimo di abilità e di attrezzatura è possibile costruirsi da soli alcuni di questi tools ma mi raccomando alla sicurezza.

Ps. Se hai bisogno di Karambit da training o dei consigli su come farli scrivimi!!

@mail: expert.fighting@gmail.com

Quello che ti consiglio e di studiare le tecniche con un coltello da training ricavato da un karambit reale per avere la stessa dimensione, peso e dinamiche in movimento.

Il karambit come per il coltello butterfly avendo dei movimenti dinamici richiede che abbia un peso e un bilanciamento ben definito che devi imparare a conoscere e gestire.

Esistono moltissimi esercizi che puoi fare con il karambit da training!. Allenati!.

Andrea

Come portare il Karambit.

Il trasporto e l’estrazione del karambit è una parte integrante dello studio stesso dell’utilizzo dell’arma.

La capacità di estrazione del coltello è una fase fondamentale e molto importante, nella difesa personale perché può fare la differenza.

Ps. come sai trasportare il karambit in Italia è vietato per legge, quindi se hai con te il tuo karambit sei passabile di denuncia.

Il Karambit può essere trasportato in numerose posizioni e la “migliore” è quello più adatto alle tue esigenze e all’uso previsto.

Può essere trasportato:

  • attorno al collo,
  • nascosto o non nascosto,
  • in posizione trasversale,
  • davanti o dietro la cintura,
  • all’interno o all’esterno della cintura,
  • nella parte anteriore o posteriore del tronco, l
  • laterale portante standard (anello verso l’alto),
  • invertito (anello verso il basso),
  • in una rigida coscia
  • o in numerosi altri modi.

Quindi non c’è limiti alla fantasia e ci sono altri metodi naturalmente, ma per tutti gli scopi pratici questi sono i più comuni. Ora la tua scelta dipende molto dallo scopo a cui ti serve il karambit e la tua capacità tecnica e soprattutto quello che ti viene più istintivo e naturale.

Una cosa importantissima, considera che il karambit trasportato deve essere messo in sicurezza perché in movimento rapido, in caso di caduta, in caso di collutazione a mano nuda, ecc. non deve ferirti.

La “custodia” è un aspetto importantissimo e vale per qualunque arma a taglio che trasporti.

Ci sono otto posizioni comuni di trasporto vicine alle mani:

  1. Tasca laterale sinistra
  2. Tasca laterale destra
  3. Tasca posteriore sinistra
  4. Tasca posteriore destra
  5. Cintura anteriore
  6. Cinturino posteriore
  7. Fiano vicino all’osso dell’anca sinistro
  8. Fianco vicino all’osso dell’anca destro

Inoltre, per il trasporto della cintura, e in base alla preferenza di accesso, il coltello può essere posizionato per eseguire l’estrazione a mano o a metà in entrambe le posizioni anteriori o posteriori.

Sembra abbastanza ovvio, ma per logica se sei destro, allora dovresti portare la tua lama posizionata per facilitare l’accesso con la mano destra. Viceversa se sei mancino, dovresti portare la tua lama posizionata per ottimizzare l’accesso con la mano sinistra.

Alcune persone sono veramente ambidextrous e possono utilizzare entrambe le mani in modo efficace come l’altro.

Se sei capace di essere uno di questi dotati naturalmente allora non ha bisogno di preoccuparti di una scelta così importante soprattutto se si tratta di difesa personale.

La clip dei karambit folder è fatta solitamente per essere smontata e avvitata nella posizione che si presta per l’utilizzatore.

Volendo può anche essere posizionata per avere l’anello verso il basso, in questa maniera rimane più nascosto nella tasca perché non si vede l’anello, però non ha senso perché non ti permette di sfruttare il ring per poterlo estrarre già con il grip standard tipico del karambit.

La posizione del karambit fonder nella tasca anteriore posizionato verso il fianco non permette di sfruttare l’ingaggio del gancio ricavato nella forma della lama con la cucitura della tasca del pantalone e che permette di estrarre il karambit già aperto e pronto all’uso.

Questa posizione è sconsigliabile per la difesa personale!!.

Devi posizionarlo nella tasca nella posizione tutta avanti.

Nella immagine di sotto si trova nella tasca posteriore per un destro.

Devi sempre portare il tuo karambit nello stesso posto. Se ti occorre in fretta e sotto stress, non puoi pensare: “Dove ho messo il mio karambit?“.

Immagina di guidare e ogni volta che improvvisamente ti serve frenare ti cambiano la posizione del pedale?. Entreresti nel panico e sarebbe una grande perdita di tempo e non puoi permettertelo.

Stessa cosa con il tuo coltello, una volta che si decide una posizione di trasporto che si adatta al tuo profilo personale e le esigenze di utilizzo, non cambiarla!!

Allenati nella estrazione rapida del tuo coltello.

Il più sicuro e più efficiente estrazione di un qualsiasi strumento è quella che ti permette una transizione diretta, breve e che inizia con una presa sicura, continua attraverso la posizione di guardia e termina con l’attrezzo pronto per l’operazione.

Portare il tuo karambit non è sufficiente devi anche praticare l’estrazione.

Clicca sul link per vedere il video – Alessandro Karambit

Quando si tratta di una versione di Karambit a lama fissa, l’estrazione è più semplice: afferri l’impugnatura e tiri il karambit dalla fondina.

Per i karambit folder (pieghevoli) richiedono un po’ più di più pratica e di test per riuscire a trovare la corretta posizione per poterlo estrarre dalla tasca per quando necessario e soprattutto che esca aperto.

Spendi del tempo a testare le estrazioni con un karambit pieghevole con una clip per assicurare che la tua lama sia sempre pronta per una rapida e sicura implementazione.

Ps. Io un paio di karambit folder li ho “modificati” perché non avevano la zona di appoggio del pollice (guarda qui) che è la zona che deve avere una forma coretta per permette l’ingaggio con il tessuto della tasca in fase di estrazione per permette alla lama di aprirsi che non era adatta a fare quella funzione. Un karambit così è utile come utensile da tutti i giorni ma non è adatto per la difesa personale.

In questi ultimi anni si sono anche visti dei Karambit butterfly, anche questa tipologia di karambit necessità uno studio aggiuntivo molto vasto, direi che è qualcosa da esplorare se sei un utilizzatore di coltello butterfly.

Andrea

(Un giorno di questi vi faccio vedere una felpa modificata!!)